Segni di morte clinica

Ultima revisione di: , esperto medico, su 01.06.2018

Poiché lo sviluppo e l'implementazione di tecniche di rianimazione, il principale sintomo della morte clinica - arresto cardiaco - è stato chiamato non semplicemente morte, ma "morte clinica", per riflettere la possibilità della sua ripresa.

La morte clinica è il termine medico per la definizione di una condizione in cui v'è la cessazione della respirazione e la cessazione del processo di circolazione del sangue. Cioè, le condizioni fisiologiche più importanti per il mantenimento della vita biologica del corpo umano sono violate. Ciò accade quando il cuore smette di battere nel solito ritmo e tutti i segni esterni dell'attività vitale dell'organismo scompaiono. Prima dell'avvento della rianimazione cardiopolmonare, della defibrillazione, delle iniezioni di epinefrina e di altri tipi di restauri cardiaci, la perdita delle funzioni vitali correlate alla circolazione del sangue era considerata la definizione ufficiale della fine della vita.

I primi segni di morte clinica

Il punto di partenza della transizione dalla vita e dalla morte e il sintomo principale della morte clinica è la sindrome da arresto cardiaco. Questa sindrome si sviluppa come improvvisa cessazione del cuore con la perdita della sua attività bioelettrica - asistolia ventricolare. O ciò si verifica come un'interruzione completa della circolazione sanguigna dovuta alla fibrillazione ventricolare, quando le loro contrazioni perdono il sincronismo e lo scarico di sangue nel sangue viene disturbato. Secondo le statistiche dei medici di rianimazione, la cessazione della funzione cardiaca in quasi il 93% dei casi è registrata come conseguenza della fibrillazione dei suoi ventricoli.

In questo caso, in un tempo molto breve, compaiono i rimanenti segni di morte clinica improvvisa:

  • completa perdita di coscienza (la condizione terminale del coma si verifica 10-15 secondi dopo l'arresto cardiaco);
  • crampi muscolari (possibile entro 15-20 secondi dopo aver perso conoscenza);
  • assenza di polso (polso non rilevato sulle arterie carotidi);
  • Respiro di atonia (con respiri convulsi), che dopo un periodo di tempo di circa due o due minuti passa in apnea - un arresto completo della respirazione;
  • pupille dilatate e perdita della loro reazione alla luce come segno di alterata circolazione sanguigna del cervello (dopo 2 minuti dal momento dell'arresto cardiaco);
  • pallore o cianosi (cianosi) della pelle (a causa di una forte diminuzione del contenuto di ossigeno nel sangue).

Segni clinici di morte cerebrale

Con l'inizio della morte clinica, le cellule cerebrali continuano a vivere per un massimo di 5 minuti. Il cervello è esposto al danno ischemico molto più velocemente di qualsiasi altro organo umano. In condizioni di ipossia totale, lo stato neurofisiologico del cervello morente è caratterizzato dalla necrosi dei neuroni cerebrali e dalla cessazione irreversibile dell'attività cerebrale.

Come notano gli esperti, i segni clinici di morte cerebrale, che potrebbero essere rilevati dall'esame fisico della vittima o da un paziente in uno stato di morte clinica, sono assenti.

La morte delle cellule cerebrali in condizioni cliniche viene registrata dopo che il paziente lascia questo stato - con un cuore funzionante e respirando con l'aiuto di un dispositivo di ventilazione artificiale del polmone. La morte del cervello, che equivale alla morte effettiva di una persona, può essere una conseguenza di una lesione cerebrale traumatica, una malattia (emorragia, gonfiore) o un intervento chirurgico. Questo è il danno primario al cervello. E con l'arresto cardiaco e la morte clinica, il danno è secondario.

In entrambi i casi, i segni clinici della morte cerebrale, secondo gli standard medici esistenti, hanno l'aspetto di una serie di criteri clinici obbligatori, sulla base dei quali può essere fatta una diagnosi: la morte del cervello. Questi attributi sono sei:

  • il paziente è in uno stato di coma, cioè c'è un'assenza stabile di coscienza a lungo termine;
  • il paziente determina la perdita totale del tono normale dei muscoli dello scheletro e degli organi interni (atonia muscolare);
  • nella zona del trigemino - nei punti di uscita dei rami del nervo trigemino situati sul viso - tutti i riflessi, inclusa la reazione al dolore, sono assenti;
  • la reazione delle pupille del paziente per dirigere la luce intensa è assente, i bulbi oculari sono in uno stato stazionario;
  • l'assenza di un riflesso incondizionato di chiusura del gap oculare in risposta all'irritazione della cornea (riflesso corneale);
  • ha rivelato l'assenza di riflessi oculocefalici, cioè gli occhi del paziente rimangono immobili quando il dottore gira la testa.

I segni clinici di morte cerebrale, a quanto pare a causa del fatto che in condizioni di carenza acuta di ossigeno nelle cellule nervose si verifica un netto calo nella sintesi delle proteine e acidi nucleici, che porta alla perdita irreversibile della capacità dei neuroni di condurre gli impulsi nervosi e morte delle cellule cerebrali. I ricercatori inoltre collegano il meccanismo dell'insuccesso del cervello dopo la morte clinica con le sue lesioni da riperfusione che si verificano dopo il ripristino della circolazione sanguigna.

