^
A
A
A

Invecchiamento biologico della pelle Tipi di invecchiamento della pelle

 
, Editor medico
Ultima recensione: 15.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Invecchiamento cronologico della pelle

Ci sono cambiamenti nell'epidermide e nelle strutture dermiche. In particolare, la marcata riduzione del numero di cellule epidermiche di righe disturbi di differenziazione dei cheratinociti, cheratinociti aumento delle dimensioni, variazione del rapporto di ceramide o di altri lipidi cutanei altamente specializzati che forniscono proprietà barriera ce, compresa la ritenzione idrica nella pelle. Il livellamento è osservato nella regione della membrana basale. Nel derma con l'invecchiamento, si registra una diminuzione della sintesi di proteine di collagene ed elastina da parte dei fibroblasti. È da queste proteine nella sostanza principale del derma che vengono sintetizzate fibre sintetiche e collagene che forniscono turgore cutaneo (tono) ed elasticità. Inoltre, conto Riduzione dei componenti importanti della sostanza fondamentale del tessuto connettivo, fornendo ritenzione idrica in pelle (glycosoaminoglycanes, condroitin solfati, ecc), disturbi del microcircolo.

Come risultato di questi cambiamenti morfologici diventare evidenti segni clinici di invecchiamento cronologico: diradamento, secchezza, rughe (superficiali e profonde) e diminuzione turgore della pelle, ptosi gravitazionale dei tessuti molli del volto. I sintomi elencati sono primari, o obbligatori; può anche verificarsi indiretto (secondario). Questi includono gonfiore e faccia pastosa, in particolare nella zona periorbitale, grande pori della pelle, faccia eritema, teleangectasie, cheratosi seborroiche, xanthelasma.

La fase di comparsa dei segni di sbiadimento della pelle può essere rappresentata come segue.

Area degli occhi:

  • l'aspetto all'età di 20-25 anni di una rete di sottili rughe superficiali agli angoli degli occhi;
  • l'aspetto di 30-35 anni dei cosiddetti "zampe di gallina", che sono le pieghe radiali agli angoli degli occhi;
  • cambiamento nella condizione della pelle della palpebra superiore e inferiore: l'aspetto delle pieghe strapiombanti nella palpebra superiore, l'abbassamento del livello sopracciglia percepite visivamente come un restringimento delle fessure oculari, nonché formazioni sacculari nella regione palpebra inferiore (non dovute alla patologia degli organi interni); la ptosi delle palpebre superiore e inferiore è accompagnata dalla formazione di "ernie" grasse delle palpebre, cioè il gonfiore del grasso intraorbitario.

Area della pelle sulla fronte:

  • formazione di pieghe longitudinali ("rughe di pensiero") nella fronte;
  • la comparsa di pieghe trasversali nella regione del naso ("rughe di concentrazione").

Area intorno alla bocca:

  • approfondimento delle pieghe naso-labiali;
  • omissione degli angoli della bocca;
  • la formazione di piccole pieghe trasversali sul labbro superiore ("corrugazione").

Area di guance, collo, orecchio:

  • diminuzione del turgore, elasticità della pelle e tono muscolare delle guance e del collo, con conseguente cambiamento della linea ovale del viso, omissione della massa grassa;
  • la comparsa di pieghe nelle aree bovina ed antero-posteriore, cambiamenti nella forma del padiglione auricolare dovuti al cedimento dei lobi.

Invecchiamento della pelle in menopausa

Un ruolo importante nello sviluppo dell'invecchiamento è occupato da cambiamenti fisiologici legati all'età nella sfera endocrina, specialmente quelli che si verificano nel corpo di una donna. Dopo l'inizio della menopausa i processi di invecchiamento sono accelerati. C'è una diminuzione del livello di produzione di estradiolo nelle ovaie, con conseguente interruzione delle mestruazioni, vampate di calore, aumento della pressione sanguigna, osteoporosi e altri cambiamenti. La mancanza di estrogeni influisce in modo significativo sulle varie strutture della pelle. È noto che il livello medio di estradiolo nel plasma sanguigno durante il ciclo mestruale normale è di circa 100 pg / ml e all'inizio della menopausa scende bruscamente a 25 pg / ml. È un forte calo della concentrazione di estradiolo che spiega la rapida comparsa dei segni dell'invecchiamento della pelle in menopausa. Allo stesso tempo, la sintesi extra-ovarica di estrone si verifica nel tessuto adiposo sottocutaneo da androstenediol dalla sua aromatizzazione. Ecco perché nella fase di estinzione della funzione ovarica questo ormone è l'estrogeno dominante, fornendo un significativo effetto protettivo sulla pelle, specialmente nelle donne con peso corporeo eccessivo.

