^
A
A
A

La qualità della potenza maschile dipende dal gruppo sanguigno

 
, Editor medico
Ultima recensione: 30.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

15 March 2017, 09:00

Esperti scientifici turchi, rappresentanti dell'Università di Ordu, affermano che l'appartenenza al gruppo del sangue di un uomo può influenzare la sua potenza.

Numerosi esperimenti condotti da scienziati hanno dimostrato che gli uomini che hanno il primo gruppo sanguigno si lamentano meno spesso di una scarsa erezione.

È interessante notare che, secondo le statistiche, i proprietari del primo gruppo sono oltre il 40% di tutti gli uomini del pianeta. Pertanto, più della metà della popolazione maschile nel mondo può essere incline allo sviluppo di impotenza.

L'esperimento condotto da specialisti turchi è stato condotto con la partecipazione di 350 rappresentanti maschili di diverse età che hanno avuto lamentele sulla potenza. L'età media dei partecipanti era di circa 30-50 anni, ma non più di sessanta anni. Dopo che tutti i partecipanti hanno donato il sangue per l'analisi, è stato rilevato che tra loro non ci sono praticamente proprietari del primo gruppo sanguigno: tuttavia, i restanti gruppi erano approssimativamente in proporzioni uguali.

Naturalmente, l'esperimento è stato immediatamente sottoposto a dure critiche, sia nei media che tra i professionisti della medicina che lavorano in questa direzione. Analizzando le informazioni ottenute come risultato di testare solo trecento persone, è impossibile ottenere conclusioni veramente e assolutamente veritiere. Tuttavia, la maggior parte degli scienziati ammette che i dati ottenuti hanno anche un significato significativo nel campo delle statistiche: è impossibile confermare pienamente la coincidenza di tali fatti.

Ad oggi, non è noto se i risultati dello studio siano stati riconosciuti da critici scientifici e se siano stati pubblicati ufficialmente in periodici scientifici sottoposti a peer review.

Russia Prof. Dr. Lev Shcheglov, che si occupa di problemi della psicologia e della sessualità per molti anni, ha detto che la dichiarazione circa il gruppo di legame di sangue e la performance sessuale maschile non corrisponde alla realtà, "Sessuologia come scienza non avere tali informazioni su un tale rapporto. Molto probabilmente, abbiamo a che fare con dati privi di senso, con un tentativo di fare sensazione in un posto uguale. Se viene condotto uno studio di questo tipo, i suoi partecipanti dovrebbero essere selezionati non in modo caotico, ma in modo decisamente definitivo. " Inoltre, il professore ha aggiunto che si riferisce a tali affermazioni con ironia e li considera, almeno, "assurdo".

Abbiamo già condotto un gran numero di studi su questo tema. Ad esempio, si è scoperto che almeno il dieci percento della popolazione maschile prima o poi si trova ad avere problemi con la disfunzione erettile. E per gli individui che superano la barriera di 40 anni, tali violazioni sono fissate ogni tre casi.

Come dicono i medici stessi, farmaci comuni, la cui azione è volta a migliorare la funzione erettile, non tutti gli uomini aiutano. Forse questo è dovuto al fatto che le cause di alterazione della potenza possono essere diverse: il più delle volte si tratta di cattive abitudini, obesità, diabete, malattie cardiovascolari.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.