^
A
A
A

Notifica e gestione di partner sessuali con malattie sessualmente trasmissibili

 
, Editor medico
Ultima recensione: 12.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

In quasi tutti i casi, devono essere esaminati i partner di pazienti con MST. Se è probabile la diagnosi di un STD curabile, dovrebbero essere prescritti antibiotici appropriati anche in assenza di segni clinici di infezione e fino a quando non si ottengano risultati di laboratorio. In molti stati, servizi sanitari locali o federali possono aiutare a individuare i partner di pazienti con determinate malattie sessualmente trasmissibili, in particolare l'HIV, la sifilide, la gonorrea e clamidia.

Gli operatori sanitari dovrebbero convincere i pazienti con malattie sessualmente trasmissibili che dovrebbero informare i loro partner sessuali di una possibile infezione, compresi quelli che non presentano sintomi, e consigliare questi partner di andare in clinica per l'esame. Questo tipo di rilevazione di partner denominati". Partner notare il paziente 'Nelle situazioni in cui si noti il paziente non può essere efficace o non è possibile, il personale dei servizi clinici dovrebbe informare i partner sessuali del paziente o da un" avviso di comune accordo 'o notifica da parte di un servizio di cura.' La notifica per accordo "è un modo per identificare i partner, in cui il paziente si impegna a notificare i suoi partner entro un certo periodo di tempo. Esimo periodo di tempo, utilizzare il servizio di assistenza, vale a dire. E. Partner pazienti infettati con nome vengono identificati e consultati il personale delle istituzioni sanitarie.

Il gap della catena di trasmissione è cruciale per il controllo STD. Ulteriore trasmissione e reinfezione di malattie sessualmente trasmissibili curabili possono essere prevenute se è possibile identificare partner sessuali per diagnosi, trattamento, vaccinazione e consulenza. Quando un medico invia pazienti infetti a dipartimenti sanitari locali o federali, il personale addestrato può intervistarli per scoprire i nomi e le sedi di tutti i partner sessuali. Ogni dipartimento della salute pubblica si preoccupa del coinvolgimento dei pazienti nell'identificazione dei partner. Pertanto, data la riservatezza delle informazioni fornite da loro, molti pazienti preferiscono che la notifica dei partner debba essere fatta da funzionari sanitari. Tuttavia, i funzionari sanitari non possono sempre fornire una prevenzione adeguata per contattare le persone di tutti i pazienti con malattie sessualmente trasmissibili. In situazioni in cui il numero di partner i cui nomi potrebbero non essere noti ai pazienti è significativo, ad esempio, tra coloro che offrono servizi sessuali in cambio di farmaci, l'individuazione attiva di malattie sessualmente trasmissibili in individui ad alto rischio può essere più efficace nell'interrompere l'ulteriore trasmissione di infezione rispetto alle attività svolte dai medici per identificare i partner. Le raccomandazioni per la gestione dei partner sessuali e le raccomandazioni per l'identificazione dei partner per le malattie sessualmente trasmissibili specifiche sono incluse nelle sezioni pertinenti di questo manuale.

Registrazione STD e Riservatezza

L'accurata identificazione e la tempestiva segnalazione dei casi di MST sono parte del successo del controllo della morbilità. La segnalazione è importante per valutare le tendenze di morbilità, stanziare i fondi necessari e aiutare le autorità sanitarie locali a identificare i partner sessuali che potrebbero essere infetti. Le malattie sessualmente trasmesse / HIV e i casi di AIDS devono essere segnalati in conformità con i requisiti locali.

La sifilide, la gonorrea e l'AIDS sono malattie registrate in ogni stato. L'infezione da Chlamydia è registrata nella maggior parte degli stati. L'elenco di altre malattie sessualmente trasmissibili soggette a registrazione, inclusa l'infezione da HIV asintomatica, varia da stato a stato e i medici devono essere a conoscenza dei requisiti di segnalazione locali. Le segnalazioni possono essere basate su dati clinici e / o di laboratorio. I professionisti della salute che non hanno familiarità con le normative locali sulla registrazione della malattia devono chiedere consiglio ai dipartimenti sanitari locali o verificare con il programma di controllo STD in quello stato.

Le segnalazioni di casi di malattie sessualmente trasmissibili e di infezione da HIV sono condotte con la massima riservatezza e nella maggior parte dei casi i pazienti sono protetti dalla legge per essere costretti a convocare una citazione. In futuro, prima di iniziare un caso STD, i commissari del programma dovrebbero consultare un operatore medico osservando il paziente per verificare la diagnosi e trattare il paziente.

Donne incinte

La trasmissione intrauterina o perinatale delle malattie sessualmente trasmissibili può portare alla morte o ad una grave patologia fetale. È necessario chiedere a una donna incinta e ai suoi partner sessuali di malattie sessualmente trasmissibili e informarli sulla possibilità di sviluppare un'infezione in un neonato.