Gli "obiettivi" biologici per gli estrogeni nella pelle sono i cheratinociti basali, i fibroblasti, i melanociti, gli adipociti. Al momento attuale sono state accumulate ampie informazioni sui cambiamenti dell'epidermide, nella regione del contatto dermo-epidermico, nel derma, nella cellula adiposa sottocutanea e anche nei muscoli sottostanti. Nell'epidermide viene rilevato un rallentamento del tasso di proliferazione dei cheratinociti basali, che alla fine porta alla sua atrofia. C'è stata una diminuzione nell'espressione di integrine e CD44, che svolgono un ruolo importante nell'adesione e nella differenziazione dei cheratinociti. Il diradamento dell'epidermide e la violazione della differenziazione dei cheratinociti portano a una violazione delle proprietà barriera della pelle e ad un aumento della perdita di acqua traine-epidermica. I cambiamenti clinici nell'epidermide sono espressi nell'assottigliamento della pelle, nella sua secchezza, nelle rughe superficiali; cambiano anche le proprietà ottiche dello strato corneo, che diventa opaco e acquista una sfumatura giallastra. I pazienti in menopausa registrano spesso la xerosi diffusa della pelle, probabilmente lo sviluppo di un eczema xerotico. La pelle secca e la rottura della cheratinizzazione possono essere la causa dello sviluppo del cheratoderma palmo-plantare (sindrome di Haxsthausen). Rompere le proprietà barriera della pelle porta anche ad una maggiore sensibilità della pelle; ci sono indicazioni di aumento della permeabilità dell'epidermide per vari allergeni e un aumento della dermatite allergica in questa fascia di età.

Per quanto riguarda il contatto dermo-epidermico, nel periodo di perimenopausa è stata osservata una diminuzione del contenuto di collagene di tipo VII in fibrille di ancoraggio. Questi cambiamenti comportano un'interruzione nella fornitura di nutrienti all'epidermide e la levigatezza della linea della membrana basale, che contribuisce anche allo sviluppo dell'atrofia degli strati superficiali della pelle.

Nel derma, si nota una diminuzione del numero e delle dimensioni dei fibroblasti, nonché una diminuzione della loro attività sintetica, principalmente in relazione alla produzione di proteine di collagene ed elastina. È ormai noto che la quantità di collagene e di fibre elastiche, nonché la densità di collagene ed elastina diminuiscono con l'età. Si noti che durante i primi 5 anni dopo la menopausa si perde fino al 30% di collagene. Viene registrata l'accelerazione della degenerazione delle fibre elastiche. Ci sono anche indicazioni per una diminuzione della solubilità delle molecole di collagene e un cambiamento nelle loro proprietà meccaniche. Inoltre, i cambiamenti legati all'età includono la distruzione accelerata delle fibre del derma. Si dimostra che ogni uomo dopo 40 anni perde fino all'1% delle fibre in un anno, e durante la menopausa, questa percentuale aumenta a 2. Inoltre, cambiamenti qualitativi verificano anche come parte di glikozoaminoglikanov (GAG), con il picco di questi cambiamenti sono registrati a 50 anni , che spesso corrisponde all'età della menopausa. Sottolineano inoltre che all'età di 50 anni, il contenuto di condroitin solfato (colesterolo) diminuisce, specialmente nel derma papillare e anche nelle rughe.

Riassumendo il complesso dei cambiamenti cutanei nella perimenopausa, possiamo concludere che portano a una violazione dell'elasticità, del turgore cutaneo e del fenomeno delle prime rughe superficiali e poi profonde.

Attualmente, un ruolo importante nella formazione di rughe profonde e deformazione dei contorni facciali nel periodo perimenopausal viene ritirata non solo le variazioni dell'epidermide e del derma, ma il tessuto adiposo sottocutaneo e dei muscoli facciali. Il volume e la distribuzione del grasso sottocutaneo del viso cambiano. È provato che c'è un'atrofia fisiologica di adipociti. È stata osservata una diminuzione dell'attività perossisomiale degli adipociti, che porta a disturbi significativi nella regolazione della popolazione, nonché a una diminuzione della capacità di accumulare i grassi.

