^
A
A
A

Gli immunociti possono attivare la crescita tumorale

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

23 September 2019, 09:00

Gli scienziati che rappresentano la School of Medicine della Washington University di St. Louis, hanno osservato: gli immunociti, progettati per proteggere il corpo dalle malattie, in alcune situazioni possono aiutare loro stessi le cellule tumorali. Le strutture immunocompetenti fanno parte del sistema immunitario umano, sono coinvolte nella formazione della risposta immunitaria.

I processi tumorali sono innescati da danni alle cellule sane e dalla loro riproduzione incontrollata. Tuttavia, il tasso di crescita della formazione, come si è scoperto, dipende non tanto dal tasso di divisione delle cellule maligne, ma da quanto velocemente vengono identificate dal sistema immunitario.

I ricercatori spiegano: la distruzione mirata dei singoli immunociti può rallentare la crescita del processo tumorale nel cervello nei pazienti con mutazione del gene NF1 (responsabile della codifica della proteina neurofibromina). I pazienti con questa mutazione si distinguono per un gran numero di segni di nascita sul corpo. Queste sono formazioni benigne, ma allo stesso tempo, tali persone hanno un aumentato rischio di formare tumori maligni. Ad esempio, sono più inclini alla formazione di un tumore cerebrale di basso grado - il cosiddetto glioma ottico , che danneggia il nervo ottico, che combina il cervello con l'organo della visione.

Questa mutazione genetica appartiene a malattie instabili: i medici non possono prevedere in anticipo quale tumore si svilupperà il paziente, quanto velocemente crescerà e quale sia la sua prognosi. Tutto ciò non solo complica notevolmente la diagnosi, ma interferisce anche con la determinazione del regime di trattamento.

Per comprendere meglio i processi di rapida crescita del tumore, i ricercatori hanno identificato cinque linee di roditori con diversi disturbi genetici del gene NF1 e un'altra parte del genoma. È stato scoperto che in tre righe la neoplasia è già entrata letteralmente nella fase di crescita nel terzo mese dalla nascita. Nei roditori appartenenti alla quarta linea, le neoplasie hanno iniziato a svilupparsi a partire da sei mesi dopo la nascita e nella quinta linea i tumori non si sono sviluppati affatto.

Quindi gli scienziati hanno separato le cellule tumorali dai portatori e le hanno coltivate in laboratorio. È stato riscontrato che il loro tasso di crescita non è così rapido, indipendentemente dal tipo di linea. Uno studio più dettagliato di questo problema ha portato alla conclusione che lo sviluppo generale dell'oncologia nei roditori è spiegato dalla presenza di due tipi di immunociti nella struttura delle neoplasie, ovvero cellule T e microglia. I ricercatori hanno determinato: le cellule tumorali hanno prodotto indipendentemente proteine che attraggono immunociti verso di loro. Ciò ha portato ad un aumento della crescita dell'istruzione.

Le informazioni sullo studio sono presentate nelle pagine della rivista Neuro Oncology (academic.oup.com/neuro-oncology/advance-article-abstract/doi/10.1093/neuonc/noz080/5485427?redirectedFrom=fulltext).

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.