^
A
A
A

Stupri e malattie sessualmente trasmissibili (infezioni a trasmissione sessuale)

 
, Editor medico
Ultima recensione: 12.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Di tutti i crimini di natura sessuale è colza è stato usato da femministe come esempio di dominio e diktat degli uomini sulle donne. Qui è arrivato il punto estremo di vista, secondo la quale lo stupro - non un crimine sessuale, ma il modo in cui la subordinazione delle donne nella società, guidata da uomini. Un esempio di tale pensiero è l'affermazione "ogni uomo può stuprare". In una certa misura, questo punto di vista è confermato dall'uso dello stupro in tempo di guerra. A sostegno di questa affermazione dimostra il fatto che di solito hanno un minor numero di predatori sessuali precedenti condanne per reati sessuali, ma alti tassi di crimini violenti. Gli studi sugli atteggiamenti nei confronti dello stupro tra gli uomini indicano una vasta diffusione di miti sullo stupro. Le classificazioni degli autori di abusi sessuali non sono state in grado di fornire una descrizione soddisfacente di almeno la maggioranza degli autori di abusi sessuali. Molto probabilmente, ciò è dovuto al fatto che abusano differiscono significativamente maggiore di quanto, ad esempio, pedofili o autori incesti. Con posizioni semplificate predatori sessuali possono essere suddivise in quelli per cui l'atto di stupro fa parte delle fantasie sessuali, e che alla fine realizzare, e quelli per i quali l'atto di stupro è un atto di violenza contro le donne, e il rapporto sessuale è una forma di umiliazione di una donna e la sua sottomissione a se stessa.

Tra il 1973 e il 1985, il numero di stupri registrati presso la polizia è aumentato del 30%. Dal 1986 al 1996, il numero di donne violentate ogni anno da 2.288 a 6.337 nel 1997. Lo stupro costituisce il 2% del numero totale di crimini violenti registrati dalla polizia, che a sua volta rappresenta il 7% di tutti i crimini registrati.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8]

Descrizione del caso

Un uomo di 30 anni che si considerava danneggiato dai suoi maltrattamenti alle donne nella sua vita privata decise di vendicarsi di loro attraverso lo stupro. Egli commette una serie di stupri di donne scelte arbitrariamente da lui per la strada. Allo stesso tempo, ha nascosto la sua faccia sotto una maschera e ha minacciato le vittime con un coltello. Dopo aver commesso otto stupri, è stato arrestato e condannato. Fu condannato all'ergastolo. Durante la sua prigionia, ha completato con successo un programma per il trattamento di un molestatore sessuale all'interno del sistema carcerario.

Un giovane di 25 anni aveva la fantasia di rapire una donna sconosciuta dalla strada, collegandola e poi violentando. In precedenza, aveva già telefonate di contenuti indecenti. Sullo sfondo di queste fantasie, si è masturbato e spesso ha viaggiato in macchina, coprendosi il viso con una maschera e portando una corda e un coltello. Un giorno vide una donna sola in piedi vicino a una fermata dell'autobus e cercò di rapirla, minacciando con un coltello. Il suo tentativo fallì e fu arrestato e accusato di tentato rapimento. Anche se ha negato i motivi sessuali del suo crimine, la corte, tenendo conto della sua storia passata e degli oggetti trovati con lui, si è appoggiata a favore dei motivi sessuali. Fu condannato a sei anni di carcere. In carcere, è stato esaminato per la partecipazione a un programma per il trattamento di reati sessuali, e in questo contesto è stata eseguita la pletismografia del pene. Durante la prova, è rimasto scioccato dal grado della sua eccitazione per le immagini di violenza e stupro. Di conseguenza, è stato in grado di accettare consapevolmente il vero motivo del suo crimine e ha completato con successo un programma di trattamento per i trasgressori sessuali. Dopo la sua liberazione, gli è stato chiesto di continuare a partecipare ora a un programma di trattamento basato sulla comunità, e questa era una condizione per ottenere i diritti di guidare un'auto.

