^
A
A
A

Invecchiamento e photoaging

 
, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Si dice che la moda per un'abbronzatura impartita parigino leggendaria Coco Chanel, al suo ritorno da una crociera sul Mediterraneo, è stato colpito dalla pallida parigino bellezze tan bronzo. Presto la moda capricciosa ha fatto un giro di 180 °, e le signore non era uscire di casa senza cappelli a tesa larga, lunghi guanti e veli, andare in spiaggia, dove prima timidamente, poi con più coraggio mettendo a nudo i loro corpi, sostituendo caldi raggi del sole.

Secondo un'altra teoria, la moda per la solarizzazione appariva quando la pelle pallida veniva associata a lavori pesanti in locali chiusi di fabbriche e piante, e le scottature diventavano il privilegio di coloro che potevano permettersi di trascorrere molto tempo all'aria aperta, riposando e praticando sport. Qualunque cosa fosse, in quasi tutti i paesi europei e in America, l'abbronzatura è diventata un simbolo di salute e uno stile di vita attivo, e così tante persone, soprattutto in giovane età, si trovava sotto il sole cocente di bruciare e vertigini, cercando di convincerlo.

In America, la generazione che divenne così attivamente amico del sole era una generazione di persone nate durante il boom del dopoguerra negli anni '40 e '50 o dai baby boomer. Passarono gli anni, ei medici hanno cominciato a notare che l'invecchiamento della pelle ai figli del baby boom ha le proprie caratteristiche - rughe taglienti, rugosità, la rugosità della pelle, macchie di pigmentazione, la presenza di aree di ramoscelli pelle compattati e traballante vasi dilatati nelle guance. Tali cambiamenti si riscontrano solo in aree soggette ad un aumento dell'irraggiamento solare, mentre in luoghi solitamente protetti dal sole (ad esempio, nell'addome inferiore all'interno delle cosce, ecc.), La pelle tende ad apparire molto meglio. Ci sono volute accurate ricerche prima che i medici arrivassero a una conclusione unanime: non l'età, ma la radiazione solare è responsabile della comparsa di questi segni. Come si è scoperto, la radiazione UV, sebbene non abbia effetti così distruttivi come le radiazioni ionizzanti, ha tuttavia abbastanza energia da causare danni al DNA e ad altre molecole della pelle.

Ora, i seguenti segni di danni del sole sulla pelle o foto-colorazione:

  • rughe che appaiono nelle zone di danno al collagene;
  • pelle non uniforme, che si verifica in aree di accumulo di elastina atipica (elastosi soiaellica);
  • pelle secca;
  • espansione dei vasi superficiali (telangiectasia);
  • macchie di pigmento (lentigo solare);
  • cheratosi attinica, o solare, (chiazze di pelle rossiccia condensata, squamosa).

Il più delle volte il fotoinvecchiamento è osservato nelle persone di età compresa tra i 50 anni e le persone con la pelle scura appare meno spesso. Il concetto di fotoincisione ha rivoluzionato la cosmetologia. Prima di questo, gli scienziati ritenevano che né l'invecchiamento potesse essere prevenuto né la pelle invecchiata ringiovanita e che tutti i tentativi di creare un mezzo per levigare le rughe o ripristinare la luminosità della giovinezza sono destinati a fallire in anticipo. Si è scoperto che la pelle, danneggiata dal sole, mantiene una riserva di vitalità che può essere risvegliata. Ora sono stati sviluppati numerosi strumenti e metodi in grado di eliminare parzialmente i segni del fotoinvecchiamento. Sebbene siano tutti pubblicizzati come un mezzo per "rughe" o "per invecchiamento", bisogna capire che in questo caso non si tratta di un vero ringiovanimento, ma di "trattare" (più accuratamente - ripristinare) la pelle danneggiata dal sole.

Fino ad oggi, sono state raccolte ampie informazioni sull'effetto negativo dell'azione ultravioletta sulla pelle. Lo spettro dell'ultravioletto è rappresentato da tre gruppi di raggi.

  • Raggi ultravioletti C (UVC, breve UV, molto UV) - raggi con la lunghezza d'onda più corta (100-280 nm). Hanno l'effetto più dannoso sul corpo umano. Tuttavia, la loro influenza è minima, poiché sono assorbiti dallo strato di ozono e praticamente non raggiungono la superficie terrestre
  • I raggi ultravioletti B (UVB, metà UV) sono raggi con un intervallo medio di lunghezze d'onda (280-320 nm). Danneggiano la pelle il più possibile, ma il loro effetto è significativamente indebolito dalla nuvolosità e la penetrazione viene ritardata dall'abbigliamento e dai normali vetri delle finestre. L'adsorbimento e la dispersione degli UVB nell'atmosfera si osservano quando il sole è basso vicino all'orizzonte (mattina presto e sera tardi), alle alte latitudini e anche in inverno.

