^

Formazione e sviluppo della placenta

, Editor medico
Ultima recensione: 11.04.2020
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

La placenta è l'organo della respirazione, della nutrizione e dell'escrezione fetale. Produce ormoni che assicurano la vita normale della madre e proteggono il feto dall'aggressione immunologica della madre, prevenendone il rigetto, anche impedendo il passaggio delle immunoglobuline materne di classe G (IgG).

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6]

Posizione nel corpo umano

Sviluppo della placenta

Dopo l'impianto il trofoblasto inizia a espandersi rapidamente. La completezza e la profondità dell'impianto dipende dalla capacità litica e invasiva del trofoblasto. Inoltre, già in questi termini di gravidanza, il trofoblasto inizia a secernere HG, proteina PP1, fattori di crescita. Di trofoblasto primario L assegnato due tipi di cellule: cytotrophoblast - syncytiotrophoblast ed uno strato interno - strato esterno in forma symplast e questo strato è chiamato o "primitiva" "forma prevorsinchatye". Secondo alcuni ricercatori, la specializzazione funzionale di queste cellule è già stata rivelata nel periodo precedente. Se syncytiotrophoblast caratterizzato dal invasione nella parete interna dell'endometrio con danni capillari venosi materne e sinusoidi, il primitivo citotrofoblasto attività proteolitica caratteristica per formare cavità dell'endometrio, che riceve eritrociti materni dai capillari danneggiati.

Così, nel periodo intorno blastocisti incavata avente numerose cavità riempite con eritrociti materni e distrutti ghiandole uterine segrete - questo corrisponde prevorsinchatoy o cassettoni stadio di sviluppo della placenta. In questo momento, si stanno verificando riarrangiamenti attivi nelle cellule endodermiche e inizia la formazione dell'embrione e delle formazioni extra-embrionali, la formazione di vescicole amniotiche e tuorlo. La proliferazione delle cellule primitive di citotrofoblasto forma colonne cellulari o villi primari, ricoperti da uno strato di sinciziotrofoblasto. La comparsa dei villi primari in termini di tempo coincide con la prima mestruazione assente.

Il 12-13 ° giorno dello sviluppo inizia la trasformazione dei villi primari in quelli secondari. Alla 3a settimana di sviluppo inizia il processo di vascolarizzazione, a seguito del quale i villi secondari si trasformano in villi terziari. Le pile sono chiuse con uno strato continuo di sinciziotrofoblasto, hanno cellule mesenchimali e capillari nello stroma. Questo processo viene eseguito lungo l'intera circonferenza del sacco embrionale (corion a forma di anello, secondo gli ultrasuoni), ma ancor di più quando i villi toccano il pad di impianto. In questo momento, il serbatoio di organi provvisori porta al rigonfiamento dell'intero sacco embrionale nel lume dell'utero. Così, entro la fine di 1 mese di gravidanza, viene stabilita la circolazione del sangue embrionale, che coincide con l'inizio della contrazione cardiaca dell'embrione. Nell'embrione ci sono cambiamenti significativi, c'è un rudimento del sistema nervoso centrale, inizia la circolazione del sangue - un singolo sistema emodinamico è stato formato, la cui formazione è completata dalla 5a settimana di gravidanza.

Dalle 5-6 settimane di gravidanza c'è una formazione estremamente intensiva della placenta, poiché è necessario assicurare la crescita e lo sviluppo dell'embrione, e per questo è necessario, prima di tutto, creare la placenta. Pertanto, durante questo periodo, il ritmo di sviluppo della placenta è più veloce del tasso di sviluppo dell'embrione. In questo momento, il sinciziotrofoblasto in via di sviluppo raggiunge le arterie a spirale del miometrio. L'instaurazione del flusso ematico placentare utero-placentare e placentare è la base emodinamica dell'embriogenesi intensiva.

L'ulteriore sviluppo della placenta è dovuto alla formazione dello spazio intervallare. Il citotrofoblasto proliferante syncytiotrophobia che riveste le arterie a spirale e si trasformano in arterie utero-placentari tipiche. La transizione alla circolazione della placenta avviene per 7-10 settimane di gestazione e viene completata entro 14-16 settimane.

