Il corpo umano risponde ai segnali Wi-Fi

2016-05-05 09:00

All'università dell'Illinois, un gruppo di scienziati ha fatto una scoperta insolita - gli studi hanno dimostrato che organi e tessuti del corpo umano possono rispondere ai segnali Wi-Fi.

Gli scienziati nel loro nuovo studio hanno cercato di scoprire se i segnali wireless influenzano in qualche modo i tessuti di un organismo vivente (umano e animale) ei risultati degli esperimenti hanno sorpreso gli scienziati - i tessuti sono in grado di trasmettere segnali wireless piuttosto forti.

Andrew Seager ei suoi colleghi hanno utilizzato nel corso dei pezzi di carne di maiale e fegato di manzo, attraverso il quale gli esperti sono stati in grado di guardare video in streaming da Netflix (una società americana che fornisce la possibilità di guardare film e programmi TV su Internet su un sito web speciale). Il team di Andrew Signer è stato in grado di dimostrare sperimentalmente che attraverso i pezzi di carne passano segnali wireless, e abbastanza potenti, che sono adatti per la visualizzazione di video in streaming (caricati su Internet). I ricercatori sono stati in grado di ottenere le loro informazioni ritmo di lavoro attraverso i pezzi di carne fino a 30 Mbps, che, secondo gli scienziati, è sufficiente per superare gli ostacoli che sorgono nel modo di protesi mediche fino ad oggi e che sono impiantati nel corpo umano. Il Dr. Signer ha notato che la loro scoperta aiuterà a sviluppare modi per controllare i dispositivi medici introdotti nel corpo umano.

I ricercatori hanno spiegato che anche i tessuti e gli organi umani reagiscono ai segnali wireless, che andranno a sostituire i dispositivi medici che operano a radiofrequenza, il cui scopo principale è quello di controllare i dispositivi medici impiantati nel corpo. Oggi, il controllo dei dispositivi all'interno del corpo umano avviene con l'aiuto di segnali ultrasonici, l'apertura del team Signner eviterà un numero di problemi che si presentano al momento attuale. Prima di tutto, i medici non possono aumentare la potenza del segnale radio, poiché le alte frequenze influiscono negativamente sugli organi e sui sistemi che si trovano accanto al dispositivo incorporato.

Oltre agli studi con pezzi di carne, il team Signer ha già sviluppato un prototipo di un dispositivo ad ultrasuoni appositamente adattato per l'uso nel corpo umano. Durante lo sviluppo di un prototipo, è stato utilizzato il principio dell'uso di dispositivi per la comunicazione a ultrasuoni, che vengono utilizzati sott'acqua.

Dr. Segner spiegato il principio del nuovo dispositivo è molto semplice: l'uomo è un insieme di ossa e vari tessuti, circondato da molti liquidi, e lo scambio di dati nel mare e all'interno del corpo umano è praticamente identico.

Secondo il gruppo di ricerca Signer, la loro scoperta renderà il processo di trasmissione e ricezione dei segnali da parte di dispositivi medici all'interno del corpo umano meno aggressivo, in particolare, evitando il riscaldamento dei tessuti adiacenti. Inoltre, il Dr. Signer ha osservato che la rete wireless consentirà l'uso di un'intera rete di impianti nel corpo umano, che sarà anche in grado di interagire tra loro.

Ultima revisione di: Alexey Portnov , esperto medico, su 16.05.2018

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.