Tuttavia, i due gruppi descritti sono una minoranza di molestatori sessuali. Negli ultimi anni, il cosiddetto "stupro di data" (stupro) è stato sempre più riconosciuto. Un aumento del 30% delle condanne per stupro tra il 1973 e il 1985 è stato associato ad un aumento del numero di stupri commessi da persone note alle vittime e spesso a casa della vittima. Allo stesso tempo, c'è stata una diminuzione del numero di "stupri commessi da estranei" e di stupri di gruppo. Il numero di crimini contro bambini e donne anziane è rimasto invariato. Secondo uno studio del 1989 del Ministero dell'Interno, l'apparente aumento dello stupro da parte di amici e parenti delle vittime durante questo periodo era dovuto non tanto alla crescita di questo crimine quanto alla dichiarazione di casi di stupro alla polizia. Le ragioni dell'aumento della registrazione dello stupro sono state associate al miglioramento del lavoro della polizia e dei tribunali con donne che denunciavano stupri. Dal 1989, il numero di stupri è aumentato del 170%, e questo fatto è ancora in parte attribuito alle dichiarazioni e alla registrazione di questi crimini nella polizia.

Come mostra lo studio dei prigionieri di abusi sessuali, tra quelli condannati in precedenza per crimini sessuali, aumenta la possibilità di violatori seriali o di commettere crimini contro estranei. L'autore ha ridotto i soggetti di questi crimini in quattro gruppi:

  1. Gli abusanti sessuali che abusano di sostanze psicoattive sono impulsivi e hanno alti tassi di crimini sessuali in passato.
  2. Abusanti sessuali che usano attivamente violenza fisica contro una vittima - queste persone sono spesso criminali di serie, usano violenza senza causa, e tra questi aumenta il livello di parafilia.
  3. "Misogini socializzati", il 20% dei quali ha commesso violenze sessuali. Tra i crimini commessi da loro, il sesso anale e l'abuso fisico delle vittime sono più frequenti.
  4. Abusi sessuali non inizializzati, che erano più propensi a sviluppare disturbi comportamentali e aggressività nella loro infanzia. Avevano anche più probabilità di essere tra i criminali seriali (secondo gruppo). Un terzo dei loro stupri ha avuto inizio come rapine e il 42% degli stupri ha avuto disfunzioni sessuali.

Particolarmente preoccupanti sono i molestatori sessuali - i sadici e, di conseguenza, il ruolo delle fantasie sessuali sadiche nei crimini che commettono. Grubin ha suggerito che negli uomini con fantasie sessuali sadiche, i fattori predittivi dei tentativi di implementarli sono fattori di isolamento sociale ed emotivo. Fa una discussione convincente: al centro di questo isolamento sta la frustrazione dell'empatia. Il disturbo dell'empatia comprende due componenti: il riconoscimento dei sentimenti degli altri e la risposta emotiva a questo riconoscimento. Il disturbo di uno o entrambi i componenti può portare alla reazione di fantasie sessuali sadiche. L'eziologia di questo disturbo può essere sia organica che correlata allo sviluppo.

Le raccomandazioni contenute in questo articolo sono limitate solo all'identificazione e al trattamento delle infezioni trasmesse sessualmente, nonché alle condizioni che sono comunemente osservate nella gestione dei casi di queste infezioni. La copertura della registrazione dei dati ottenuti e l'ottenimento di campioni per l'esame forense, la gestione dei casi di potenziale gravidanza, così come i traumi mentali e fisici non sono inclusi nelle attività di questo manuale. Negli adulti sessualmente attivi con un'infezione esistente, la scoperta di malattie sessualmente trasmissibili dopo lo stupro è di solito più importante per la fornitura di assistenza psicologica e medica ai pazienti, piuttosto che per scopi giudiziari.

La tricomoniasi, la clamidia, la gonorrea e la vaginosi batterica sono più spesso diagnosticate nelle donne dopo lo stupro. Poiché la prevalenza di queste infezioni è elevata tra le donne sessualmente attive, la loro identificazione dopo lo stupro non sempre significa che sono il risultato di uno stupro. La clamidia e le infezioni gonococciche richiedono un'attenzione particolare, poiché possono causare un'infezione verso l'alto. Inoltre, esiste la possibilità di infezione da virus dell'epatite B, che può essere prevenuta con la vaccinazione dopo lo stupro.

trusted-source[9], [10]

Esame delle infezioni sessualmente trasmesse

trusted-source[11], [12]

Esame primario

L'esame principale dovrebbe includere le seguenti procedure:

  • Esame colturale su esemplari di N. Gonorrhoeae e C. Trachomatis raccolti da tutti i siti di penetrazione o siti di possibile penetrazione.
  • Se non sono disponibili test di coltura per rilevare la clamidia, sono necessari test non culturali, in particolare test di amplificazione del DNA, che fungono da sostituto accettabile. I test di amplificazione del DNA hanno vantaggi grazie alla loro elevata sensibilità. Se vengono utilizzati test non culturali, il risultato positivo del test dovrebbe essere confermato da un secondo test basato su un altro principio diagnostico. IFA e UIF non sono raccomandati, t. Quando si utilizzano questi test, si ottengono spesso risultati falsi negativi e talvolta falsi positivi.
  • Preparazione di una preparazione umida e test della coltura su T. Vaginalis. Se ci sono perdite vaginali o un odore sgradevole, la preparazione umida dovrebbe essere esaminata anche per i segni di BV o infezione causata da funghi tipo lievito.
  • Test del siero immediato per HIV, HSV e sifilide (vedi Prevenzione, Rischio HIV e Esame di follow-up 12 settimane dopo lo stupro).