Pertanto, l'I trimestre di gravidanza è un periodo di differenziazione attiva del trofoblasto, la formazione e la vascolarizzazione del corion, la formazione della placenta e la connessione dell'embrione con l'organismo materno.

La placenta è completamente formata dal 70 ° giorno dal momento dell'ovulazione. Entro la fine della gravidanza, la massa della placenta è V, in base al peso del corpo del bambino. La velocità del flusso sanguigno nella placenta è di circa 600 ml / min. Durante la gravidanza, la placenta "invecchia", che è accompagnata dalla deposizione di calcio nei villi e dalla fibrina sulla loro superficie. La deposizione di fibrina in eccesso può essere osservata nel diabete mellito e nel conflitto rhesus, con conseguente scarsa nutrizione del feto.

La placenta è l'organo provvisorio del feto. Nelle prime fasi di sviluppo, i suoi tessuti si differenziano a un ritmo più accelerato rispetto ai tessuti dell'embrione. Un tale sviluppo asincrono dovrebbe essere considerato come un processo opportuno. Dopo tutto, la placenta deve garantire la separazione dei flussi di sangue materno e fetale, creare l'immunità immunitaria, assicurare la sintesi di steroidi e altri fabbisogni metabolici del feto in via di sviluppo, il successivo corso della gravidanza dipende dall'affidabilità di questo stadio. Se la formazione della placenta è un'infestazione da trofoblasto insufficiente, si formerà una placenta inferiore - aborto o sviluppo ritardato del feto; con una costruzione inadeguata della placenta sviluppa tossicosi della seconda metà della gravidanza; se l'infestazione è troppo profonda, è possibile aumentare la placenta, ecc. Il periodo di placentazione e organogenesi è il più responsabile nello sviluppo della gravidanza. La loro correttezza e affidabilità sono assicurate da un complesso di cambiamenti nel corpo della madre.

Alla fine del terzo e del quarto mese di gravidanza, insieme alla crescita intensiva dei villi nell'area di impianto, inizia la degenerazione dei villi all'esterno. Non ricevono un'adeguata nutrizione, sono sottoposti a pressione dal sacco fetale in crescita, perdono l'epitelio e la sclerosi, che è lo stadio di formazione di un corion liscio. La caratteristica morfologica della formazione della placenta in questo periodo è la comparsa di un citofiloblasto scuro villoso. Le cellule del citotrofoblasto scuro hanno un alto grado di attività funzionale. Un'altra caratteristica strutturale dello stroma dei villi è l'approccio dei capillari alla copertura epiteliale, che consente di accelerare il metabolismo riducendo la distanza epiteliale-capillare. Alla sedicesima settimana di gravidanza, la massa della placenta e del feto viene livellata. In futuro, il feto supera rapidamente la massa della placenta e questa tendenza rimane fino alla fine della gravidanza.

Al quinto mese di gravidanza, si verifica una seconda ondata di invasione del citotrofoblasto, che porta a un'espansione del lume delle arterie a spirale e un aumento del volume del flusso sanguigno uteroplacentare.

Al 6 ° / 7 ° mese di gestazione, l'ulteriore sviluppo si verifica in un tipo più differenziato, l'elevata attività sintetica del sinciziotrofoblasto, i fibroblasti nello stroma delle cellule attorno ai villi capillari vengono mantenuti.

Nell'III trimestre di gravidanza, la placenta non aumenta significativamente di massa, subisce cambiamenti strutturali complessi che consentono di soddisfare i crescenti bisogni del feto e il suo significativo aumento di peso.

All'ottavo mese di gravidanza, è stato notato il maggiore aumento della massa della placenta. È stata notata la complicazione della struttura di tutti i componenti della placenta, significativa ramificazione dei villi con la formazione di cationidon.

