^

Vaccinazioni obbligatorie per gatti

, Editor medico
Ultima recensione: 25.06.2018
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

I veterinari hanno diviso i vaccini in due grandi categorie, oltre a una piccola terza categoria. Le vaccinazioni obbligatorie sono vaccinazioni che devono essere fatte a tutti i gatti in un determinato momento della sua vita. Le vaccinazioni facoltative sono vaccinazioni che sono necessarie solo per alcuni gatti, a seconda di fattori come la posizione geografica e il modo di vita. Sono disponibili anche altre vaccinazioni, ma di solito non sono raccomandate ai gatti.

Panleucopenia (vaccinazione obbligatoria)

La prima vaccinazione contro la panleucopenia (il virus della panleucopenia dei gatti) dovrebbe essere fatta all'età di 6-8 settimane, fino a quando il gattino entra in una nuova casa dove possono esserci altri gatti. Se il gattino è particolarmente a rischio nella zona in cui ci sono casi di malattia, il vaccino può essere fatto all'età di 6 settimane e poi ogni tre o quattro settimane fino a quando compie 16 settimane. Discutere di questo con un veterinario.

Dopo la serie iniziale di vaccinazione del gattino, una seconda iniezione all'età di 1 o 2 anni può essere sufficiente per i gatti che comunicano con altri gatti, poiché l'esposizione alla malattia aumenta l'immunità. Una seconda iniezione è raccomandata dopo un anno, e quindi non più spesso di ogni tre anni.

Sono disponibili due tipi di vaccini per iniezione. Il primo è un virus ucciso, il secondo è un ceppo vivo modificato. È disponibile anche un vaccino per l'instillazione nel naso. Un vaccino basato su un virus vivo modificato non è raccomandato per gatte e gattini di età inferiore a 4 settimane. I vaccini basati sul virus ucciso possono essere più adatti nei gruppi in cui non vi è alcuna malattia, poiché non vi è alcun rischio di reversione della virulenza.

La vaccinazione contro la panleucopenia è spesso combinata con le vaccinazioni di un complesso di malattie respiratorie virali dei gatti, viene praticata con una iniezione.

Complesso di malattie respiratorie virali dei gatti (vaccinazione obbligatoria)

Il veterinario può raccomandare un vaccino per iniezione contenente ceppi di virus herpes simplex (VHC) e catcivirus di gatti. Di solito vengono combinati con la vaccinazione contro la panleucopenia e vengono eseguiti almeno due volte, con una iniezione, l'ultima inoculazione non prima di 16 settimane. I gattini possono essere vaccinati da 6 settimane.

I gatti giovani e adulti dovrebbero ricevere due dosi iniziali, che vengono somministrate con una differenza di tre o quattro settimane. Si consigliano a gattini e gatti adulti una seconda iniezione in un anno e successivamente ogni tre anni.

Nonostante il fatto che i vaccini contro le malattie respiratorie virali siano altamente efficaci, non prevengono tutti i casi di malattia. Un gatto può essere esposto a singoli ceppi del virus che il vaccino non resiste o l'infezione può essere così grave da superare la protezione. Se ciò accade, la malattia di solito procede più facilmente che in un gatto non vaccinato. La vaccinazione non impedisce lo stato di portatore nei gatti, che vengono comunque infettati.

I vaccini da virus respiratori sono disponibili come iniezioni basate su un virus vivo modificato, un virus ucciso e anche sotto forma di goccioline nel naso basate su un virus vivo modificato. Se il vaccino viene instillato nel naso, possono apparire starnuti e perdite dal naso. Un vaccino a base di un virus ucciso è preferibile ai gatti gravidi e ai gruppi in cui non vi è alcuna malattia, poiché non vi è alcun rischio di reversione della virulenza.

trusted-source[1], [2]

Virulento malattia calicivirale sistemica dei gatti

Recentemente, l'uso del nuovo vaccino CaliciVax nel controllo della malattia virale calicivirale sistemica dei gatti è iniziato. Questo è un vaccino adiuvante basato sul virus ucciso. Il vaccino CaliciVax contiene un ceppo di calicivirus virulento sistemico dei gatti, nonché un ceppo vecchio di calicivirus dei gatti. È progettato per vaccinare gatti sani di età compresa tra 8 e 10 settimane, con una dose ripetuta da tre a quattro settimane e una re-iniezione annuale. Tuttavia, il rischio di usare un vaccino adiuvante potrebbe non valerne la pena a meno che non sia stata confermata la presenza di calicivirus virulento sistemico nei gatti.

Questo vaccino è stato introdotto nel 2007, dopo che le più recenti linee guida sulla vaccinazione sono state emesse dall'American Association of Felinology Practitioners. La sua efficacia massima sarà confermata solo dopo un lungo uso a lungo termine.

Rabbia (vaccinazione obbligatoria)

Gli stati e le città stabiliscono i requisiti per la vaccinazione contro la rabbia. Tutte le vaccinazioni contro la rabbia dovrebbero essere fatte da un veterinario, in molti stati questa è la legge. Un gatto che viene trasportato attraverso il confine di stato dovrebbe avere una vaccinazione attiva contro la rabbia e un certificato che confermi questo fatto.

