^
A
A
A

Il gasdotto vicino al deposito della farmacia - gli ambientalisti suonano l'allarme

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

09 December 2016, 09:00

Gli ecologisti sono continuamente in conflitto con le case farmaceutiche, che a scopo di lucro possono sacrificare la sicurezza. Di recente, a Kiev è sorta una situazione che, secondo gli ecologisti, può portare a una catastrofe ecologica. I numerosi magazzini di farmacia situati vicino alle norme previste dal gasdotto Efremovka-Dikanka-Kiev sono una minaccia per l'ambiente, e qualsiasi, anche la più insignificante situazione pericolosa nei magazzini può portare a conseguenze pericolose.

I magazzini sono situati in questa zona per diversi anni, la loro superficie totale è di oltre 20 mila chilometri, al momento sono memorizzati vari farmaci destinati alle farmacie a Kiev e nella regione di Kiev. Vale la pena notare che i magazzini sono stati costruiti con alcune violazioni e gli abitanti del distretto di Borispol sono preoccupati per la situazione attuale e hanno paura per la loro salute e la vita.

Secondo l'avvocato Viktor Lutsenko, non ci dovrebbero essere oggetti dal gasdotto entro un raggio di 250 km, specialmente con un raduno di massa di persone e attività attiva. I magazzini sono esattamente quegli oggetti che in nessuna circostanza dovrebbero essere costruiti più vicini di quelli legalmente stipulati ai tubi del gas, in quanto un'esplosione di incendi o tubi a causa di un uso improprio può portare a seri problemi ambientali. Magazzini nel villaggio. Bolshaya Alexandrovka si trova a 48 km più vicino alla struttura del regime di quanto previsto dalla legge e la preoccupazione della popolazione locale può essere compresa. L'anno scorso è esploso un incendio nella fabbrica di carri armati BRSM, che ha portato all'esplosione di 17 serbatoi di petrolio, la morte di una persona, la ferita di 14 persone. I residenti locali nel raggio di 2 km si sono rallegrati e l'incidente è stato definito "il secondo Chernobyl".

Gli ambientalisti osservano che l'incendio della fattoria ha causato danni irreparabili sia alla gente che alla natura, la minaccia di distruzione è sorto di fronte a oggetti vicini, alle piantagioni forestali, a un aeroporto. L'evento si trasformò rapidamente in un problema di stato e persino i militari furono coinvolti nell'eliminazione delle conseguenze dell'incidente. Va notato che l'incidente nel parco serbatoi ha comportato lievi violazioni delle norme di sicurezza e da questo momento di sicurezza si è prestata molta più attenzione rispetto agli anni precedenti. Residenti del villaggio. Big Alexandrovka intende difendere la propria sicurezza e ha già inviato molte lamentele alla società che gestisce le strutture di stoccaggio.

Secondo il capo dell'amministrazione situazione Boryspil Vladimir Soldatenko con i magazzini non sono così pericolose come lo è la popolazione locale, inoltre, ha recentemente effettuato un controllo approfondito della zona di pericolo lungo la pipeline e sono stati identificati eventuali irregolarità. Dopo l'esplosione nella fabbrica di carri armati, sono state condotte ispezioni approfondite di tutte le strutture del regime che potrebbero causare un'esplosione, quindi non vi sono gravi motivi di preoccupazione.

Durante la costruzione di magazzini e dopo averli messi in funzione, la società fu ripetutamente citata in giudizio da Kyivtransgaz, l'operatore del gasdotto, e da Ukrtransgaz. Ma la direzione dell'azienda è fiduciosa che durante la costruzione sono stati osservati tutti gli standard di sicurezza e la progettazione degli edifici è stata mantenuta con tutte le normative antincendio. Inoltre, i magazzini sono stati ispezionati molte volte da servizi statali e ispezioni. Inoltre, la società ha osservato che, in base all'ispezione del Gosgorpromnadzor, i magazzini non presentano alcuna minaccia e il confine dal gasdotto può essere ridotto senza conseguenze pericolose.

Ma gli avvocati dell'organizzazione pubblica hanno ordinato un esame presso l'Istituto di ricerca scientifica di Kiev, i cui risultati, forse, metteranno fine alle dispute protratte. Secondo gli avvocati, il pericolo in questo caso sta proprio nel fatto che questi magazzini contengono medicinali. In caso di emergenza nei magazzini, non solo la vita e la salute dei residenti locali, l'ecologia, ma anche il lavoro delle farmacie a Kiev e nella regione di Kiev saranno messi a repentaglio, il che porterà ad una carenza di farmaci salvavita.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.