^
A
A
A

L'incidenza del morbillo in Russia per l'anno è aumentata più di una volta e mezza

 
, Editor medico
Ultima recensione: 19.06.2019
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

14 October 2011, 22:31

L'incidenza del morbillo in Russia è aumentata di oltre 1,5 volte durante l'anno. Questo è affermato nella decisione del capo medico sanitario della Federazione Russa Gennady Onishchenko.

Secondo il documento, nei primi sette mesi del 2011, l'incidenza del morbillo è stata di 0,12 casi ogni 100.000 abitanti, che è 1,6 volte superiore a quella dello stesso periodo dell'anno scorso. In totale, da gennaio a luglio 2011, in Russia sono stati registrati 170 casi di infezione.

Il maggior numero di casi (59 persone) è stato trovato a Mosca. Nella regione di Astrakhan sono stati registrati 26 casi di morbillo, nei territori di Krasnoyarsk e Stavropol - rispettivamente 20 e 17 casi, nella regione di Tomsk - 14 casi. I bambini hanno rappresentato meno di un quarto di tutti i casi. Allo stesso tempo, più della metà degli adulti infettati dal morbillo non sono stati vaccinati contro l'infezione.

La decisione di Onishchenko ha anche riportato l'aumento del numero di casi di importazione di morbillo. In particolare, per la prima metà del 2011, ci sono stati 33 casi, e per tutto il 2010 - solo 28 casi. Undici casi di morbillo provengono dalla Francia, altri nove dall'Uzbekistan. Inoltre, l'infezione in Russia è stata importata da Inghilterra, Germania, Italia, Lettonia, Ucraina, Tagikistan, India, Indonesia, Cina e Spagna.

Inoltre, il Chief Medical Officer attira l'attenzione sul fatto che nel 2011 meno di un terzo dei russi di età compresa tra i 18 ei 35 anni erano vaccinati contro il morbillo. In otto regioni, questa cifra non supera il 10 per cento, e in 12, la vaccinazione non è stata ancora eseguita.

Onishchenko ha incaricato i capi delle direzioni regionali di Rospotrebnadzor di fornire vaccinazioni per almeno il 95% della popolazione delle regioni russe. Inoltre, le regioni sono incaricate di fornire dati sulle vaccinazioni necessarie per la preparazione di documenti relativi alla certificazione della Russia come territorio libero dal morbillo.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.