Esame di follow-up

Sebbene sia spesso molto difficile per una persona che è stata stuprata lamentarsi di un reclamo entro la prima settimana dopo lo stupro, tale esame è essenziale (a) per identificare l'infezione da STD, quando o dopo uno stupro; b) per l'immunizzazione contro l'epatite B, se indicato; e c) la consulenza completa e il trattamento di altre malattie sessualmente trasmissibili. Per questi motivi, si raccomanda di esaminare e seguire le vittime di stupro.

trusted-source[13], [14], [15]

Esame di follow-up dopo lo stupro

È necessario ripetere l'esame per le infezioni trasmesse sessualmente 2 settimane dopo lo stupro. Poiché lo stupro intrappolato nel corpo di agenti infettivi non può riprodurre in quantità sufficiente per produrre i risultati positivi dei test di laboratorio alla visita iniziale, poi dopo 2 settimane dovrebbero essere ripetuti ricerca culturale, lo studio di preparazione bagnata e altri test, se solo ci fosse stato alcun trattamento preventivo.

I test sierologici per la sifilide e l'infezione da HIV devono essere condotti 6.12 e 24 settimane dopo la colza, se i test iniziali erano negativi.

trusted-source[16], [17], [18], [19]

Prevenzione

Molti esperti raccomandano regolarmente di condurre un trattamento preventivo dopo lo stupro. La maggior parte dei pazienti trarrebbe probabilmente beneficio da questo, dal momento che un ulteriore monitoraggio dei pazienti che sono stati violentati può essere difficile, e il trattamento o la prevenzione possono assicurare al paziente una possibile infezione. Le seguenti misure preventive sono dirette contro i microrganismi più comuni:

  • La vaccinazione contro GB, condotta dopo lo stupro (senza l'uso di GVIG) dovrebbe fornire una protezione adeguata contro l'HBV. La vaccinazione contro l'epatite B dovrebbe essere effettuata alle vittime di stupro durante il loro primo esame. Le dosi successive del vaccino devono essere somministrate 1-2 e 4-6 mesi dopo la prima dose.
  • Terapia antimicrobica: uno schema empirico per clamidia, gonorrea, tricomoniasi e BV.

Schemi consigliati

Ceftriaxone 125 mg una volta

Più Metronidazolo 2 g una volta

Più Azitromicina 1 g per via orale in una singola dose

O Doxycycline 100 mg 2 volte al giorno per 7 giorni.

NOTA: per i pazienti che necessitano di regimi alternativi, consultare le sezioni pertinenti di questo manuale per agenti infettivi specifici.

L'efficacia di questi schemi per prevenire la gonorrea, la vaginosi batterica della clamidiosi dopo lo stupro non è stata studiata. Il medico può consigliare al paziente i possibili benefici, nonché la possibile tossicità dei farmaci raccomandati, dal momento che sono possibili effetti collaterali dal tratto gastrointestinale.

Altre osservazioni sulla gestione del paziente

All'esame iniziale e, se mostrato, durante il follow-up, i pazienti devono essere consultati in merito ai seguenti problemi:

  • I sintomi delle malattie sessualmente trasmissibili e la necessità di un esame immediato quando vengono rilevati, e
  • Rifiuto dei contatti sessuali fino al termine del trattamento preventivo.

Il rischio di contrarre l'infezione da HIV

Nonostante sia stata segnalata la sieroconversione di anticorpi HIV in persone per le quali era noto un solo fattore di rischio - lo stupro, nella maggior parte dei casi il rischio di contrarre l'HIV durante lo stupro è basso. In media, la frequenza della trasmissione dell'HIV da una persona infetta da HIV con un singolo contatto sessuale dipende da molti fattori. Questi fattori possono includere il tipo di contatto sessuale (orale, vaginale, anale); presenza o assenza di traumi orali, vaginali o anali, il luogo di eiaculazione e il numero di virus nell'eiaculato.

