^
A
A
A

Anatomia dei capelli

 
, Editor medico
Ultima recensione: 15.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

I capelli sono l'appendice della pelle. Come strutture correlate, hanno molto in comune, dal piano di costruzione alle caratteristiche di crescita e sviluppo. La deposizione dei follicoli piliferi inizia il 4 ° mese di sviluppo embrionale ed è determinata dall'interazione dei componenti cutanei ed epidermici della cute fetale.

  • Radice dei capelli e follicolo pilifero

La radice dei capelli è una struttura complessa, che non è stata ancora completamente compresa. Di recente, l'interesse per esso è stato risvegliato con una nuova forza grazie alle scoperte, connesse con le cellule staminali, che, come risultò, sono presenti in esso.

La radice dei capelli si trova principalmente nello strato dermico (a volte raggiunge l'ipoderma) ed è circondata da vagine di radice epiteliale (insieme a loro è chiamato il follicolo pilifero). Il follicolo pilifero è separato dal derma da una membrana connettiva del tessuto - la radice (o vaginale) della borsa. Un po 'più in alto è la cosiddetta area di rigonfiamento (dall'inglese - una borsa, sporgenza, rigonfiamento) e la parte inferiore della radice è chiamata cipolla.

La composizione cellulare del follicolo è diversa ed è una miscela di cellule sia specializzate (mature) che non specializzate:

    • cellule specializzate: melanociti (pigmento produrre melanina), cariche fibrose (sintetizzati proteine della matrice extracellulare - collagene, fibronectina), cheratinociti (cheratina sintetizzato), cellule ghiandolari, sebociti (secernere sebo);
    • non specializzate: cellule staminali e cellule progenitrici (sono nelle prime fasi della maturazione e situate nel rigonfiamento, all'interno del bulbo e nello strato basale dell'epidermide). Al follicolo pilifero si uniscono il sudore e le ghiandole sebacee, così come il muscolo che solleva i capelli (arrector pili). La nutrizione e l'innervazione dell'intero complesso sono dovute alla connessione di capillari e terminazioni nervose con la papilla dermica.

Il colore dei capelli è determinato dal rapporto tra due pigmenti - l'eumelanina, che conferisce colore castano o nero ai capelli e feomelanina - sfumature grigiastre e gialle. Entrambi i pigmenti sono prodotti dai melanociti nella fase anagen.

Il follicolo è immerso in uno strato di grasso sottocutaneo. Con l'età, questo strato sulla pelle del cuoio capelluto diventa più sottile. I ricercatori hanno notato l'accumulo di cellule adipose (adipociti) intorno ai follicoli normali svegli che producono attivamente capelli sani e la loro relativa mancanza intorno ai follicoli dormienti. Da ciò si è concluso che gli adipociti servono a "sostenere" la funzione del follicolo pilifero. I fattori che inibiscono la crescita dei capelli, come la chemioterapia o la fame, riducono anche lo strato di grasso sottocutaneo.

Statistiche interessanti:

    • In media sul cuoio capelluto ci sono 100 mila follicoli piliferi (massimo - 150 mila).
    • La densità media sul cuoio capelluto: il bambino ha 600 follicoli per cm2, l'adulto ha 250-300 follicoli per cm2.
    • Nel corso della vita dal follicolo può crescere fino a 30 capelli.
    • Normalmente, circa il 90% dei capelli sulla testa è nella fase di crescita, 1% - nella fase intermedia, 9% - nella fase di riposo.

Fusto per capelli

La crescita continua dei capelli avviene a causa della divisione (proliferazione) delle cellule sedute sulla membrana basale ialina, che delimita la parte interna del follicolo dalla papilla dermica. La separazione dalla membrana basale funge da segnale per l'inizio della maturazione (differenziazione), portando in definitiva alla morte cellulare - le cellule in via di maturazione perdono gradualmente i nuclei e si riempiono di cheratina. A causa della continua divisione delle cellule all'interno del follicolo, si crea una pressione che fa sì che le cellule cheratinizzate si muovano verso l'alto ad una velocità di circa 0,3-0,4 mm al giorno, garantendo così la crescita dei capelli, o più precisamente, del loro gambo.

  • Cuticola - il guscio protettivo dell'asta.

