^
A
A
A

Venezia ha tutte le possibilità di andare completamente sott'acqua

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

13 March 2017, 09:00

Il pericolo di inondazioni minaccia più di 30 regioni d'Italia. Ciò è dovuto principalmente al cambiamento climatico globale. Più recentemente, gli scienziati hanno espresso un tempo in cui l'acqua sott'acqua può far sparire Venezia, una delle città più insolite della costa adriatica.

Scienziati italiani e svizzeri hanno determinato in quali zone della città si verificano le maggiori inondazioni e ciò che causa esattamente questo. Gli specialisti hanno compilato una mappa corrispondente in cui sono elencati i luoghi più "pericolosi".

Dettagli dello studio sono stati pubblicati dagli autori nelle relazioni scientifiche periodiche.

Come suggerito dai ricercatori, prima del 2100 il livello medio del terreno su cui si trova Venezia sarà inferiore approssimativamente da 17 a 53 cm Se si tiene conto che la parte sporgente del terreno nella parte centrale della città è circa 90 cm più alta del livello dell'acqua, porterà a che il periodo di maree sarà osservato molto più spesso (per oggi è quattro volte per un anno, e successivamente è previsto per 20-250 volte).

La mappa, compilata dai ricercatori, si basava sulle informazioni ricevute dai satelliti, utilizzando due bande di onde radio con diversa frequenza e risoluzione spaziale. Queste informazioni sono state raccolte durante due periodi - dal 1992 al 2010, e anche dal 2008 al 2011.

Se guardi il periodo del secolo scorso, puoi vedere che Venezia è precipitata in acqua di 25 centimetri: quindici centimetri su di essi sono l'esaurimento delle falde acquifere e dieci centimetri sono il livello del mare elevato.

Dal 2003, al fine di prevenire l'alluvione di Venezia, il governo della città ha iniziato la costruzione di dighe protettive.

Il fatto che la città unica si stabilisca, gli scienziati lo sanno da molto tempo. Gli esperti misurano regolarmente il livello dell'acqua a Venezia, gli esperti hanno iniziato solo nel 1872, quindi il conto alla rovescia delle inondazioni è iniziato da questa data.

Il numero totale di alluvioni a Venezia è aumentato significativamente negli ultimi tempi. Almeno quattro o cinque volte l'anno, i residenti devono spostarsi in città usando tavole di legno e traversi. La ragione di questo non è solo l'aumento del livello del mare, ma anche il cedimento della città.

Tuttavia, molti esperti italiani ritengono che questo assestamento graduale non possa essere considerato molto pronunciato. "A 1-2 millimetri all'anno - questo è un valore insignificante, rispetto agli indicatori che abbiamo osservato qualche decina di anni fa" - hanno commentato gli scienziati che rappresentano l'Università italiana di Padova. In effetti, il rapido declino del secolo scorso è stato in gran parte dovuto ai processi naturali e al pompaggio delle acque sotterranee. Anche in questo periodo è stato registrato un aumento del livello del mare di 11 centimetri.

Tuttavia, la maggior parte degli scienziati esprime la convinzione che Venezia non si aspetta un futuro così ottimistico. Costruito in caso di barriere di allagamento, presumibilmente, dovrà presto essere usato molto spesso. Si prevede che entro la fine di questo secolo il livello del mare aumenterà di un altro mezzo metro, il che potrebbe esacerbare il problema di inondare la città.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.