Test di screening consigliati

  • Il test sierologico per la sifilide deve essere somministrato a tutte le donne in gravidanza alla prima visita durante la gravidanza. Nelle popolazioni in cui non vi è alcuna possibilità di osservazione prenatale completa, un rapido test al plasma (RPR) e il trattamento delle donne (se i risultati del test sono positivi) devono essere effettuati al momento del rilevamento della gravidanza. Per i pazienti appartenenti a gruppi ad alto rischio, lo screening deve essere ripetuto nel terzo trimestre e prima del parto. In alcuni stati, tutte le donne devono essere sottoposte a screening prima della consegna. Nessun neonato può essere dimesso dall'ospedale se un test sierologico per la sifilide non è stato condotto da parte della madre almeno una volta durante la gravidanza e, preferibilmente, una volta di più al momento della consegna. Tutte le donne che hanno avuto nascite con un feto morto devono essere esaminate per la sifilide.
  • Un test sierologico per l'antigene di superficie (HBsAg) del virus dell'epatite B (HBV) deve essere somministrato a tutte le donne in gravidanza alla loro prima visita durante la gravidanza. Le donne con un risultato negativo su HBsAg che sono ad alto rischio di infezione da HBV (cioè consumatori di farmaci UNV, pazienti con STD) dovrebbero essere riesaminate per HBsAg alla fine della gestazione.
  • Il test per Neisseria gonorrfioeae deve essere eseguito alla prima visita durante la gravidanza alle donne a rischio, o alle donne che vivono in aree con alta prevalenza di N. Gonorrhoeae. Un test ripetuto deve essere eseguito nel terzo trimestre di gravidanza per quelle donne che continuano a essere a rischio.
  • Test per Chlamydia trachomatis deve essere eseguita nel terzo trimestre di gravidanza nelle donne con un aumento del rischio (sotto i 25 anni di età con una nuova, o più di un partner) per prevenire le complicanze post-partum in dell'infezione madre e da Chlamydia nel neonato. Lo screening nel primo trimestre di gravidanza può prevenire lo sviluppo di effetti avversi dell'infezione da Chlamydia durante la gravidanza. Tuttavia, la prova degli effetti avversi dell'infezione da Chlamydia durante la gravidanza è minima. Se lo screening viene effettuato solo nel primo trimestre di gravidanza, c'è un lungo periodo di tempo prima del parto, durante il quale può verificarsi un'infezione.
  • I test per l'infezione da HIV dovrebbero essere offerti a tutte le donne incinte alla loro prima visita.
  • Un test per la vaginosi batterica (BV) all'inizio del secondo trimestre può essere eseguito in donne asintomatiche con un alto rischio di parto prematuro (con una storia di parto prematuro).
  • Una macchia per Pap test (Pap) dovrebbe essere eseguita alla prima visita, se non vi è alcun record corrispondente nella storia della malattia per l'ultimo anno.

Altri problemi

Altre questioni relative alla STD che devono essere considerate:

  • Nella conduzione delle donne in gravidanza con l'herpes primario genitale, epatite B, infezione da citomegalovirus primaria (CMV), streptococco di gruppo infezione B, e le donne con la sifilide che sono allergici alla penicillina, potrebbe essere necessario per rendere il loro modo per il consulente per il loro trattamento.
  • E 'necessario presentare i dati su donne in gravidanza che prova di HBsAg, le autorità sanitarie locali e / o statali autorità sanitarie pubbliche, al fine di garantire che questi casi sono registrati nel sistema dei casi di epatite e il loro neonato saranno condotte le opportune misure preventive. Inoltre, le persone che erano state in stretto contatto con una donna HBsAg-positiva dovrebbero essere vaccinate.
  • In assenza di lesioni durante il terzo trimestre di gravidanza, i test di coltura di routine per l'individuazione del virus dell'herpes simplex (HSV) non sono indicati nelle donne con herpes genitale ricorrente nell'anamnesi. Tuttavia, l'isolamento di HSV da tali donne durante il parto può indicare una tattica di gestione del neonato. Il taglio cesareo "preventivo" non è indicato per le donne senza lesioni genitali attive durante il travaglio.
  • La presenza di condilomi genitali non è un'indicazione per il taglio cesareo.

Per una discussione più dettagliata di questi problemi, nonché domande relative a infezioni che non sono trasmesse sessualmente, consultare il Manuale sulla sorveglianza perinatale [6].

