You are here

In Cina, si fermerà la costruzione di centrali termiche

2016-05-12 10:00

In Cina, il governo ha deciso di interrompere temporaneamente la costruzione di nuove centrali elettriche a carbone. Inoltre, la costruzione di una parte delle centrali termiche che hanno già ricevuto il permesso per la costruzione verrà interrotta. In via preliminare, il divieto durerà fino al 2018, ma è del tutto possibile che le autorità decideranno di estenderlo. Tali misure sono diventate una necessità, dal momento che il paese ha un livello abbastanza alto di inquinamento.

In Cina, i livelli massimi consentiti di emissioni nocive nell'atmosfera sono stati superati, la qualità dell'aria è estremamente scarsa, motivo per cui migliaia di persone muoiono ogni giorno in tutto il paese. Le autorità cinesi hanno presentato l'intenzione di migliorare la situazione ambientale del paese sotto forma di direttive. In precedenza, le autorità hanno deciso di chiudere migliaia di miniere di carbone nel paese, che è stato annunciato ufficialmente, e la decisione di fermare temporaneamente la costruzione di nuove centrali termoelettriche, è il prossimo passo per migliorare la situazione ambientale. La nuova risoluzione interesserà 200 centrali termoelettriche, comprese quelle che sono in fase di ottenimento del permesso per la costruzione e quelle che hanno già approvato, ma che non hanno ancora iniziato a costruire.

Le centrali elettriche a carbone che erano state progettate per essere costruite potevano produrre più di 100 gigawatt di energia ogni anno. Ad oggi, la Cina consuma più di 5 miliardi di tonnellate di carbone (più che in qualsiasi altro paese).  

Più recentemente, le autorità intendevano aumentare la produzione di energia del carbone, ma dopo la riunione di Parigi, i funzionari hanno deciso di cambiare la strategia. Rappresentanti di 170 paesi hanno preso parte all'incontro in Francia, che nei risultati delle discussioni ha firmato un accordo per ridurre la quantità di emissioni nocive nell'atmosfera e passare alle energie rinnovabili. All'incontro, i rappresentanti cinesi hanno detto che in quattro anni il paese si rifiuterebbe di usare il carbone.

Indubbiamente, la Cina oggi è la più grande fonte di emissioni nocive e si prevede che in 15 anni il livello delle emissioni nel paese raggiungerà il suo picco.

La costruzione di nuove centrali termoelettriche nei pressi delle principali città è stata sospesa a causa delle restrizioni e della crisi economica, di conseguenza l'energia eolica e solare hanno ricevuto maggiori investimenti, che a loro volta hanno influito sulla riduzione del consumo di carbone in tutto il paese. Ma un portavoce di Greenpeace, il signor Milivirta, nonostante il fatto che il carbone ha perso la sua popolarità in Cina, le grandi aziende energetiche continuano a progettare e costruire una centrale elettrica a carbone, con un ritmo accelerato. Milivirt ha anche osservato che tutte le decisioni prese dalle autorità non riguardavano le centrali elettriche, la cui costruzione era già iniziata. Secondo alcuni rapporti, le nuove centrali elettriche produrranno circa 200 gigawatt di potenza.  

Il rifiuto di costruire nuove centrali a carbone è indubbiamente un passo positivo, tuttavia non è abbastanza per influenzare in modo significativo la situazione attuale nel paese, che sta peggiorando giorno dopo giorno.

Ultima revisione di: Alexey Portnov , esperto medico, su 16.05.2018

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.