Al 9 ° mese di gravidanza si è verificato un rallentamento del tasso di crescita della massa placenta, che si intensifica ulteriormente in 37-40 settimane. C'è una struttura lobata chiara con un flusso sanguigno intervillar molto potente.

trusted-source[7], [8], [9], [10]

Ormoni proteici della placenta, deciduali e membrane

Durante la gravidanza, la placenta produce ormoni proteici di base, ciascuno dei quali corrisponde a un determinato ormone ipofisario o ipotalamico e ha proprietà biologiche e immunologiche simili.

Ormoni proteici della gravidanza

Ormoni proteici prodotti dalla placenta

Ormoni ipotalamici

  • ormone rilasciante la gonadotropina
  • ormone che rilascia corticotropina
  • ormone che rilascia la tireotropina
  • somatostatina

Ormoni ipofisari

  • gonadotropina corionica
  • lattogeno placentare
  • corticotropina corionica
  • ormone adrenocorticotropo

Fattori di crescita

  • un fattore di crescita insulino-simile 1 (IGF-1)
  • fattore di crescita epidermico (EGF)
  • fattore di crescita derivato dalle piastrine (PGF)
  • fattore di crescita dei fibroblasti (FGF)
  • fattore di crescita trasformante P (TGFP)
  • inibina
  • beni

Citochine

  • interleuchina-1 (yl-1)
  • interleuchina-6 (yl-6)
  • fattore stimolante le colonie 1 (CSF1)

Proteine specifiche per la gravidanza

  • beta1, -glicoproteina (SP1)
  • pMBP proteina principale eosinofila
  • proteine solubili in PP1-20
  • proteine ed enzimi leganti la membrana

Ormoni proteici prodotti dalla madre

Proteine decidue

  • prolattina
  • relaxina
  • fattore di crescita insulino-simile legante le proteine 1 (IGFBP-1)
  • interleuchina 1
  • fattore stimolante le colonie 1 (CSF-1)
  • proteina endometriale associata a progesterone

Ormoni pituitari triple corrisponde gonadotropina corionica (hCG), corionica umana somatomammotrophin (CS), tirotropina corionica umana (XT), corticotropina placentare (FCT). La placenta produce simile a peptidi ACTH, e ormone rilasciante (gonadotropina (GnRH), ormone di rilascio della corticotropina (CRH), tirotropina releasing hormone (TRH) e somatostatina) simile gipatolamicheskim. Si ritiene che il controllo di questa importante funzione della placenta sia effettuato da HG e da numerosi fattori di crescita.

La gonadotropina corionica - l'ormone della gravidanza, è una glicoproteina, simile nel suo effetto a LH. Come tutte le glicoproteine è costituito da due catene di alfa e beta. La subunità alfa è quasi identica a tutte le glicoproteine e la subunità beta è unica per ciascun ormone. La gonadotropina corionica è prodotta dal sinciziotrofoblasto. Il gene responsabile della sintesi della subunità alfa, è localizzato sul cromosoma 6, per la subunità beta di LH ha anche un singolo gene sul cromosoma 19, mentre la subunità beta della hCG ha 6 geni sul cromosoma 19. Forse questo spiega l'unicità della subunità beta di hCG, come un periodo della sua vita è di circa 24 ore, mentre il betaLG vita non è più di 2 ore.

Gonadotropina corionica è il risultato dell'interazione di steroidi sessuali, citochine, ormoni di rilascio della corticotropina, fattori di crescita, inibina e activina. La gonadotropina corionica compare il giorno 8 dopo l'ovulazione, il giorno dopo l'impianto. Funzioni di gonadotropina corionica umana è estremamente numerosi: si sostiene lo sviluppo e la funzione del corpo luteo di gravidanza per 7 settimane, partecipando alla produzione di steroidi nel feto, la zona del feto delle DHEAS surrenali e testosterone da parte dei testicoli di feto di sesso maschile, che partecipano alla formazione del sesso del feto. Scoperto il gene della gonadotropina corionica umana nei tessuti fetali: rene, ghiandola surrenale, indicando che parte della gonadotropina corionica umana nello sviluppo di questi organi. Si ritiene che possiede proprietà immunosoppressive ed è uno dei principali componenti della "proprietà di blocco del siero" nella prevenzione del rigetto del estraneo al sistema immunitario della madre feto. Recettori per gonadotropina corionica trovato nei vasi miometrio e miometrio, a quanto pare, gonadotropina corionica umana svolge un ruolo nella regolazione della uterina e vasodilatazione. Inoltre, i recettori per gonadotropina corionica espressi nella tiroide, e questo spiega l'attività catalitica della ghiandola tiroidea sotto l'influenza della gonadotropina corionica umana.

