^
A
A
A

Una piccola famiglia è la via per il successo sociale, ma non evolutivo dei discendenti

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

30 August 2012, 11:29

Uno dei fondamenti dell'evoluzione è la selezione naturale. Più grande è la popolazione di una particolare specie animale, più qualitativa dovrebbe essere questa selezione.

È logico che in questo caso una grande prole sia una condizione importante per un'evoluzione riuscita. Tuttavia, in una società umana industrializzata, la crescita del benessere delle persone è inestricabilmente legata alla consapevole restrizione delle dimensioni della famiglia. Questa dipendenza nella metà del secolo scorso era chiamata la "transizione demografica" (dalla società tradizionale al moderno).

Secondo il popolare teoria del "adattivo" della transizione demografica in effetto benefico a lungo termine sul processo evolutivo come un basso tasso di natalità aumenta il benessere di discendenti, che alla fine hanno bisogno di raggiungere un livello di ricchezza che nella società moderna permette di avere più figli.

I ricercatori della London School of Hygiene and Tropical Medicine, l'University College di Londra e l'Università di Stoccolma non sono d'accordo con questa teoria. Confermano che un piccolo numero di bambini contribuisce a un ulteriore successo economico e all'acquisizione di un elevato status sociale da parte dei discendenti, ma affermano che il loro numero sta diminuendo. Gli scienziati concludono che la decisione di limitare le dimensioni della famiglia può contribuire a migliorare lo status economico e sociale dei discendenti, ma il successo socio-economico non sempre conduce al successo nell'evoluzione.

Lo studio sottolinea il conflitto nella società moderna tra successo socioeconomico e biologico (evolutivo), mentre nella società tradizionale un comportamento che porta a un elevato status sociale e al benessere, di norma, assume anche una grande prole.

Gli scienziati hanno utilizzato dati su 14mila persone nate in Svezia all'inizio del XX secolo e tutti i loro discendenti fino ad oggi per la loro ricerca.

I ricercatori hanno determinato il successo sociale ed economico di queste persone con l'aiuto di indicatori quali il successo dell'istruzione scolastica, la disponibilità dell'istruzione superiore e il reddito totale delle famiglie.

Il successo riproduttivo è stato determinato dal numero di persone sopravvissute fino alla maturità, dal matrimonio a 40 anni e dal numero di figli fino al 2009.

Si è scoperto che la dimensione familiare più piccola nella prima generazione studiata e il minor numero di bambini nelle generazioni successive sono effettivamente associati al miglior stato socioeconomico dei discendenti. Tuttavia, contrariamente all'ipotesi adattativa, la piccola generazione e l'elevato benessere della famiglia non hanno avuto alcun impatto sul successo riproduttivo della generazione successiva, o questa influenza è stata negativa.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.