La prevenzione dell'HIV zidovudina (HFA) dopo l'infezione contribuisce a ridurre il rischio di infezione da HIV, come dimostrato da piccoli studi effettuati da operatori sanitari che hanno avuto un contatto transdermico con il sangue di pazienti con infezione da HIV. In ampi studi prospettici su donne in gravidanza trattate con AZT, un effetto protettivo diretto di AZT nel feto e / o neonato in termini di minore 2/3 volte la frequenza di trasmissione perinatale dell'HIV, indipendentemente dal fatto che un effetto terapeutico del farmaco ha sul raccolto virus (it quantità) nel sangue della madre. Non è ancora noto se questi risultati possano essere utilizzati per altre situazioni di trasmissione dell'HIV, incluso lo stupro.

In molti casi di stupro, è impossibile determinare lo stato di HIV di una persona che ha commesso lo stupro in modo tempestivo. La decisione di tenere sonde possono dipendere dalla natura del ratto, le informazioni disponibili sulla portata del rischio di HIV nel comportamento del colpevole (stupefacenti per via parenterale o crack, comportamento sessuale rischioso) e dati locali epidemiologici HIV / AIDS.

Se è noto che una persona abbia commesso colza, infettati con HIV, si presume che a tale colza v'è un notevole rischio di trasmissione (ad esempio, il rapporto vaginale o anale senza preservativo), e se il paziente viene chiesto aiuto 24-36 ore dopo colza , dovrebbe essere offerta la profilassi antiretrovirale, nonché informazioni sull'efficacia sconosciuta e sulla tossicità nota dei farmaci antiretrovirali utilizzati in questa situazione. In altri casi, il medico dovrebbe discutere con il paziente le caratteristiche di questa situazione e sviluppare una soluzione individuale. In tutti i casi, la discussione dovrebbe includere informazioni:

  • sulla necessità di frequenti farmaci,
  • condurre studi di controllo,
  • attento monitoraggio delle possibili complicanze, e
  • sulla necessità di iniziare immediatamente il trattamento.

Un regime preventivo dovrebbe essere preparato in conformità con le linee guida per la produzione di membrane mucose.

Molestie sessuali su bambini e stupri

Le raccomandazioni contenute in questa guida sono limitate all'identificazione e al trattamento delle malattie sessualmente trasmissibili. Le questioni dell'assistenza psicologica e degli aspetti legali dello stupro o dell'abuso contro i bambini sono molto importanti, ma non sono lo scopo di questa guida.

L'identificazione degli agenti causali delle malattie sessualmente trasmissibili nei bambini dopo il periodo dei neonati indica un abuso sessuale. Tuttavia, ci sono delle eccezioni; ad esempio, l'infezione da clamidia rettale o genitale nei bambini piccoli può essere dovuta all'infezione perinatale di C. Trachomatis, che può persistere nel corpo del bambino per circa 3 anni. Inoltre, verruche genitali, vaginosi batterica e micoplasma genitale sono state trovate in entrambi i bambini stuprati e non violentati. Esistono diversi modi di infezione da epatite B virale nei bambini, il più comune è il contatto familiare con una persona con epatite cronica B. La possibilità di violenza sessuale deve essere presa in considerazione se non viene identificato un fattore di rischio evidente per l'infezione. Se l'unica evidenza di stupro è l'isolamento dei microrganismi o la presenza di anticorpi agli agenti causali delle malattie sessualmente trasmissibili, i risultati degli studi necessitano di una conferma e di un'attenta interpretazione. Per determinare se ci sia stata una coercizione sessuale di bambini che hanno un'infezione che può essere trasmessa sessualmente, è necessario un esame congiunto del bambino con un medico con esperienza nella conduzione di un esame di bambini stuprati.

Esame delle infezioni sessualmente trasmesse

L'esame dei bambini che hanno subito stupro o molestie sessuali dovrebbe essere condotto in modo tale da ridurre al minimo i traumi per il bambino. La decisione sull'esame di un bambino per le malattie sessualmente trasmissibili viene presa caso per caso individualmente. Alle situazioni accompagnate da un alto rischio di infezione con agenti patogeni STD e indicazioni obbligatorie per il test sono inclusi i seguenti:

  • È noto che la presunta persona che commette stupro, ha una malattia trasmissiva sessuale o ha un alto rischio di malattie sessualmente trasmissibili (molti partner, una storia di malattie sessualmente trasmissibili)
  • Il bambino ha sintomi o segni di malattie sessualmente trasmissibili
  • Elevata incidenza di malattie sessualmente trasmissibili nella comunità.