Il livello massimo di gonadotropina corionica è osservato a 8-10 settimane di gravidanza: 100.000 unità diminuiscono lentamente ed è a 16 settimane tra 10.000 e 20.000 UI / I, rimanendo così fino a 34 settimane di gestazione. A 34 settimane, molte persone segnano il secondo picco della gonadotropina corionica, il cui significato non è chiaro.

Il lattogeno placentare (talvolta chiamato somato-mammotropina corionica) ha una somiglianza biologica e immunologica con l'ormone della crescita, sintetizzato dal sinciziotrofoblasto. La sintesi dell'ormone inizia dal momento dell'impianto, e il suo livello aumenta parallelamente alla placenta, raggiungendo un livello massimo di 32 settimane di gestazione. La produzione giornaliera di questo ormone alla fine della gravidanza è superiore a 1 g.

Secondo Kaplan S. (1974), il lattogeno placentare è il principale ormone metabolico che fornisce al feto un substrato nutriente, la cui necessità aumenta con la crescita della gravidanza. Il lattogeno placentare è un antagonista dell'insulina. Un'importante fonte di energia per il feto è il corpo chetone. La chetonogenesi avanzata è una conseguenza della diminuzione dell'efficacia dell'insulina sotto l'influenza del lattogeno placentrale. A questo proposito, l'utilizzo ridotto di glucosio nella madre, che assicura un rifornimento costante di glucosio fetale. Inoltre, un aumento del livello di insulina combinato con un lattogeno fuso fornisce una maggiore sintesi proteica, stimola la produzione di IGF-I. Nel sangue fetale del lattogeno placenta c'è poco - 1-2% della quantità di esso nella madre, ma non si può escludere che influisce direttamente sul metabolismo fetale.

La variante "Ormone della crescita corionica" o "ormone della crescita" è prodotta dal sinciziotrofoblasto, determinato solo nel sangue della madre nel secondo trimestre e aumenta a 36 settimane. Si ritiene che, come il lattogeno placentare, prende parte alla regolazione del livello IGFI. Il suo effetto biologico è simile a quello del lattogeno placentare.

La placenta produce grandi quantità di ormoni peptidici sono molto simili agli ormoni della ghiandola pituitaria e l'ipotalamo - tireotropina corionica, con ACTH corionica, gonadotropina corionica umana - ormone rilasciante. Il ruolo dei fattori placentari non è ancora del tutto chiaro, che possono agire in modo paracrino, fornendo lo stesso effetto di quello delle controparti ipotalamico e ipofisario.

Negli ultimi anni, molta attenzione è stata rivolta all'ormone di rilascio della corticotropina placentare (CRH) in letteratura. Durante la gravidanza, CRH aumenta nel plasma al momento della consegna. La CRH nel plasma è associata alla proteina legante il CRH, il cui livello rimane costante fino alle ultime settimane di gravidanza. Quindi il suo livello cala bruscamente e, in relazione a ciò, il CRH aumenta in modo significativo. Il suo ruolo fisiologico non è del tutto chiaro, ma nel feto il CRH stimola il livello di ACTH e contribuisce alla steroidogenesi. Si suggerisce che il CRH abbia un ruolo nel causare il travaglio. Recettori CRH sono presenti nel miometrio, ma il meccanismo di azione di CRH non devono causare la contrazione e rilassamento del miometrio, come CRH aumenta cAMP (adenosina monofosfato ciclico intracellulare). Si ritiene che i cambiamenti nella isoforma miometrio CRH recettori o legame fenotipo proteina che attraverso la stimolazione della fosfolipasi può aumentare il livello di calcio intracellulare e quindi indurre attività contrattile del miometrio.

