^
A
A
A

Dopo 30 anni, l'umanità può essere distrutta

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

27 September 2019, 09:00

Misurazioni regolari di indicatori termici sulla Terra dimostrano che il pianeta continua ad accumulare calore in sé: quindi, il riscaldamento globale continua e persino accelera e il suo ritmo non ci consente di pensare a tendenze positive.

Un team di esperti indipendenti provenienti dall'Australia, che si occupa di cambiamenti climatici globali da cinque anni, ha espresso informazioni sfavorevoli. Parla delle prospettive imminenti per le persone nei prossimi 30 anni. Secondo gli autori dell'opera - e questi includono eminenti scienziati, personaggi pubblici e politici - l'umanità è sull'orlo dell'autodistruzione. In questo caso, il punto critico potrebbe essere l'anno 2050.

Gli scienziati insistono sull'unico modo per prevenire la distruzione della civiltà. Ma per questo dobbiamo mobilitare tutti per correggere i cambiamenti climatici sul nostro pianeta.

Il relatore principale era l'ex segretario alla difesa australiano, l'ex ammiraglio Chris Barry, che è noto come un difensore attivo delle risorse naturali. Crede che i cambiamenti climatici in tre decenni porteranno a gravi conseguenze negative che sono difficili da prevedere in anticipo, dal momento che l'umanità non ha ancora incontrato violazioni di così ampia portata.

Secondo gli scienziati, se il riscaldamento globale non rallenta il suo tasso di crescita, molto presto i cambiamenti diventeranno irreversibili. Di conseguenza, crolleranno i principali sistemi ecologici, tra cui un sistema di scogliere, foreste pluviali, l'Amazzonia e l'Africa.

I risultati saranno disastrosi. Miliardi di abitanti del mondo dovranno cambiare il loro luogo di residenza, ci sarà una carenza di approvvigionamento idrico e molte regioni non saranno più adatte alla vita. L'agricoltura diventerà impossibile, appariranno interruzioni nella fornitura di prodotti alimentari.

Gli autori dello studio insistono sul fatto che il punto di non ritorno è già stato praticamente raggiunto: la normale biosfera sta rapidamente crollando. “Il superamento della temperatura globale di solo un paio di gradi porterà già alla necessità di reinsediare un numero enorme di persone. E se il riscaldamento è ancora più rapido, la scala della distruzione diventerà ancora più terribile. Probabilmente devi parlare della fine assoluta della civiltà ", affermano gli esperti.

Cosa può aiutare a prevenire una catastrofe? Secondo gli scienziati, è urgente mobilitare gli sforzi dell'intera comunità del pianeta, per indirizzarli all'inibizione del processo di riscaldamento globale. I ricercatori confrontano la situazione attuale con quella avvenuta durante la seconda guerra mondiale. È vero, oggi il problema è resistere alle emissioni di gas a effetto serra nell'atmosfera del mondo, oltre a ripristinare il clima del pianeta.

Il documento del rapporto può essere letto su docs.wixstatic.com/ugd/148cb0_a1406e0143ac4c469196d3003bc1e687.pdf

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.