In India sarà impegnata nella resurrezione dei morti

2016-05-25 09:15

Un team internazionale di specialisti degli Stati Uniti e dell'India intende condurre un esperimento sensazionale - per dare vita a una persona morta. Se i test hanno successo, allora è del tutto possibile che alla fine le persone avranno la possibilità di vivere sulla terra per sempre.

Gli scienziati hanno in programma di far rivivere le regioni morte del cervello nelle persone morte, in particolare quelle che, a seguito di gravi lesioni craniocerebrali, sono clinicamente morte. Tra l'altro, i parenti delle vittime hanno già dato il loro consenso per l'esperimento e la prima operazione di resuscitare scienziati umani si riunirà in India sotto la guida del professor Himanshu Bansal. Durante l'operazione, gli specialisti useranno varie tecnologie innovative, tra cui iniezioni con nutrienti e cellule staminali da donatori viventi.

Come hanno spiegato gli scienziati, le iniezioni verranno iniettate nel midollo spinale del morto con una pompa speciale - i nutrienti verranno consegnati ogni giorno, ogni 14 giorni, le cellule staminali. Gli scienziati suggeriscono che un paziente clinicamente morto avrà bisogno di circa 1,5 mesi per tornare alla vita. Dovrebbe essere notato che il professor Bansal ha detto che era già riuscito in un simile esperimento prima con due pazienti, ma ora lo studio coinvolgerà 20 pazienti. L'esperimento attuale, secondo gli scienziati, sarà lo stadio finale e mostrerà che la morte del cervello è reversibile. Se il gruppo di Bansal riesce a provare questo e riportare almeno un paziente, allora in medicina ci sarà un enorme balzo in avanti.

Per restituire le persone dal regno dei morti, non solo i desideri del gruppo Bansal. Il ricercatore statunitense Josh Bokanegra è fiducioso che in circa 30 anni il metodo di resuscitare le persone non sarà solo trovato, ma anche applicato con successo nella pratica. Lo stesso Bocanegra sviluppò un progetto per la resurrezione dell'uomo. Lo scienziato suggerisce che dopo la morte, il cervello di una persona sarà congelato e quindi piantato in un corpo artificiale appositamente creato. Tutte queste manipolazioni gli scienziati saranno in grado di tenere nel prossimo futuro, e un ritorno alla vita non sarà più una fantasia o una trama del film sull'apocalisse.

Va notato che già oggi gli scienziati possono congelare qualsiasi organo umano, incluso il cervello, ma il problema principale per gli specialisti è quello di mantenere le cellule vive e in forma per il trapianto.

La maggior parte degli scienziati considerava impossibile l'idea di Bocanegra sulla resurrezione delle persone, poiché dopo il ritorno alla vita una persona non sarà più se stessa e dimenticherà tutto ciò che gli è accaduto fino alla morte. Inoltre, alcuni esperti hanno notato che il cervello, congelato e poi impiantato in un corpo artificiale, non sarà in grado di lavorare al massimo, alcune cellule moriranno e nessuna tecnologia potrà ripristinarle. Procedendo da tutto ciò, è impossibile prevedere i pensieri e le azioni dell '"uomo" risorto in questo modo.

Ma Bokanegra ei suoi sostenitori sono fiduciosi nel successo del loro progetto, nonostante la condanna e l'incredulità della comunità accademica, gli esperti continuano a muoversi gradualmente verso il loro obiettivo.

È importante sapere!

La morte biologica è una fermata irreversibile dei processi biologici. Considera i principali segni, cause, tipi e metodi per diagnosticare l'estinzione del corpo.

Leggi di più...

Ultima revisione di: Alexey Portnov , esperto medico, su 20.05.2018

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.