Oltre agli ormoni proteici, la placenta produce un gran numero di fattori di crescita e citochine. Queste sostanze sono necessarie per la crescita e lo sviluppo del feto e la relazione immunitaria tra la madre e il feto, che garantiscono la conservazione della gravidanza.

L'interleuchina-1beta è prodotta in decidua, il fattore stimolante le colonie 1 (CSF-1) è prodotto in decidua e nella placenta. Questi fattori sono coinvolti nell'ematopoiesi fetale. Nella placenta, interleuchina-6, fattore di necrosi tumorale (TNF), interleuchina-1 beta è prodotta. L'interleuchina-6, il TNF stimola la produzione di gonadotropina corionica, i fattori di crescita simili all'insulina (IGF-I e IGF-II) sono coinvolti nello sviluppo della gravidanza. Lo studio del ruolo dei fattori di crescita e delle citochine apre una nuova era nello studio delle relazioni endocrine e immunitarie in gravidanza. Una proteina del fattore di crescita insulino-simile (IGFBP-1beta) è una proteina importante della gravidanza. L'IGF-1 è prodotto dalla placenta e regola il passaggio dei substrati nutritivi attraverso la placenta al feto e, quindi, fornisce crescita e sviluppo del feto. IGFBP-1 è prodotto in decidua e legante IGF-1 inibisce lo sviluppo e la crescita del feto. Il peso del feto, la velocità del suo sviluppo sono direttamente correlati con IGF-1 e indietro con lGFBP-1.

Il fattore di crescita epidermico (EGF) è sintetizzato nel trofoblasto ed è coinvolto nella differenziazione del citotrofoblasto in sinciziotrofoblasto. Altri fattori di crescita identificati nella placenta includono: fattore di crescita nervoso, fibroblasti, fattore di crescita trasformante, fattore di crescita piastrinico. Nella placenta viene prodotta l'inibina, l'activina. L'inibina è definita nel sinciziotrofoblasto e la sua sintesi è stimolata dalle prostaglandine placentari E e F2 fla.

L'azione dell'inibina e dell'attivina placentare è simile a quella dell'ovaio. Prendono parte alla produzione di GnRH, HG e steroidi: l'attivina stimola e l'inibina inibisce la loro produzione.

L'attivina e l'inibina placentare e decidua compaiono nelle prime fasi della gravidanza e, apparentemente, prendono parte all'embriogenesi e alle risposte immunitarie locali.

Tra le proteine della gravidanza, la più nota SP1 o beta1-glicoproteina o trofoblast specifica beta1-glicoproteina (TBG), che è stata scoperta da Tatarinov Yu.S. Nel 1971. Questa proteina aumenta in gravidanza come il lattogeno placentare e riflette l'attività funzionale del trofoblasto.

La proteina principale eosinofila pMVR - il suo ruolo biologico non è chiaro, ma dall'analogia con le proprietà di questa proteina negli eosinofili si assume un effetto disintossicante e antimicrobico. Un suggerimento è stato fatto con l'effetto di questa proteina sulla contrattilità dell'utero.

Solubili proteine placentari comprendono un gruppo di proteine con diverso peso molecolare e composizione aminoacidica biochimica, ma con proprietà comuni - sono nella placenta, nel flusso ematico placentare fetale ma non secrete nel sangue materno. Ora sono aperti 30 e il loro ruolo è sostanzialmente ridotto a fornire il trasporto di sostanze al feto. Il ruolo biologico di queste proteine viene studiato intensamente.