Sullo sfondo dell'iperoestrogenia si intensifica anche la melanogenesi, che spesso porta alla comparsa di melasma (cloasma). La comparsa di eritema sul viso è dovuta alla mancanza di effetti estrogeni sulla vascolatura superficiale. Questo fatto è la causa dello sviluppo della rosacea - dermatosi, che è molto tipica per il periodo climaterico. L'improvviso brusco calo della concentrazione di estradiolo e una graduale diminuzione della produzione di progesterone in alcuni casi porta all'aumento effetti androgeni sulla pelle, che si traducono in irsutismo, seborrea e l'acne (acne tarda), alopecia androgenetica. Il cambiamento nella composizione del sebo e la velocità della sua produzione, così come la violazione delle proprietà barriera della pelle, predispongono allo sviluppo della dermatite seborroica. Il complesso dei cambiamenti morfologici e ormonali può portare al debutto della psoriasi, del lichene piatto rosso e di altre dermatosi infiammatorie croniche in menopausa. Inoltre, con la menopausa, la pelle diventa più soggetta al fotoinvecchiamento, in quanto la produzione di crema solare melanina diventa irregolare e il sistema di protezione della pelle è impedito di danneggiare gli UFO condizionati.

Sono stati identificati vari tipi di invecchiamento. Quando si valutano i segni di cambiamenti della pelle correlati all'età, è importante considerare il tipo di invecchiamento, poiché gli algoritmi per la loro correzione differiscono l'uno dall'altro.

  1. Il tipo di "faccia stanca" si trova nelle prime fasi dell'invecchiamento. Caratterizzato da una diminuzione del turgore cutaneo, gonfiore, gonfiore del viso, principalmente a causa di alterazioni del flusso linfatico. Con questo tipo ci sono già cambiamenti nel tono dei muscoli facciali del viso. L'espressione delle pieghe naso-labiali, l'abbassamento degli angoli degli occhi e delle labbra crea l'impressione di affaticamento e stanchezza.
  2. Il tipo rugoso, o "faccia rugosa", è caratterizzato principalmente da alterazioni degenerative-distrofiche dall'epidermide e dal derma. Tipicamente, una diminuzione del turgore, una diminuzione dell'elasticità della pelle, la sua disidratazione, una violazione delle proprietà barriera. La conseguenza di questo sono molteplici rughe sottili, che rimangono in uno stato di riposo mimico, pelle secca, l'aspetto di un sintomo come la pelle dei pori di grandi dimensioni.
  3. Deformare tipo (deformazione), o il tipo krupnomorschinisty, o "faccia deformata", caratterizzato da elasticità della pelle alterata, diminuzione del tono della muscolatura del viso, una violazione di drenaggio linfatico e stasi venosa cambia il tono dei muscoli facciali includono ipertono principali muscoli della parte superiore e inferiore terzi della faccia e muscoli ipotonici per lo più mezzo terzo della faccia. Quindi, in una condizione di un ipertonico ci sono mm. Divaricatore lobii inferioris, procerus, frontalis, depressor anguli oris e altri muscoli in uno stato di ipotonia - mm. . Zigomaticus maggiore et minore, orbicolare occhio, risorius, buccinatori, ecc Il risultato di questo è di modificare la configurazione della faccia e del collo: viso ovale violazione linea, sovrastante la pelle delle palpebre superiori e inferiori, la comparsa di formazione "doppio" mento delle pieghe profonde e rughe (pieghe nasolabiali, cervico-mento pieghe, rughe agli angoli della bocca al mento et al.). È caratteristico per le persone con tessuto adiposo sottocutaneo ben sviluppato. Sullo sfondo del tono muscolare e aumentare l'estensibilità del tessuto sorgere spostamento gravitazionale del grasso sottocutaneo in guance con la formazione dello sbalzo delle guance e la cosiddetta "ernia" palpebra inferiore, che rappresenta l'accumulo di grasso in questa zona.
  4. Il tipo combinato di invecchiamento è caratterizzato da una combinazione dei primi tre tipi.
  5. Il tipo di invecchiamento muscolare è caratterizzato da una diminuzione del volume di grasso sottocutaneo. In rappresentanti di questo tipo, i muscoli mimici del viso sono inizialmente ben sviluppati e la base di grasso sottocutaneo è scarsamente espressa. Tipico per i residenti in Asia centrale e in Estremo Oriente. Sullo sfondo di cambiamenti legati all'età contrassegnati rughe mimiche agli angoli della bocca, sulla fronte, le pieghe profonde naso-labiali, levigatezza della linea ovale del viso sono noti.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.