NOTA: Per le linee guida sullo screening di donne in gravidanza includono: Guida ai servizi di prevenzione clinici, Linee guida per perinatale Cura, American College of Ostetrici e Ginecologi (ACOG) Bollettino Tecnico: gonorrhoeae e Chlamidial infezioni, Recomendations per la prevenzione e gestione dei Chlamydia trachomatis Infezioni e Epatite in Virus: una strategia globale per l'eliminazione della trasmissione nel Unated Uniti attraverso universali Infanzia Vaccinazioni: raccomandazione del immunizzazione Practices Advisory Commitee (ACIP). Queste fonti non sempre danno le stesse raccomandazioni. Guida ai Clinical Preventive Services raccomanda uno screening dei pazienti a rischio per la clamidia, ma ha indicato che gli intervalli di tempo ottimali, attraverso i quali queste indagini devono essere effettuate - da determinare. Così, Linee guida per la cura perinatale raccomanda lo screening per clamidia per le donne appartenenti a gruppi ad alto rischio di effettuare in prima convocazione e ripetere il test nel terzo trimestre di gravidanza. Lo screening delle donne in gravidanza per malattie a trasmissione sessuale è raccomandato sulla base della gravità di queste malattie e la possibilità di complicazioni, la prevalenza nella popolazione, il costo di considerazioni mediche / legale (comprese le leggi statali) e di altri fattori. Raccomandazioni di screening contenute in questo manuale sono più ampie (per esempio, si consiglia di esaminare più donne a più MST che in altri manuali) e confrontati con altri orientamenti emessi dal CDC. I medici devono scegliere strategia di screening in conformità con le caratteristiche della popolazione e del suo ambiente, guidati dalla rilevazione obiettivi di STD e il loro trattamento.

Adolescenti

I medici che forniscono assistenza agli adolescenti con malattie sessualmente trasmissibili devono tenere presente alcune delle caratteristiche di questi individui.

Il tasso di incidenza della maggior parte delle malattie sessualmente trasmissibili tra gli adolescenti è il più alto nella popolazione; per esempio, l'incidenza della gonorrea è più alta tra le ragazze di età compresa tra 15 e 19 anni. Studi clinici hanno dimostrato che la prevalenza delle infezioni da clamidia e, probabilmente, l'infezione causata dal virus del papillomavirus umano (HPV) è anche la più alta tra gli adolescenti. Inoltre, i dati di sorveglianza epidemiologica mostrano che il 9% degli adolescenti con epatite B, o hanno rapporti sessuali con persone che hanno un'infezione cronica, o hanno avuto più partner sessuali, o hanno avuto contatti prevalentemente omosessuali. Implementando una strategia nazionale per fermare la diffusione dell'HBV negli Stati Uniti, ACIP raccomanda di vaccinare tutti gli adolescenti con vaccino contro l'epatite B.

Gli adolescenti con il più alto rischio di contrarre malattie sessualmente trasmissibili includono uomini gay, eterosessuali sessualmente attivi, clienti di cliniche STD e tossicodipendenti-UNV. I più giovani (sotto i 15 anni), gli adolescenti sessualmente attivi, sono particolarmente a rischio di infezione. L'alto rischio di infezione da STD negli adolescenti è dovuto al fatto che spesso hanno rapporti sessuali non protetti, sono biologicamente più suscettibili alle infezioni e trovano molti ostacoli alla ricerca di assistenza medica.

Gli operatori sanitari dovrebbero considerare questi fattori di rischio e la generale mancanza di conoscenza e comprensione delle conseguenze delle malattie sessualmente trasmissibili negli adolescenti e offrire una guida alla prevenzione primaria al fine di generare un comportamento sessuale sano nei giovani e prevenire l'installazione di modelli comportamentali che potrebbero minare la salute sessuale. Con poche eccezioni, tutti gli adolescenti negli Stati Uniti hanno il diritto di consentire la diagnosi e il trattamento riservato delle malattie sessualmente trasmissibili. L'assistenza medica in queste condizioni può essere fornita senza il consenso dei genitori o anche senza la loro notifica. Inoltre, nella maggior parte degli stati, gli adolescenti possono essere d'accordo con la consulenza e il test per l'HIV. Il diritto al consenso degli adolescenti alla vaccinazione varia a seconda dello stato. Alcuni stati ritengono che per la vaccinazione e per il trattamento delle malattie sessualmente trasmissibili non sia richiesto il consenso dei genitori. Gli operatori sanitari devono comprendere l'importanza della riservatezza per gli adolescenti e compiere ogni sforzo per fornirli nel trattamento delle malattie sessualmente trasmissibili negli adolescenti.

Lo stile e il contenuto della consulenza, così come l'educazione alla salute dovrebbero essere adattati agli adolescenti. La discussione dovrebbe essere coerente con il livello di sviluppo del paziente e mirare ad identificare il comportamento a rischio, come l'uso di droghe o il rapporto sessuale promiscuo. Il comportamento discreto del medico e la storia dettagliata dell'anamnesi sono particolarmente importanti per gli adolescenti che potrebbero non rendersi conto che il loro comportamento include fattori di rischio. L'assistenza medica e la consulenza dovrebbero essere fornite con benevolenza e senza condanna.

Bambini

Il trattamento dei bambini con malattie sessualmente trasmesse richiede una stretta interazione tra medici, laboratori e organizzazioni per la protezione dei bambini. Gli studi, se sono necessari, dovrebbero essere eseguiti senza indugio. Alcune malattie, come la gonorrea, la sifilide e la clamidia, se acquisite dopo il periodo neonatale, in quasi il 100% dei casi indicano un contatto sessuale. Per altre malattie, come l'infezione da HPV e le vaginiti, l'associazione con il contatto sessuale non è così ovvia (vedi Violenza sessuale e MST).

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.