Il più piccolo assorbimento e dispersione di questi raggi si osserva in mezza giornata, a basse latitudini e in estate.

  • Raggi ultravioletti A (UVA, UV lungo, vicino UV, luce nera) - raggi con le lunghezze d'onda maggiori (320-400 nm) L'effetto dannoso di UVA è 1000 volte più debole di UVB. Tuttavia, raggiungono la superficie della terra molto meglio e la loro penetrazione non dipende dall'ora del giorno, dalla latitudine e dalla stagione. È noto che questi raggi non sono trattenuti dallo strato di ozono, i vestiti non sono tinti attraverso le nuvole. Ecco perché molti edifici moderni usano vetri oscurati, che non sono solo una certa architettura e una soluzione estetica, ma anche una protezione contro i raggi UVA.

La fonte della radiazione ultravioletta non è solo il sole, ma anche le lampade del solarium. Si ritiene che una piccola frazione dell'ultravioletto possa produrre lampade a scarica di gas. Per quanto riguarda le lampade fluorescenti elampade alogene, schermi televisivi e schermi di computer, non sono fonti di radiazioni ultraviolette. È importante ricordare che sabbia bianca, neve, acqua riflettono fino all'85% della radiazione solare. Pertanto, rimanendo in spiaggia o in montagna, una persona riceve quasi il doppio dell'energia a causa della riflessione e della dispersione dei raggi.

I raggi ultravioletti A e B differiscono nella profondità di penetrazione nella pelle - è direttamente proporzionale alla lunghezza d'onda. È noto che il 90% degli UVB è bloccato dallo strato corneo, mentre l'UVA è in grado di penetrare negli strati più profondi dell'epidermide e oltre il 50% di essi può entrare negli strati papillare e reticolare del derma. Per questo motivo, quando i raggi B sono esposti, l'epidermide cambia e quando i raggi A sono interessati, i cambiamenti strutturali nella sostanza di base del derma, le sue strutture fibrose, il letto microcircolatorio e gli elementi cellulari.

I meccanismi d'azione dei raggi ultravioletti sulla pelle e le loro conseguenze sono stati accuratamente studiati. È noto che gli UVC hanno un marcato effetto mutageno. L'UVB causa scottature, in parte, abbronzatura. La principale conseguenza negativa di UVB è la comprovata cancerogenesi, che è indotta a causa di mutazioni cellulari. Raggi ultravioletti A causa della pigmentazione della pelle, cioè abbronzatura. Questi raggi sono i meno eritemogeni, motivo per cui questo spettro di radiazioni ultraviolette è rappresentato nelle lampade dei solarium. UVA così come UVB, causa la carcinogenesi, è noto effetto di potenziamento contro un raggi fasci B. Alcuni ricercatori ritengono che i raggi e svolgono un ruolo importante nello sviluppo del melanoma rispetto ai raggi di B. A questo proposito, è necessario sottolineare l'importanza della protezione solare applicare significa dall'azione dei raggi A e B contemporaneamente.

Gli effetti combinati dei raggi ultravioletti sulla pelle comprendono una serie di cambiamenti morfologici. E 'noto per influenzare la proliferazione e la differenziazione dei cheratinociti, fibroblasti, melanociti (stimolazione alterazione di elementi cellulari, alterata DNA riparazione). È dimostrato che gli effetti combinati dei raggi A e B portano a una serie di gravi violazioni della sorveglianza immunologica locale. In particolare, numero di conto generazione immunosupressivngh citochine nella pelle (per esempio, IL-10), la riduzione dei linfociti killer naturali, coinvolto nella eliminazione delle cellule tumorali, la comparsa di CD8 linfociti, stimolando le cellule di Langerhans apoptosi, induzione di epidermica tsisizomerizatsii trans acido urocanico (endogeno componente, a cui è attribuito l'effetto immunosoppressivo). Inoltre, i raggi UVA sono la causa principale dello sviluppo della fotosensibilità. La maggior parte delle dermatiti associati congenita o acquisita maggiore sensibilità ai raggi ultravioletti, si verificano o sono aggravati dall'esposizione a spettro di lunghezza d'onda è. Questi dermatosi comprendono reazioni fotoallergiche, porfiria, orticaria solare, lupus eritematoso, xeroderma pigmentoso e altre malattie.

