^

Salute

A
A
A

Morbillo

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Il morbillo è un'infezione virale altamente contagiosa che è più comune nei bambini. È caratterizzato da febbre, tosse, rinite, congiuntivite, enanthema (macchie di Koplik) sulla membrana mucosa delle guance o delle labbra e rash maculo-papulare, che si diffonde da cima a fondo. La diagnosi è fatta sulla base della clinica. Trattamento sintomatico Esiste un vaccino efficace contro il morbillo.

 
Il morbillo è diffuso nel mondo, circa 30-40 milioni di casi all'anno e circa 800.000 bambini muoiono di morbillo. Negli Stati Uniti, il numero di casi è significativamente inferiore, dal momento che la vaccinazione è effettuata; circa 100-300 casi sono registrati ogni anno.

Codici ICD-10

  • B05. Morbillo.
    • V05.0. Morbillo, complicato dall'encefalite.
    • V05.1. Morbillo complicato da meningite.
    • V05.2. Morbillo complicato da polmonite.
    • V05.3. Morbillo complicato da otite.
    • V05.4. Morbillo con complicanze intestinali.
    • V05.8. Morbillo con altre complicazioni (cheratite).
    • V05.9. Morbillo senza complicazioni.

trusted-source[1], [2]

Epidemiologia del morbillo

Una persona malata è la fonte dell'agente patogeno e allo stesso tempo un serbatoio per essa. L'indice di contagiosità è del 95-96%.

I pazienti sono contagiosi entro 1-2 giorni prima che compaiano i primi sintomi di morbillo e fino alla fine di 4 giorni dall'esordio dell'eruzione. Con lo sviluppo di complicazioni sotto forma di polmonite aumenta il tempo di isolamento del virus. Il percorso di trasmissione del morbillo è in volo. L'infezione è possibile anche con un contatto a breve termine. Dalla fonte, un virus con flussi d'aria attraverso i passaggi di ventilazione può diffondersi in altre stanze. Le persone che non hanno il morbillo e non sono vaccinate contro di esso. Rimangono altamente suscettibili al patogeno per tutta la vita e possono ammalarsi a qualsiasi età. Prima dell'introduzione della vaccinazione contro il morbillo, il 95% dei bambini aveva il morbillo prima dei 16 anni. Negli ultimi anni, i bambini di età inferiore ai 6 anni soffrono di morbillo. La più alta mortalità è stata osservata nei bambini dei primi 2 anni di vita e negli adulti. Un numero elevato di casi è notato tra scolari, adolescenti, reclute, studenti, ecc. Questo è associato a una significativa diminuzione dell'immunità 10-15 anni dopo l'immunizzazione. Sono anche possibili epidemie di morbillo tra quelli vaccinati (67-70% di tutti i focolai).

Il morbillo è diffuso; in condizioni naturali solo le persone sono ammalate, nell'esperimento possibile infezione dei primati. Prima della vaccinazione, i focolai di morbillo sono stati registrati ogni 2 anni. Dopo l'introduzione della vaccinazione di massa e della rivaccinazione, i periodi di benessere epidemiologico si allungarono (8-9 anni). Il morbillo è caratterizzato dalla stagionalità e dalla primavera di morbilità, con il morbillo che si ammala per ultimo.

Finora in un certo numero di paesi il morbillo è in primo luogo nella morbilità infettiva generale della popolazione. Secondo l'OMS, ci sono fino a 30 milioni di casi di morbillo nel mondo ogni anno, di cui oltre 500.000 sono mortali.

Dopo aver subito un'infezione da morbillo naturale, rimane l'immunità persistente.

Le malattie ripetute sono rare. L'immunità dopo la vaccinazione è più a breve termine (10 anni dopo la vaccinazione, solo il 36% dei vaccinati ha titoli anticorpali protettivi).

trusted-source[3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10], [11], [12], [13], [14]

Che cosa causa il morbillo?

Il morbillo è causato dal paramyxovirus. Questa è un'infezione altamente contagiosa trasmessa da goccioline trasportate dall'aria attraverso i segreti del naso, della gola, della bocca durante il prodromo e nel primo periodo di eruzione cutanea. Il periodo più contagioso dura diversi giorni prima dell'eruzione e alcuni giorni dopo l'eruzione cutanea appare. Il morbillo non è contagioso quando compare un'eruzione cutanea.

I neonati le cui madri hanno il morbillo ottengono anticorpi protettivi a livello transplacentare, che forniscono immunità per il primo anno di vita. Un'infezione posticipata fornisce immunità permanente. Negli Stati Uniti, la maggior parte dei casi di morbillo vengono introdotti dagli immigrati.