Segni di morte biologica e clinica

In assenza di rianimazione e in caso di guasto dei medici accertare la morte biologica - finale e arresto irreversibile di tutti i processi biochimici a livello cellulare, così come tutte le funzioni fisiologiche di organi interni.

Segni di morte biologica e clinica concordano sul fatto che il cosiddetto insieme di segni di morte biologica include - come nel caso della morte clinica - arresto cardiaco, mancanza di respiro, polso e reazioni riflesse a tutti gli stimoli. E anche pallore (o cianosi) della pelle e pupille dilatate senza risposta alla luce.

Inoltre, tra l'insieme di segni di morte biologica sono:

  • assenza di attività cardiaca a temperatura ambiente dell'aria - superiore a 30 minuti;
  • essiccazione della cornea degli occhi (l'iride perde colore, la pupilla diventa torbida);
  • il segno della "pupilla del gatto" (quando il bulbo oculare si contrae almeno 60 minuti dopo la morte, la pupilla acquisisce l'aspetto di una fessura stretta);
  • gradualmente la temperatura corporea diminuisce (circa 1 o C ogni ora);

Tra le caratteristiche significative della morte biologica includono medici occorrenza macchie cadavere (dopo 2-4 ore dopo l'arresto cardiaco) e il rigor mortis (inizia 2-4 ore dopo l'arresto cardiaco, massimo osservato circa 24 ore dopo la cessazione del cuore).

Determinazione di segni di morte clinica

I segni di morte clinica sono generalmente determinati sulla base della mancanza di polso e respirazione, perdita di coscienza e reazione delle pupille.

L'impulso è palpato solo sull'arteria carotide, che si trova sul lato del collo - nell'approfondimento tra il grosso muscolo del collo e la trachea. Se non c'è il polso, allora non c'è circolazione.

La presenza o l'assenza di respiro viene testata in diversi modi. Prima di tutto, movimenti visivamente fissi del torace - innalzamento e abbassamento con inspirazione-inspirazione, così come dal rumore della respirazione quando si applica l'orecchio al petto umano. Effettuare un test del respiro sul movimento dell'aria espirata, che può essere percepita quando la guancia si avvicina alla bocca della vittima. La respirazione può essere controllata se uno specchio, un bicchiere di occhiali o un quadrante di un orologio da polso vengono portati alle labbra di una persona. Tuttavia, i medici consigliano in situazioni estreme di non spendere secondi preziosi su di esso.

La definizione di un tale sintomo di morte clinica come stato inconscio viene effettuata in due parametri: immobilità totale di una persona e assenza di reazione a qualsiasi stimolo esterno. E la reazione delle pupille è definita come segue: la palpebra superiore della persona deve essere sollevata; notare la dimensione della pupilla (è ingrandita); la palpebra dovrebbe essere abbassata e immediatamente rialzata. La perdita di reazione alla luce sarà evidenziata dal fatto che dopo il sollevamento ripetuto della palpebra la pupilla non si restringe.

Dato che i segni assoluti della morte clinica sono espressi nel fatto che una persona non ha un polso e non respira, l'assenza di altri segni non viene presa in considerazione e senza indugio inizia la rianimazione. Altrimenti, 3-4 minuti dopo l'arresto cardiaco e la cessazione della respirazione, il risultato inevitabile è una morte biologica. Viene quando le cellule del cervello muoiono per mancanza di ossigeno.

Pronto soccorso per segni di morte clinica

Il primo soccorso per i segni della morte clinica inizia con una chiamata di emergenza e un controllo del polso e del respiro di una persona che ha perso conoscenza. In loro assenza - prima dell'arrivo dei medici - è necessario condurre la rianimazione cardiopolmonare (CPR).

La sequenza di RCP è di 30 compressioni sullo sterno (massaggio cardiaco indiretto) e 2 inalazioni artificiali bocca a bocca.

Come fare la rianimazione cardiopolmonare se ci sono segni di morte clinica:

  • la vittima viene messa sulla schiena, la testa è non piegata e il mento sollevato verso l'alto;
  • Il CPR conduttivo dovrebbe inginocchiarsi a sinistra della vittima, i palmi delle mani raddrizzati sui gomiti, posizionati sulla parte centrale dello sterno (ma non sul processo xifoideo);
  • ritmicamente con una forza (con una frequenza non inferiore a 100 colpi al minuto) per premere sul petto di circa 4-6 cm di profondità, con lo sterno della vittima dovrebbe essere restituito alla sua posizione originale, il numero di pressioni coronarica seno occlusione - 30;
  • aprire la bocca della vittima, stringere le sue narici con le dita, inalare, piegare ed espirare l'aria nella sua bocca. Il numero di respiri artificiali - 2.

L'intero ciclo di RCP dovrebbe essere ripetuto almeno cinque volte.

Segni di morte clinica - arresto cardiaco e mancanza di respiro - richiedono un'azione immediata e decisiva. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, in nove casi, l'arresto cardiaco di dieci persone muore prima dell'arrivo di una squadra di medici - a causa della mancanza di pronto soccorso di primo soccorso. Il primo soccorso a segni di morte clinica, cioè un urgente svolgimento di rianimazione cardiopolmonare, raddoppia la possibilità che una persona sopravviva.

È importante sapere!

L'agonia è lo stadio finale della vita prima che i processi irreversibili di morte avvengano nel corpo (cioè, la transizione dalla morte clinica a quella biologica). Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.