Le cellule staminali aiutano a curare la paralisi

2016-04-26 09:00

Gli esperti americani hanno recentemente dichiarato di essere in grado di ripristinare l'attività motoria negli animali con lesioni del midollo spinale - i risultati delle loro ricerche sono stati pubblicati in una delle pubblicazioni scientifiche. Vale la pena notare che questo progetto scientifico è unico, perché i primi specialisti non potevano influenzare i processi di rigenerazione nel midollo spinale, procedevano piuttosto a lungo, e non sempre il restauro era completo.

Presso l'Università della California, un gruppo di neurofisiologi ha condotto esperimenti su ratti che avevano un midollo spinale danneggiato. Nelle cellule staminali del lavoro venivano prese come base le matrici, che successivamente venivano formate in neuroni del midollo spinale. Gli specialisti hanno iniettato le cellule all'animale paralizzato direttamente nel midollo spinale, a seguito del quale la sua integrità è stata gradualmente ripristinata. Le osservazioni hanno mostrato che le cellule entrate nel midollo spinale cominciarono a funzionare col tempo, mentre il loro lavoro era completamente identico alle cellule iniziali del cervello. Nuove cellule hanno preso parte attiva alla formazione di nuovi tessuti, grazie ai quali i primi animali paralizzati potevano nuovamente muoversi.

Il capo del progetto di ricerca, Mark Tushinsky, ha notato che grazie alla nuova tecnica, nel prossimo futuro gli specialisti saranno in grado di ripristinare la mobilità nelle persone che, nei risultati di gravi lesioni, sono rimaste paralizzate e incatenate a una sedia a rotelle. Il team di ricerca ha spiegato che l'elemento più importante del normale funzionamento del sistema motorio vertebrale è il tratto corticospinale, per lungo tempo tutti gli studi in quest'area sono finiti in fallimento e, infine, il gruppo di Tushinsky è riuscito a ottenere un effetto positivo.

Ora gli scienziati prevedono di condurre esperimenti su animali più grandi. Il gruppo di ricerca ha anche affermato che, nonostante il fatto che i primi esperimenti abbiano avuto successo, ci sia sempre un fattore di probabilità, poiché studi precedenti, come già menzionato, non potevano ripristinare l'attività motoria degli animali da laboratorio.

Gli scienziati sono quasi sicuri che la tecnica possa essere usata per trattare le persone, ma prima di iniziare le sperimentazioni cliniche, è necessario confermare la sicurezza della tecnica, studiare gli effetti a lungo termine sul modello animale e anche scegliere il tipo più adatto di cellule per il trapianto all'uomo. Per i ratti, gli scienziati hanno scelto cellule progenitrici neuronali di ratti e umani che sono in grado di svilupparsi in diversi tipi di cellule. Dopo l'introduzione nel midollo spinale dell'animale, le cellule hanno riempito le aree danneggiate e associate a interi neuroni, dopo di che la trasmissione del segnale è stata ripristinata e la mobilità è tornata.

Le cellule staminali sono cellule immature che sono presenti in vari organismi multicellulari, una caratteristica di tali cellule è la capacità di autorinnovarsi e formare nuove cellule, e anche di trasformarsi in cellule di vari organi e tessuti del corpo. È questa capacità che ha interessato gli scienziati e le cellule staminali sono diventate uno dei principali oggetti di ricerca, specialmente nel campo della medicina rigenerativa. 

È importante sapere!

Paralisi sopranucleare progressiva (sindrome di Steele-Richardson-Olszewski) - malattie del sistema nervoso centrale degenerativa rara caratterizzata dalla perdita dei movimenti oculari volontari, bradicinesia, rigidità muscolare con distonia progressiva assiale, pseudobulbare paralisi, e la demenza. Leggi di più...

Ultima revisione di: Alexey Portnov , esperto medico, su 20.05.2018

Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.