^
A
A
A

Disturbi dell'identità di genere

 
, Editor medico
Ultima recensione: 18.06.2019
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Il sesso di una persona è determinato al momento della fecondazione quando si combinano lo spermatozoo e l'uovo. Da questo punto in poi, lo sviluppo di un uomo o di una donna è influenzato dalla complessa interrelazione dei fattori prenatali e postnatali.

L'identità sessuale è definita come auto-percezione della sua appartenenza al sesso maschile o femminile, che non sempre corrisponde al genere. Il ruolo sessuale è un comportamento che l'individuo identifica con il maschio o la femmina. Il ruolo sessuale è basato su orientamenti verbali e non verbali ricevuti da genitori, colleghi e società su come comportarsi con ragazzi e ragazze o uomini e donne.

Nei primi due o tre anni di vita, i dintorni del bambino formano i suoi sentimenti riguardo alla sua appartenenza a un particolare sesso. Sollevato da ragazzo, un bambino di solito si considera un ragazzo e si comporta in modo appropriato (ruolo sessuale), anche se "biologicamente" si riferisce alle donne. Nel caso in cui un bambino sia nato con le caratteristiche sessuali di entrambi i sessi (ermafrodito), accade la stessa cosa.

Esistono innumerevoli teorie che spiegano l'effetto di molti fattori coinvolti nello sviluppo dell'identità di genere. Di grande importanza è la produzione di ormoni durante lo sviluppo prenatale. In generale, tutti sono d'accordo sul fatto che un gran numero di fattori sensoriali, biochimici e psicologici che non sono stati studiati finora sono coinvolti in questo, tra i quali dovrebbe essere evidenziato il carattere del trattamento dei genitori con il bambino nelle prime fasi del suo sviluppo. Ma nessuna delle spiegazioni è esauriente. La confusione insita nei ragazzi e nelle ragazze ha solo un impatto limitato sulla loro futura identità sessuale. Non è affatto necessario che la scelta dell'identità di genere dipenda da ciò che il bambino gioca con le bambole da bambino, e la ragazza preferisce i giochi tecnici.

Dopo aver stabilito con fermezza l'identità di genere del bambino, di solito non cambia durante l'intera vita successiva. Se una ragazza, ad esempio, cresce e viene allevata da ragazzo, lei, di regola, e più tardi si considererà un ragazzo, nonostante lo sviluppo di segni evidenti di una femmina. Solo a volte è possibile risolvere i problemi dell'identità sessuale che si presentano, incoraggiando modelli di comportamento che corrispondono al sesso biologico. In alcuni casi, le anomalie anatomiche possono essere corrette chirurgicamente.

Dovrebbe essere preso in considerazione che l'identità di genere di una persona è determinata non solo dalla sua attrazione erotica per le altre persone. Dipende anche dal fatto che l'uomo si senta identificato con la donna o la donna si senta identificata con l'uomo.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

Disturbi dell'identità sessuale durante l'infanzia

Questi disturbi si riferiscono a bambini che si sentono appartenenti all'altro sesso. Sono riconosciuti dal comportamento ripetuto e fisso inerente al ruolo sessuale che corrisponde alla loro errata percezione di se stessi come ragazzi o ragazze. Le cause di questi rari disturbi non sono chiare.

C'è un'ipotesi che questo disturbo dipenda dai genitori che incoraggiano il comportamento del bambino, che è più caratteristico del sesso opposto. Per esempio, uno dei genitori che voleva che sua figlia nascesse, veste il ragazzo nato nel posto della figlia attesa in un vestito da ragazza e gli dice quanto sia attraente e comprensivo.

All'inizio del trattamento si raccomanda di aiutare tale bambino a diventare amico di altri bambini appartenenti allo stesso sesso con loro, proteggendoli dal ridicolo e dall'abuso dei pari. La terapia comportamentale modifica il comportamento corrispondente al sesso opposto in un modo che lo renda accettabile. La terapia psicodinamica finalizzata all'elaborazione di conflitti e problemi mentali non risolti viene condotta in famiglie associate alla manifestazione della transessualità.

trusted-source[9], [10], [11], [12], [13], [14], [15], [16], [17], [18]

Transessualità

I disturbi dell'identità sessuale, definiti come transessualità, attirano l'attenzione dei mass media, anche se sono, di fatto, molto rari. Prima del 1985, solo 30.000 di questi casi sono stati registrati in tutto il mondo. La transessualità include l'identificazione sessuale, l'opposto del sesso anatomico della persona. In questi casi, l'uomo è convinto che in realtà sia una donna, e viceversa. La maggior parte dei transessuali nella loro storia personale hanno avuto casi di travestimento e altri modelli di comportamento che contraddicevano il loro sesso. Per fare una diagnosi del genere è necessario confermare inequivocabilmente che questa situazione dura a lungo (di solito dall'infanzia), non cambia ed è accompagnata da una grande forza di convinzione.

Questi casi vengono solitamente identificati quando i travestiti cercano un cambiamento nel loro sesso, di solito con la chirurgia. Il medico curante dovrebbe considerare che il paziente potrebbe aver avuto problemi emotivi durante la sua infanzia, il che ha portato a una crisi dell'identità di genere. Forse, questa crisi può essere superata senza intervento.

A tutte le persone che cercano un cambiamento operativo nel loro sesso, viene prescritta la psicoterapia. Ha lo scopo di chiarire il setting del paziente per un'operazione irreversibile e di sforzarsi di assicurarsi che il desiderio di intervento chirurgico sia irremovibile ed è il risultato di una convinzione volontaria. La terapia può aiutare il paziente ad adattarsi a un nuovo ruolo sessuale dopo l'operazione.

Il cambio di sesso può portare al successo, quando il paziente vive nel ruolo sessuale selezionato per diversi anni prima dell'operazione. Quindi, un uomo che vuole essere una donna può eliminare i peli superflui, applicare cosmetici e indossare abiti femminili. Una donna può nascondere il suo seno e vestirsi come un uomo. Allo stesso tempo, entrambi i sessi tendono, se possibile, a confermare la loro appartenenza al sesso che hanno scelto per se stessi.

Circa 6 mesi prima dell'operazione inizia la terapia ormonale che promuove la ridistribuzione del tessuto adiposo e dei capelli, nonché la modifica dell'area genitale e di altri organi. Alla fine, viene presa la decisione di condurre la prima chirurgia plastica. Il cambio di sesso è un processo lungo, che spesso richiede diverse operazioni. Quando una donna si trasforma in un uomo sotto la pressione delle circostanze, di regola, la rimozione delle ghiandole mammarie, così come l'utero e, spesso, un'operazione di plastica per la costruzione del pene. Quando un uomo viene convertito in donna, il pene e i testicoli vengono rimossi e viene eseguita un'operazione per costruire plasticamente la vulva e la vagina.

Anche dopo molti anni di preparazione non è possibile garantire che l'intervento chirurgico porti a risultati soddisfacenti. La psicoterapia dura spesso per diversi anni dopo l'intervento chirurgico.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.