Patogenesi

Il cancello d'ingresso dell'infezione è la membrana mucosa del tratto respiratorio superiore. Il virus si moltiplica nelle cellule epiteliali, in particolare nell'epitelio delle vie respiratorie. La microscopia elettronica del materiale prelevato dalle macchie di Filatov-Belsky-Koplik e le lesioni cutanee rivelano accumuli del virus. Dagli ultimi giorni di incubazione, il virus può essere isolato dal sangue entro 1-2 giorni dopo la comparsa dell'eruzione. L'agente eziologico è diffuso per via ematogena in tutto il corpo, fissato negli organi del sistema reticoloendoteliale, dove si moltiplica e si accumula. Alla fine del periodo di incubazione, si osserva una seconda ondata di viremia più intensa. L'agente patogeno ha un pronunciato epiteliotropico e colpisce la pelle, la congiuntiva, le mucose delle vie respiratorie, la cavità orale (macchie Filatov-Belsky-Koplik) e gli intestini. Il virus del morbillo si può trovare anche nella mucosa della trachea, nei bronchi, a volte nelle urine.

trusted-source[15], [16], [17], [18], [19], [20], [21], [22], [23], [24], [25], [26], [27], [28]

I sintomi del morbillo

Il periodo di incubazione della malattia è di 10-14 giorni, dopodiché inizia il periodo prodromico, che è caratterizzato da febbre, sintomi catarrali, tosse secca e congiuntivite tarsale. Macchie patognomoniche di Koplika che compaiono sul 2-4esimo giorno della malattia, solitamente sulla membrana mucosa della guancia opposta al 1o e 2o molare superiore. Sembrano grani bianchi circondati da un'areola rossa. Possono diffondersi, trasformandosi in un comune eritema su tutta la superficie della mucosa delle guance. A volte si diffuse alla gola.

I singoli I sintomi del morbillo sono noti a partire dalla seconda metà del periodo di incubazione (diminuzione della massa corporea malato, gonfiore della palpebra inferiore, iperemia congiuntivale, febbricola, la sera, tosse, naso che cola un po ').

L'eruzione cutanea appare il 3-5 ° giorno dopo l'inizio dei sintomi iniziali e l'1-2 ° giorno dopo la comparsa delle macchie di Koplik. Un'eruzione simile alla macula appare prima sul viso e poi scende lungo i lati del collo, acquisendo il carattere maculo-papulare. Dopo 24-48 ore, l'eruzione si diffonde al tronco e alle estremità, compresi i palmi delle mani e le piante dei piedi, gradualmente svanendo sul viso. Nei casi più gravi, possono esserci rash petecchiale ed ecchimosi.

Durante l'altezza della malattia, la temperatura raggiunge i 40 ° C con la comparsa di edema periorbitale, congiuntivite, fotofobia, tosse secca, eruzione abbondante, prostrazione e leggero prurito. Sintomi e sintomi comuni sono correlati con le eruzioni cutanee e un periodo di infettività. Entro il 3-5 ° giorno, la temperatura diminuisce, lo stato di salute del paziente migliora, l'eruzione inizia a svanire rapidamente, lasciando una pigmentazione marrone-rame, seguita da un peeling.

I pazienti immunocompromessi possono sviluppare una grave polmonite e potrebbero non avere un'eruzione cutanea.

Il morbillo atipico può essere osservato in pazienti che sono stati precedentemente immunizzati con un vaccino contenente il virus del morbillo ucciso che non è stato usato dal 1968. I vaccini più vecchi possono cambiare il corso della malattia. Il morbillo atipico può iniziare improvvisamente, con febbre alta, prostrazione, mal di testa, tosse, dolore addominale. Un'eruzione cutanea può comparire dopo 1-2 giorni, spesso a partire dagli arti, può essere maculopapulare, vescicolare, orticaria o emorragica. Si può sviluppare gonfiore delle mani e dei piedi. Comuni sono la polmonite e la linfoadenopatia, che possono durare a lungo; i cambiamenti sulle radiografie possono rimanere per settimane e mesi. Possono comparire segni di ipossiemia.

La superinfezione batterica è caratterizzata da polmonite, otite media e altre lesioni. Il morbillo inibisce l'ipersensibilità ritardata, che peggiora il decorso della tubercolosi attiva, livella temporaneamente le reazioni cutanee alla tubercolina e all'istoplasmina. Le complicanze batteriche possono essere sospettate dalla presenza di sintomi focali o recidiva di febbre, leucocitosi, prostrazione.