Nel sistema di madre-placenta-feto, il mantenimento delle proprietà reologiche del sangue è di grande importanza. Nonostante la grande superficie di contatto e il rallentamento del flusso sanguigno nello spazio intervilloso, il sangue non thrombosing. Questo è ostacolato da un complesso complesso di agenti coagulanti e anticoagulanti. Il ruolo principale del trombossano (TXA2, piastrine madre secreti -. Attivatore coagulazione del sangue materno, così come recettori per la trombina su membrane apicali syncytiotrophoblast promuovere la conversione del fibrinogeno genitore di fibrina fattori di coagulazione Contrariamente agiscono sistema anticoagulante comprendente annessione V sulla superficie dei microvilli syncytiotrophoblast sulla sangue materno confine ed epitelio dei villi, alcune prostaglandine e prostaciclina (RG 12 e PGE2), che oltre possiedono vasodilatazione antiag sono stati identificati numerosi fattori con proprietà antipiastriniche e il loro ruolo rimane da studiare.

Tipi di placenta

Attacco del bordo - il cordone ombelicale è attaccato alla placenta dal lato. Attacco guscio (1%) - i vasi ombelicali, prima dell'attacco alla placenta, passano attraverso le membrane sincice-capillari. Con la rottura di tali vasi (come nel caso dei vasi della placenta), la perdita di sangue si verifica dal sistema circolatorio fetale. La placenta aggiuntiva (placent succenturia) (5%) rappresenta ulteriori lobuli distanti dalla placenta principale. In caso di ritardo nell'utero del lobulo addizionale nel periodo postpartum, possono svilupparsi sanguinamento o sepsi.

La placenta membranacea (1/3000) è un sacco a pareti sottili che circonda il feto e occupa quindi la maggior parte della cavità uterina. Situato nel segmento inferiore dell'utero, questa placenta predispone al sanguinamento nel periodo prenatale. Potrebbe non separarsi nel periodo fetale del parto. Incremento della placenta (placenta accreta) - incremento anormale di tutta o parte della placenta sul muro dell'utero.

Presentazione della placenta (placenta praevia)

La placenta si trova nel segmento inferiore dell'utero. La placenta previa è associata a condizioni come una grande placenta (ad es. Gemelli); anomalie dell'utero e dei fibromi; danno all'utero (generi di molti frutti, intervento chirurgico recente, incluso taglio cesareo). A partire da un periodo di 18 settimane, l'esame ecografico consente la visualizzazione di placenta basse; la maggior parte di loro si sposta nella posizione normale all'inizio del travaglio.

Al tipo I il bordo della placenta non raggiunge la gola uterina interna; al tipo II, raggiunge, ma non chiude dentro lo sbadiglio uterino interno; Nel tipo III, la melma uterina interna è chiusa dall'interno dalla placenta solo quando è chiusa, ma non con il collo uterino aperto. Nel tipo IV, la faringe uterina interna è completamente coperta dall'interno con la placenta. La manifestazione clinica dell'anomalia della posizione della placenta può essere il sanguinamento nel periodo prenatale (prenatale). Segmento placenta iperestensione quando hyperinflate inferiore è la fonte di sanguinamento, o l'impossibilità di inserimento della testa fetale (posizione alta parte presentata). Il problema principale in questi casi sono associati con sanguinamento e modalità di spedizione perché la placenta è la bocca dell'ostruzione dell'utero e può durante il parto deviare o girare incrementi (5% dei casi), soprattutto dopo che si è verificato nel taglio cesareo passato (più del 24% dei casi).

Test per valutare la funzione della placenta

La placenta produce progesterone, gonadotropina corionica umana e lattogeno placentare umano; solo l'ultimo ormone può fornire informazioni sul benessere della placenta. Se all'età gestazionale di più di 30 settimane con una rideterminazione della sua concentrazione inferiore a 4 μg / ml, ciò suggerisce una violazione della funzione placentare. Sistemi assistenziali feto / placenta è stata monitorata misurando l'escrezione totale giornaliero di estrogeni o estriolo nelle urine o determinazione di plasma estriolo come pregnenolone placenta sintetizzata successivamente metabolizzata fegato surrenale e fetale, placenta e poi ancora per la sintesi di estriolo. Il contenuto di estradiolo nelle urine e nel plasma è bassa, se la madre soffre di una malattia epatica grave o colestasi intraepatica o assunzione di antibiotici; In caso di malfunzionamento della madre nella funzione renale, si osserverà un basso livello di estradiolo nelle urine e un livello elevato nel sangue.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.