^
A
A
A

L'uomo ha inquinato l'atmosfera già da duemila anni

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

15 June 2017, 09:00

L'atmosfera cominciò ad essere inquinata a causa di azioni umane duemila anni fa, durante la prosperità dell'Antico Impero Romano: fu allora che un gran numero di piombo e altri composti dannosi cominciarono ad entrare nell'aria. Lo riferiscono gli specialisti in paleoclimatologia dell'Università di Harvard.

"Abbiamo ricevuto informazioni esaustive sul fatto che l'attività umana conduce all'inquinamento continuo dell'atmosfera per almeno duemila anni. Solo le riduzioni periodiche del numero di persone che vivono sul pianeta, così come la recessione economica, hanno ridotto il grado di inquinamento di tali indicatori, che oggi sono chiamati "naturali", afferma il dott. Alexander More dell'Università americana di Harvard.

Nel corso degli ultimi anni, gli esperti scientifici ha esaminato in dettaglio le caratteristiche delle attività umane e l'aumento del numero di popolazione mondiale, con particolare attenzione su come questi fattori influenzano il clima e cambiamenti ambientali, prima dell'ultimo periodo epocale. Sono i cambiamenti avvenuti negli ultimi due secoli a provocare l'inizio del cosiddetto riscaldamento globale e l'aumento del contenuto di composti tossici e nocivi nell'aria, nell'acqua e nel suolo.

Ad esempio, lo scorso anno gli scienziati hanno scoperto che l'inizio del riscaldamento globale non poteva essere lanciato negli anni '50. Ventesimo secolo, e alla fine del diciannovesimo secolo - in questo periodo, i paesi europei e gli Stati Uniti erano al culmine dello sviluppo industriale.

Gli storici hanno attirato l'attenzione su altri fattori e tendenze dell'inquinamento ambientale. La popolazione dell'antica Roma e di altri popoli utilizzati portava in grandi quantità: preparavano piatti, pipe, oggetti per la casa, ecc. Gli scienziati riflettevano su come l'uso attivo del piombo potesse influenzare lo stato ecologico del pianeta in quel momento.

Gli specialisti hanno condotto ricerche sulle Alpi - in luoghi in cui per molte migliaia di anni il ghiaccio è stato depositato in maniera massiccia. Gli scienziati hanno prelevato campioni e determinato il contenuto del piombo in essi per valutare l'impatto dell'inizio della civiltà sul grado di contaminazione della Terra.

Come si è scoperto, l'aria in Europa è stata contaminata per tutti i duemila anni, esclusi periodi di tempo minori, quando l'attività umana è stata sospesa per un motivo o per l'altro. Pertanto, il periodo più prolungato di "cessazione dell'attività umana" è stata la più forte epidemia europea associata alla peste. Questa epidemia durò da 1349 a 1353 anni. Secondo la ricerca, in questo momento la fusione del piombo si è quasi completamente fermata, a causa della pestilenza, almeno 1/3 della popolazione totale dell'Europa è stata uccisa, il che ha portato alla violazione della maggior parte delle transazioni commerciali e dei legami finanziari e industriali. Una situazione simile si sviluppò nel 1460, così come negli anni 1880 e 1970.

È possibile che il piombo non sia l'unico elemento tossico che ha portato all'inquinamento atmosferico. Un simile effetto tossico si è manifestato durante la lavorazione di mercurio e gas di zolfo.

trusted-source[1], [2], [3], [4]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.