Altri indicatori raccomandati dagli esperti includono: a) segni di penetrazione genitale o orale o eiaculazione, b) presenza di MST nei fratelli o sorelle del bambino affetto o di altri bambini o adulti in casa. Se un bambino ha sintomi, segni o segni di infezione che possono essere trasmessi sessualmente, dovrebbe essere sottoposto a screening per altre malattie sessualmente trasmissibili comuni. Ottenere i campioni necessari richiede che l'operatore medico abbia determinate abilità e che debba essere eseguito in modo da non causare traumi psicologici e fisici al bambino. Le manifestazioni cliniche di alcune malattie sessualmente trasmissibili nei bambini differiscono da quelle degli adulti. L'indagine e la raccolta dei campioni dovrebbero essere effettuate da un medico specialista che abbia una formazione specifica ed esperienza nella conduzione di studi simili su bambini stuprati.

Lo scopo principale dell'indagine è di ottenere la prova della presenza di un'infezione nel bambino, alla quale potrebbe aver acquisito la trasmissione sessuale. Tuttavia, a causa delle conseguenze legali e psicologiche derivanti dall'ottenimento di risultati falsi positivi, è necessario utilizzare test con un'elevata specificità. In tali situazioni è giustificato utilizzare test più costosi e dispendiosi in termini di tempo.

Lo schema di indagine dipende dalla storia dello stupro o delle molestie sessuali. Se ciò è accaduto di recente, la concentrazione di agenti infettivi può essere insufficiente per ottenere risultati positivi. Alla visita successiva in 2 settimane è necessario riesaminare il bambino e ottenere ulteriori campioni. Un'altra visita, durante la quale vengono prelevati campioni di siero, è necessaria, approssimativamente, dopo 12 settimane; questo tempo è sufficiente per la formazione di anticorpi. Un sondaggio può essere limitato se il bambino è stato sottoposto a violenza per un lungo periodo di tempo o l'ultimo episodio, sospetto di violenza, si è verificato qualche tempo prima della visita medica.

I seguenti sono consigli generali per il sondaggio. Il tempo e il metodo di un ulteriore contatto con il paziente sono determinati individualmente, tenendo conto delle condizioni psicologiche e sociali. Il follow-up può essere svolto in modo più professionale se vi partecipano rappresentanti della magistratura e servizi di protezione dei minori.

trusted-source[20], [21]

Esame iniziale ed esame dopo 2 settimane

L'esame iniziale e, se necessario, l'esame dopo 2 settimane devono essere effettuati come segue:

Ispezioni, aree perianali e orali per la presenza di verruche genitali e lesioni ulcerative. 

Esame colturale su campioni di N. Gonorrhoeae ottenuti dalla faringe e dall'ano (nei maschi e femmine), perdite vaginali nelle ragazze, uretra nei ragazzi. Non è consigliabile ottenere campioni dalla cervice nelle ragazze in età prepuberale. Nei ragazzi in presenza di secrezioni dall'uretra, invece di un campione ottenuto con un tampone intrauretrale, è possibile utilizzare campioni di campioni. Per isolare la N. Gonorrhoeae, dovrebbero essere usati solo terreni di coltura standard. Tutti gli isolati di N. Gonorrhoeae ottenuti devono essere identificati da almeno due metodi basati su principi diversi (ad esempio, rilevamento biochimico, sierologico o dei patogeni). Gli isolati devono essere conservati, in quanto potrebbero essere necessari test aggiuntivi o ripetuti. 

Esame colturale in esemplari di C. Trachomatis ottenuti dall'ano (nei maschi e femmine) e perdite vaginali nelle ragazze. Esistono informazioni limitate sul fatto che la probabilità di isolamento della clamidia dall'uretra nei bambini in età pre-puberale sia troppo bassa, quindi se si presentano delle secrezioni si dovrebbe ottenere un campione dall'uretra. L'ottenimento di esemplari dalla faringe per lo studio in C. Trachomatis non è raccomandato nei ragazzi o nelle ragazze, dal momento che la clamidia si trova raramente in quest'area. Esiste una probabilità di persistenza nei bambini di infezione acquisita nel periodo perinatale e i sistemi di coltivazione utilizzati in alcuni laboratori non consentono di distinguere C. Trachomatis da C. Pneumoniae. 