Dopo la risoluzione dell'infezione, può verificarsi porpora trombocitopenica acuta, che porta allo sviluppo di sanguinamento, che a volte può essere grave.

L'encefalite si sviluppa in 1 / 1000-2000 casi, di solito 2-7 giorni dopo l'esordio dell'eruzione cutanea, spesso a partire da febbre alta, mal di testa, convulsioni e coma. Nel liquido cerebrospinale, il numero di linfociti è 50-500 / microlitro, proteine moderatamente elevate, ma può essere la norma. L'encefalite può risolversi per 1 settimana, ma può durare più a lungo, con conseguente morte.

trusted-source[29], [30], [31]

Diagnosi del morbillo

In condizioni di bassa incidenza di diagnosi di morbillo è complessa e comporta la valutazione della situazione epidemica nell'ambiente del paziente, l'osservazione clinica nelle dinamiche e l'esame sierologico.

Un tipico morbillo può essere sospettato in un paziente con sintomi di naso che cola, congiuntivite, fotofobia e tosse se ha avuto contatti con il paziente, ma solitamente la diagnosi viene sospettata dopo l'insorgenza dell'eruzione. La diagnosi è di solito clinica, basata sul rilevamento di macchie di Koplik o di un'eruzione cutanea. Il conteggio emocromocitometrico completo non è obbligatorio, ma se è fatto, è possibile rilevare la leucopenia con relativa linfocitosi. La diagnosi di laboratorio del morbillo è necessaria per controllare i focolai e viene raramente eseguita. Si tratta della rilevazione della classe IgM degli anticorpi del morbillo nelle cellule sieriche o epiteliali nei lavaggi nasofaringei e uretrali (nelle urine) colorate mediante immunofluorescenza mediante analisi PCR di tamponi faringei o campioni di urina o coltura. L'aumento dei livelli di IgG nei sieri accoppiati è un metodo diagnostico accurato ma tardivo. La diagnosi differenziale del morbillo viene effettuata con rosolia, scarlattina, eruzioni medicinali (per esempio, quando si assumono sulfonamidi e fenobarbital), malattia da siero, roseola neonatale, mononucleosi infettiva, eritema infettivo ed infezione da ECHO-coxsa-virus. Il morbillo atipico dovuto alla variabilità dei sintomi può simulare un numero maggiore di malattie. I segni per cui la rosolia differisce dal morbillo tipico includono l'assenza di pronunciato pronroma, l'assenza di febbre o una leggera febbre, un aumento (solitamente lieve) dei linfonodi parotidei e occipitali e un breve decorso. L'eruzione da farmaco spesso assomiglia a un'eruzione da morbillo, ma non esiste un prodromo, non vi è alcun disturbo di eruzioni cutanee dall'alto verso il basso, tosse e la corrispondente storia epidemiologica. Roseola neonatale rara nei bambini oltre i 3 anni; mentre c'è un'alta temperatura all'inizio della malattia, l'assenza di macchie e malessere di Koplik, l'eruzione compare simultaneamente.

trusted-source[32], [33], [34], [35], [36]

Chi contattare?

Trattamento del morbillo

La mortalità negli Stati Uniti è di circa 2/1000, ma nei paesi in via di sviluppo è più alta, che è predisposta a carenze nutrizionali e carenza di vitamina A. Nelle popolazioni ad alto rischio, si raccomanda un ulteriore apporto di vitamina A.

I casi sospetti di morbillo devono essere immediatamente segnalati alle autorità sanitarie locali o statali, senza attendere la conferma del laboratorio.

Il trattamento del morbillo è sintomatico, anche con l'encefalite. Prescrivere una vitamina riduce la morbilità e la mortalità nei bambini con bassa nutrizione, ma in altri non è necessario. Per i bambini di età superiore ad 1 anno con disabilità visiva dovuta a carenza di vitamina A, 200.000 UI sono prescritti per via orale per 2 giorni e ripetuti dopo 4 settimane. I bambini che vivono in regioni con carenza di vitamina A lo ricevono una volta in una singola dose di 200.000 UI. I bambini di età compresa tra 4-6 mesi hanno prescritto una singola dose di 100.000 ME.

trusted-source[37], [38], [39], [40]

Come prevenire il morbillo?

Il morbillo può essere prevenuto con il vaccino contro il morbillo. I moderni vaccini contro il morbillo hanno un'efficacia preventiva del 95-98%.