Il fusto del capello (come l'epidermide) ha una struttura a strati. Lo strato esterno - la cuticola - è costituito da 6-10 strati di scaglie cheratiniche sovrapposte, disposte a tessere (Figure I-1-3). Le bilance hanno una forma allungata (spessore - 0,2-0,4 μm, larghezza - circa 0,3 μm, lunghezza - fino a 100 μm) e sono fissate insieme da uno strato lipidico. La struttura della cuticola assomiglia allo strato corneo, anch'esso costituito da squame cheratiniche (sebbene abbiano una forma diversa - esagonale), incollate insieme ai lipidi (barriera lipidica della pelle).

  • Cuticola - la parte più duratura dei capelli, proteggendone l'interno.

Man mano che i capelli crescono, la cuticola viene danneggiata e gradualmente distrutta, rivelando la corteccia. Nei luoghi di distruzione della cuticola si verifica l'evaporazione dell'acqua: il fusto del capello comincia a perdere umidità, diventa fragile, si accumula una carica elettrostatica. Tutto ciò porta al fatto che le proprietà estetiche dei capelli si deteriorano - diventano aggrovigliate, spezzate, sbiadite, mal posate. Un
Ruolo importante nella distruzione della cuticola è giocato da fattori esterni aggressivi - temperatura, radiazioni UV, pettinabilità, composti chimici (compresi quelli che colpiscono i capelli come parte dei prodotti per capelli).

  • La corteccia è lo strato responsabile delle proprietà meccaniche dei capelli.

Sotto la cuticola si trova uno strato corticale - una corteccia composta da file longitudinali di cellule cheratinizzate. Questo strato fornisce la barra con flessibilità e forza. La fibra matrice della corteccia ha una natura proteica ed è ricca di cis-theina, un amminoacido contenente zolfo. I legami disolfuro formati durante il processo di cheratinizzazione conferiscono alla barra una forma caratteristica. Il numero e la posizione di questi legami è determinato geneticamente, pertanto, per cambiare la forma dei capelli, è necessario prima interrompere i legami di disolfuro e quindi ripristinarli in una nuova sequenza (vedere Perm e stiratura dei capelli).

  • Medula - proprietà termoisolanti dei capelli.

Sotto la corteccia di alcuni capelli si trova lo strato di midollo - una medula che ha molti vuoti. Negli animali, lo strato cerebrale è ben sviluppato - la presenza di aria all'interno del fusto del capello riduce la sua conduttività termica: tali capelli servono da buon isolamento termico e proteggono il corpo dai cambiamenti della temperatura ambiente. Nell'uomo, lo strato midollare è presente nei capelli duri (soprattutto capelli grigi).

Sistema di barriera dei capelli

I capelli umani, come l'epidermide, hanno un proprio sistema di barriera che lo protegge da influenze esterne avverse. Le strutture barriera dell'epidermide e dei capelli sono simili. La somiglianza principale è che il principale carico funzionale in essi è rappresentato dai lipidi.

Oltre alla secrezione lipidica delle ghiandole sebacee, che formano un film protettivo sulla superficie del pelo e vengono rimosse durante il lavaggio, all'interno dei capelli sono presenti lipidi cosiddetti integrali (o strutturali). Legandosi covalentemente alla matrice proteica, formano un complesso di membrane cellulari (CMC), che non solo assicura l'adesione delle cellule cuticole e corticali, ma serve anche da barriera per la diffusione di varie sostanze all'interno dei capelli.

Un complesso di membrane cellulari si trova tra le cellule degli strati cuticolare e corticale. La sezione trasversale di elettroni dei capelli è visto che le cellule sono separate da una distanza di 25-30 nm, e nel centro chiaramente strato più denso distinguibili con uno spessore di circa 15 nm, su entrambi i lati del quale vi sono due strati meno densi a contatto diretto con i confini di cellule. La totalità della sostanza intercellulare e il guscio esterno delle cellule è stato chiamato un complesso di membrane cellulari. La CMC forma una rete estesa lungo la fibra, consentendo alle cellule di coesistere tra loro.

È stato scoperto che i lipidi della CMC cuticolare sono mobili e sensibili all'azione di fattori esterni. Perm, radiazioni solari e radiazioni possono portare a forti cambiamenti nella composizione lipidica dei capelli, fino alla completa scomparsa della CMC dalla cuticola.

Un fatto interessante: la luce visibile distrugge la CMC molto più di UFA e UVB. L'eumelanina del pigmento protegge i lipidi dei capelli dalla distruzione fotochimica: le liscidi dei capelli chiari vengono distrutte più rapidamente dei capelli neri.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.