Per isolare C. Trachomatis è necessario utilizzare solo sistemi standard per la coltivazione. Tutti gli isolati di C. Trachomatis ottenuti devono essere confermati mediante identificazione microscopica delle inclusioni, utilizzando anticorpi monoclonali su C. Trachomatis. Gli isolati devono essere preservati. I test non culturali per la clamidia non sono abbastanza specifici da essere usati per la diagnosi in situazioni di possibile stupro o abuso di bambini. Non ci sono dati sufficienti per valutare le possibilità di test di amplificazione del DNA per la diagnosi nei bambini che potrebbero essere stati violentati, ma questi test possono essere un'alternativa in situazioni in cui non è possibile condurre diagnosi di coltura di clamidia.

Studio della cultura e studio di una preparazione umida ottenuta con un tampone vaginale su T. Vaginalis. La presenza di cellule chiave nella preparazione umida conferma la presenza di vaginosi batterica nei bambini con perdite vaginali. Non è chiaro anche il significato clinico del rilevamento di cellule chiave o altri segni indicativi di vaginosi batterica in assenza di secrezioni. 

I campioni di siero risultanti devono essere esaminati immediatamente e conservati per ulteriori analisi comparative, che possono essere richieste, | se i risultati dei successivi test sierologici sono positivi. Se sono trascorse più di 8 settimane dall'ultimo episodio di violenza sessuale, il siero deve essere immediatamente esaminato per gli anticorpi agli agenti a trasmissione sessuale (T. Pallidum, HIV, HbsAg). Gli esami sierologici dovrebbero essere condotti tenendo conto della situazione in ciascun caso specifico (vedere Indagine 12 settimane dopo lo stupro). Ci sono segnalazioni di rilevamento di anticorpi contro l'HIV in bambini il cui abuso sessuale è stato l'unico fattore di rischio per l'infezione. Le reazioni sierologiche all'HIV in bambini stuprati dovrebbero essere eseguite a seconda della probabilità di infezione della / e persona / e che ha commesso la violenza. Non ci sono dati sull'efficacia o la sicurezza della prevenzione nei bambini dopo lo stupro. L'immunizzazione contro l'epatite B dovrebbe essere raccomandata se la storia o i risultati sierologici suggeriscono che non è stata eseguita in modo tempestivo (vedere Epatite B).

Esame 12 settimane dopo lo stupro

L'esame circa 12 settimane dopo l'ultimo episodio sospetto di stupro è raccomandato per il rilevamento di anticorpi contro i patogeni, poiché questo tempo è sufficiente per la loro formazione. Si raccomanda di condurre test sierologici per identificare T. Pallidum, HIV, HBsAg.

La prevalenza di queste infezioni varia considerevolmente nelle diverse comunità e il grado di rischio di questa infezione nell'abuso dipende da questo. Inoltre, i risultati su HBsAg devono essere interpretati con cautela, poiché il virus dell'epatite B può essere trasmesso sia sessualmente che non sessualmente. La scelta del test deve essere effettuata in base a ciascun caso specifico.

trusted-source[22], [23], [24], [25], [26], [27]

Trattamento preventivo

Esistono pochi dati per determinare il rischio di infezione delle malattie sessualmente trasmissibili nei bambini a seguito dello stupro. Si ritiene che nella maggior parte dei casi il rischio non sia troppo elevato, sebbene le prove documentali di questa disposizione non siano adeguate.

Non è raccomandato che il trattamento preventivo per i bambini violentati sia ampiamente implementato, dal momento che il rischio di sviluppare un'infezione ascendente nelle ragazze è inferiore a quello delle adolescenti o delle donne adulte, e di solito un'osservazione abbastanza regolare. Tuttavia, alcuni bambini o i loro genitori e assistenti potrebbero essere più preoccupati per le malattie sessualmente trasmissibili, anche se, secondo il parere dell'operatore sanitario, il rischio è minimo. Data questa circostanza, in alcune istituzioni mediche si ritiene possibile condurre un trattamento preventivo in questi casi dopo aver raccolto il materiale per lo studio.

Preavviso

In tutti gli stati, nel Distretto di Columbia, a Porto Rico, Guam, nelle Isole Vergini ea Samoa, esiste una legge che richiede la notifica di tutti i casi di stupro. In ogni stato, i requisiti di registrazione possono essere leggermente diversi, tuttavia, come regola generale, se vi sono sufficienti sospetti di stupro, è necessario notificare i servizi competenti. Gli operatori sanitari devono mantenere uno stretto contatto con le autorità locali per la protezione dei minori e conoscere le regole per la registrazione dei casi di stupro.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.