Nella maggior parte dei paesi sviluppati, ai bambini viene prescritto un vaccino vivo attenuato. La prima dose è raccomandata all'età di 12-15 mesi, ma durante un focolaio di morbillo, può anche essere somministrata per 6 mesi. Si raccomandano 2 dosi. I bambini immunizzati all'età di meno di 1 anno avranno bisogno di un'altra doppia vaccinazione nel 2 ° anno di vita. La vaccinazione fornisce un'immunità duratura e ha ridotto l'incidenza del morbillo negli Stati Uniti del 99%. Il vaccino provoca forme polmonari o inapparenti della malattia. La febbre superiore a 38 ° C entro 5-12 giorni dopo la vaccinazione si verifica in meno del 5% di quelli vaccinati, seguita da un'eruzione cutanea. Le reazioni dal sistema nervoso centrale sono estremamente rare; il vaccino non causa l'autismo.

Calendario vaccinale nazionale sui vaccini moderni:

  • Cultura del vaccino vivo contro il morbillo (Russia).
  • Vaccinazione contro il morbillo, la parotite e la rosolia
  • Vaccino contro il morbillo vivo di Ruvax (Francia).
  • MMR-II vaccino vivo contro il morbillo, la parotite e la rosolia (Paesi Bassi).
  • Priorix vivi il vaccino contro il morbillo, la parotite e la rosolia (Belgio).

Un vaccino vivo morbillo microincapsulato è attualmente sottoposto a test preclinici e un vaccino contro il DNA del morbillo è in fase di studio.

Controindicazioni alla vaccinazione contro il morbillo sono: tumori sistemici (leucemia, linfoma), immunodeficienze, trattamento con immunosoppressori, come glucocorticoidi, agenti alchilanti, antimetaboliti, radioterapia. L'infezione da HIV è controindicata solo se vi è una pronunciata immunosoppressione (stadio 3 per CDC con CD4 inferiore al 15%). Altrimenti, il rischio di contrarre uno sforzo selvaggio supera il rischio di ammalarsi con un vaccino vivo. La vaccinazione deve essere otstrochena in donne in stato di gravidanza, febbre, pazienti con tubercolosi attiva non trattata o anticorpi usati (sangue intero, plasma o altre immunoglobuline). La durata del ritardo dipende dal tipo e dalla dose di immunoglobulina, ma può essere fino a 11 mesi.

Bambini e adulti sensibili al morbillo in caso di contatto con il paziente in assenza di controindicazioni sono immunizzati con vaccino vivo contro il morbillo, ma non oltre 72 ore dopo il presunto contatto. A più lungo termine dal momento della presunta infezione, così come da persone indebolite o con controindicazioni alla somministrazione di vaccino vivo contro il morbillo, viene mostrata una normale immunoglobulina umana. Immunoglobulina, somministrata per via intramuscolare nei primi 6 giorni dopo l'infezione, protegge contro il morbillo o facilita il suo decorso.

Il metodo della profilassi non specifica è l'isolamento precoce del paziente al fine di prevenire l'ulteriore diffusione della malattia. I pazienti sono soggetti ad isolamento per 7 giorni, con lo sviluppo di complicanze - 17 giorni dall'esordio della malattia.

I bambini che non sono stati vaccinati e non sono stati ammalati, che sono venuti in contatto con pazienti affetti da morbillo, non sono ammessi nelle istituzioni pediatriche per 17 giorni dal momento del contatto e che hanno ricevuto l'immunoglobulina profilattica - 21 giorni. I primi 7 giorni dall'inizio del contatto, i bambini non sono soggetti a separazione.

La prevenzione del morbillo di emergenza è possibile se viene somministrata entro 3 giorni dal contatto con il morbillo. Se la vaccinazione viene ritardata, l'immunoglobulina sierica viene somministrata immediatamente alla dose di 0,25 ml / kg per via intramuscolare (dose massima di 15 ml) immediatamente, seguita dalla vaccinazione 5-6 mesi più tardi senza alcuna controindicazione. In caso di contatto con un paziente malato con immunodeficienza, controindicato nella vaccinazione, l'immunoglobulina sierica viene somministrata per via intramuscolare in una dose di 0,5 ml / kg (massimo 15 ml). Le immunoglobuline non devono essere somministrate contemporaneamente al vaccino.

trusted-source[41], [42], [43]

Qual è la prognosi per il morbillo?

Il morbillo ha una prognosi favorevole nel caso di un decorso non complicato della malattia. Con lo sviluppo di polmonite a cellule giganti, encefalite, trattamento tardivo inadeguato, la morte è possibile. Nel caso dello sviluppo di panencefalite sclerosante subacuta, il morbillo in tutti i casi ha un esito sfavorevole.

trusted-source[44], [45], [46], [47], [48], [49]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.