Sono disponibili tre tipi di vaccini antirabbici. Questi includono un vaccino ricombinante, un vaccino vettoriale non adiuvante basato sul vaiolo di canola e un vaccino adiuvante basato sul virus ucciso. Tutti loro sono iniettati. In generale, si raccomanda che a un gattino venga somministrata una inoculazione di un vaccino contro la rabbia ricombinante o un vaccino a base di un virus ucciso all'età di 8-12 settimane, a seconda del vaccino utilizzato. Anche i gatti adulti con una storia sconosciuta di vaccinazione devono avere una vaccinazione con un vaccino contro la rabbia ricombinante o un vaccino a base del virus ucciso. Quando si utilizzano vaccini ricombinanti, si raccomandano iniezioni ripetute annualmente. Quando vengono utilizzati vaccini antirabbici sulla base del virus ucciso, è necessaria una seconda iniezione all'anno e poi ogni tre anni utilizzando un vaccino approvato per somministrazione ogni tre anni.

Sarcoma associato ai vaccini nei gatti

Il sarcoma è un cancro del tessuto connettivo e dei tessuti molli. Il sarcoma non è una nuova forma di cancro nei gatti. Ma nel 1991 i veterinari iniziarono a notare un eccesso di sarcomi in attesa che sorsero nei luoghi in cui vengono somministrati i vaccini di solito. Successivamente, è stato stabilito un collegamento tra l'introduzione del vaccino e lo sviluppo del sarcoma. I vaccini del virus della leucemia dei gatti e della rabbia erano più spesso associati allo sviluppo del sarcoma rispetto ad altri vaccini. Sono stati colpiti entrambi i siti di iniezione sottocutanea e intramuscolare. Altre iniezioni non vaccinali possono anche influenzare lo sviluppo della malattia.

L'aumento dell'incidenza del sarcoma è coinciso approssimativamente con la transizione dall'uso di vaccini contro il virus della rabbia basato sul virus vivo modificato ai vaccini adiuvanti basati sul virus ucciso. Approssimativamente nello stesso momento, un vaccino adiuvante (adiuvanti a base di alluminio) fu introdotto dal virus della leucemia dei gatti. Gli eccipienti vengono aggiunti ai vaccini per migliorare la risposta immunitaria, in particolare per i vaccini con virus ucciso. Si riteneva che le sostanze ausiliarie in generale e l'alluminio in particolare fossero la causa. Tuttavia, i ricercatori non sono più sicuri che sia così. Si ritiene che questi vaccini causino infiammazione nel sito di somministrazione, che, in alcuni casi, è associato allo sviluppo del sarcoma, ma la relazione esatta non è dimostrata.

Nonostante questo, i produttori di vaccini stanno sviluppando vaccini ricombinanti, che usano ancora sostanze ausiliarie e che causano meno infiammazione nel sito di somministrazione del vaccino. Molti vaccini sono disponibili sulla base di virus vivi modificati da altre malattie virali e alcuni di essi non contengono sostanze ausiliarie. Le nuove raccomandazioni di vaccinazione hanno tentato di ridurre al minimo il numero di iniezioni che un gatto riceve durante la vita, e si raccomanda anche dove iniettare.

È importante ricordare che il sarcoma associato al vaccino è una forma molto rara di cancro. La frequenza dell'evento varia da 1 a 1000 a 1 su 10000. Un ampio intervallo sembra essere correlato a una predisposizione genetica a questa malattia in alcuni gatti e generi di gatti. Ad esempio, in alcune aree geografiche la malattia si verifica più spesso.

Un simile tumore può manifestarsi dopo mesi e persino anni dopo la vaccinazione. Nonostante il fatto che un numero elevato di gatti dopo la vaccinazione abbia un piccolo gonfiore, un mese dopo deve passare. Se ciò non accade, mostra il gatto al veterinario.

Dal momento che tanto è ancora sconosciuto, ha istituito un gruppo di lavoro sul tema dei sarcomi associata al vaccino dei gatti per un lavoro comune dall'associazione americana degli allevatori che praticano, l'associazione americana degli ospedali veterinari, Amerinaskoy Veterinary Medical Association e la Società per la lotta contro il cancro negli animali. Questo gruppo lavora per determinare la reale portata del problema, la causa e il trattamento più efficace del sarcoma associato al vaccino.

Trattamento

È un cancro aggressivo che si diffonde negli strati muscolari e tra di loro, il che rende molto difficile rimuovere chirurgicamente tutte le cellule tumorali. La chirurgia e la radioterapia eseguite prima o dopo l'operazione sono, apparentemente, il piano di trattamento di maggior successo, ma tuttavia, nella maggior parte dei casi si verifica una recidiva.

È importante sapere!

Un nuovo studio condotto da scienziati certamente interessati a proprietari di cani e gatti, perché il potere del loro animale domestico - un aspetto importante necessario per la salute, l'energia e la potenza degli animali, perché i proprietari di cura sarà interessato a sapere che i loro animali domestici sono liberi di rendere la vostra dieta e ben orientata nel valore nutrizionale prodotti. Leggi di più...

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.