Va sottolineato che i raggi ultravioletti A sono collegati con l'invecchiamento della pelle spina ryznovidn - fotoinvecchiamento. È caratterizzato da alcune manifestazioni morfologiche, diverse dall'invecchiamento biologico. Sotto l'effetto dei raggi UVA nell'epidermide avviene ispessimento irregolare dello strato corneo e dell'epidermide generalmente dovuta all'accelerazione irregolare dei processi di proliferazione dei cheratinociti e disturbi cheratinizzazione basali. Si sviluppa la displasia dei cheratinociti. Il derma è formato infiammazione cronica, strutture fibrose vengono distrutti, in particolare fibre elastiche (omogeneizzazione, ispessimento, torsione e frammentazione delle fibre elastiche, riducendo il loro diametro e numero - "elastosi solare"), esistono gravi cambiamenti piccoli vasi calibro. Quest'ultimo conduce successivamente alla ristrutturazione del letto del microcircolo e alla formazione di teleangectasie

È noto che l'esposizione prolungata ai raggi UVA, ad esempio l'uso eccessivo dei saloni abbronzanti, provoca cambiamenti strutturali della pelle, simili a un'esposizione prolungata al sole. È opportuno sottolineare l'importanza dell'uso dosato dei lettini abbronzanti.

Isolare l'effetto ultravioletto acuto e cronico, causando varie manifestazioni cliniche.

I segni clinici di esposizione acuta agli ultravioletti comprendono scottature e pigmentazione della pelle. La solarizzazione è una semplice dermatite e si manifesta con eritema ed edema (1 ° grado) o eritema e formazione di vescicole (2 ° grado). L'ustione di terzo grado è estremamente rara, soprattutto nei bambini, ed è accompagnata da shock termico. Si ritiene che la presenza di grado possibile scottature 1, se una persona entro 24 ore ricevuto 4 dosi eritema minima, e 2 ° grado - 8. Pigmentazione o abbronzatura, v'è immediata e ritardata. Istante pelle oscuramento si verifica entro pochi minuti dopo l'esposizione al sole ed è associata con photooxidized melanina già sintetizzato e la sua rapida ridistribuzione nei dendriti melanociti e, inoltre, nelle cellule epidermiche. La pigmentazione ritardata si verifica dopo 48-72 ore ed è associata con la sintesi attiva della melanina nei melanosomi, un aumento del numero di melanociti e l'attivazione di processi sintetici in melanociti precedentemente inattivi. Questi cambiamenti riflettono le proprietà protettive della pelle in risposta alla radiazione ultravioletta. La pigmentazione ritardata può anche essere spiegata dalla formazione di pigmentazione postinfiammatoria secondaria a seguito di semplice dermatite o ustione.

I segni clinici di esposizione cronica alle radiazioni ultraviolette sono i seguenti: alterazioni vascolari, disturbi della pigmentazione, nuova formazione della pelle, alterazioni del turgore, elasticità, aspetto della pelle. Cambiamenti vascolari derivanti da UVR esposizione cronica rappresentati resistente eritema diffuso, formazione telangiectasia, ecchimosi nelle zone più esposte alle radiazioni (viso, mani, parietale e regione occipitale, parte posteriore del collo, ecc). Le violazioni della pigmentazione si manifestano sotto forma di lentiggini, lentigo solare, discromia, ipomelanosi idiopatica cronica a forma di goccia e poiiloderma. Questo complesso di manifestazioni cliniche, insieme ai segni del fotoinvecchiamento, è stato nominato nella letteratura inglese "pelle danneggiata dal sole" ("pelle danneggiata dal sole"). L'eccessiva UFD è spesso associata allo sviluppo di tumori cutanei come la cheratosi attinica, il basioma, il carcinoma a cellule squamose, il melanoma.

I cambiamenti nel turgore, l'elasticità e la struttura della pelle sono la base per il fotoinvecchiamento. Clinicamente, pelle fotoinvecchiamento appare secca, la sua ruvida, accentato modello della pelle, ridotto turgore ed elasticità della pelle. La conseguenza di questi cambiamenti sono le rughe superficiali e profonde. Inoltre, quando fotoinvecchiamento notato sfumatura giallastra della pelle, discromie, lentiggini, teleangectasie, cheratosi seborroiche, senilis comedoni. È da notare che i complessi cambiamenti della pelle associati con l'esposizione cronica UVI è stata ben descritta in dermatologia all'inizio del secolo scorso (ad esempio, "pelle dei marittimi", "contadini pelle", "a forma di diamante collo atrofia», malattia Favre-Racouchot, ecc). .

Quando si valuta la natura delle alterazioni cutanee legate all'età, è importante tenere conto del tipo di invecchiamento. I segni morfologici e clinici del fotoinvecchiamento hanno il loro quadro caratteristico, che differisce da quello degli altri tipi di invecchiamento.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.