^
A
A
A

Complicazioni ed effetti collaterali dei dispositivi intrauterini

 
, Editor medico
Ultima recensione: 15.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Quando si usano dispositivi intrauterini, possono esserci sia complicazioni che effetti collaterali indesiderati. Con l'introduzione di dispositivi intrauterini, è possibile sviluppare complicanze come la perforazione dell'utero (0,2%). L'uso di un dispositivo intrauterino può essere accompagnato dalla comparsa di malattie infiammatorie degli organi genitali interni (16-18%). Inoltre, le donne con IUD hanno spesso un cambiamento nel ciclo mestruale, manifestato come lo sviluppo di algodismenorea, iperpolimenorrea, soprattutto nei primi mesi di utilizzo dei contraccettivi (27-40%). Dopo 3-4 anni, con l'uso di dispositivi intrauterini, le donne possono sviluppare processi endometriali iperplastici, che porteranno anche ad un aumento del volume mensile. Alcuni pazienti (1-2%) possono avere un'espulsione del contraccettivo.

Accettabilità di dispositivi intrauterini in diversi periodi della vita di una donna

Gruppo di donneUso di IUDragione
adolescenzainexpedientAlto rischio di malattie infiammatorie dei genitali, algodismenorei, impulsi
nullipareinexpedientAlto rischio di malattie infiammatorie dei genitali, algodismenorei, impulsi
Nel periodo postpartum (dopo 6 settimane), durante l'allattamentoForse con un partner sessuale costanteNon influisce sull'allattamento
Nell'intervallo intergeneticoforseÈ necessario prendere in considerazione il rischio di sviluppare complicanze e effetti collaterali indesiderati. Possibilità di danno riproduttivo dopo complicazioni
Dopo l'aborto (prima del recupero del ciclo mestruale)Non raccomandatoAlto rischio di complicazioni e effetti collaterali indesiderati. Possibilità di danno riproduttivo dopo complicazioni
Alla fine dell'età riproduttivaNon raccomandatoAlto rischio di processi iperplastici dell'endometrio e crescita dei tumori uterini

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.