^
A
A
A

Ecologi: entro il 2100, ogni decima specie è minacciata di estinzione

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

12 July 2011, 21:42

Con l'attuale tendenza al cambiamento climatico, una specie su dieci è in pericolo di estinzione entro il 2100, hanno concluso i ricercatori dell'Università di Exeter (Regno Unito). Gli scienziati hanno preso il libro rosso e rivisto circa 200 previsioni sugli effetti del cambiamento climatico, nonché 130 relazioni sui cambiamenti che sono già avvenuti.

La scienza non è del tutto sicura di come la flora e la fauna risponderanno al riscaldamento globale, quindi affronta la questione con estrema cautela. Tuttavia, ci sono studi che mostrano come gli animali e le piante si adattano ai cambiamenti, quindi le previsioni possono già essere verificate. La più ampia revisione di tali studi nella storia ha chiarito che le previsioni sono generalmente accurate.

Ilya Mclean, l'autore principale dell'opera, osserva: "Il nostro studio è un segnale allarmante per molte specie il cui numero sta già diminuendo e che può scomparire del tutto se continua così. È ora di smettere di flirtare con l'incertezza, questa scusa non è più valida. Le conseguenze dei cambiamenti climatici sono già avvertite ". Gli scienziati sottolineano che il riscaldamento globale è efficace in tutto il mondo e tra tutti i gruppi di animali e piante. Ecco alcuni esempi di come la vita reagisce alle mutevoli condizioni dell'habitat.

Ridurre la copertura del ghiaccio nel Mare di Bering ha portato a una riduzione del numero di molluschi bivalvi da dodici a tre per metro quadro durante il solo 1999-2001. A proposito, questi animali sono la principale fonte di cibo per una varietà di specie, che si trova più in alto nella catena alimentare, specialmente per gli eider dagli occhiali.

Il riscaldamento e la siccità causano una drastica diminuzione del numero di specie di anfibi una volta diffuse nel Parco Nazionale di Yellowstone (USA). Tra il 1992-1993 e il 2006-2008, il numero di popolazioni di salamandra tigre è diminuito di quasi la metà, le raganelle del 68% e le rane di palude del 75%.

In Antartide ci sono pochi animali, ma hanno anche sofferto: nel periodo 1993-2005 il numero di nematodi è diminuito del 65%.

Ma ciò che vale la pena aspettare. Circa. Tenerife (Canarie) Il cedro di Cànadas ha una probabilità del 74-83% di scomparire nel giro di cento anni a causa della siccità causata dalla trasformazione del clima globale. In Madagascar, il riscaldamento farà sì che rettili endemici e anfibi si ritirino più in alto nelle montagne. Se la temperatura sale di soli 2 ° C, tre specie perderanno completamente il loro habitat. Anche il numero di uccelli che vivono nelle foreste boreali settentrionali d'Europa diminuirà: il numero di anatre di segale entro l'anno del 2100 potrebbe diminuire del 97% e non ci sarà semplicemente nessun posto dove vivere specie come pollame e puzza dalle ali bianche.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.