Gravidanza e riposo in mare

Ultima revisione di: , esperto medico, su 01.06.2018

La gravidanza e il mare: una domanda che preoccupa molte donne che si preparano a diventare mamme. Da un lato, sembra che un congedo di maternità su una spiaggia sabbiosa sia una grande opportunità per riprendersi e riposare completamente. D'altra parte, c'è eccitazione: il sole e l'acqua salata danneggeranno il futuro bambino.

Vacanze in mare durante la gravidanza

È possibile combinare la gravidanza e il mare dipende dalla salute di una donna particolare. Se la futura madre non soffre di malattie croniche e ha una condizione eccellente nel suo insieme, può tranquillamente inviare in vacanza sulla costa.

Ma un ginecologo che osserva una gravidanza può proibire a una donna un simile viaggio. Le ragioni di questo problema possono essere:

  • La minaccia di interruzione della gravidanza.
  • Distacco o placenta previa.
  • Grave tossicosi nella seconda metà della gravidanza (pre-eclampsia) con aumento della pressione sanguigna.
  • Esacerbazione di malattie croniche.
  • Reazioni allergiche

Se tutti i motivi di cui sopra, per fortuna, ha passato la futura madre, allora il riposo sul mare è fornito. Ma non dimenticare che l'assenza di minacce per la salute e la gravidanza non danno la luce rossa per un viaggio in mare. È molto importante tenere conto delle caratteristiche della gravidanza.

Il mare nelle prime fasi della gravidanza

La gravidanza nelle prime fasi e il mare è una combinazione pericolosa. È nel primo trimestre (dalla prima alla tredicesima settimana) che i cambiamenti più importanti si verificano nel corpo della donna. In particolare, si formano gli organi interni di un futuro bambino, i contorni degli arti e la testa appaiono chiaramente.

Nelle fasi iniziali, gli aborti si verificano più spesso o si verificano patologie fetali.

Pertanto, nonostante le raccomandazioni dei medici il più spesso possibile di stare all'aria aperta e nuotare, è consigliabile astenersi da un viaggio in mare, o almeno non allontanarsi troppo da casa.

A una prima tossicosi da riposo sul mare è necessario rifiutare.

Il mare alla fine della gravidanza

Il periodo più adatto per il riposo in mare durante la gravidanza è il secondo trimestre (14 - 25 settimane).

In questo momento, si formano tutti gli organi interni del futuro bambino, e la donna è abituata alle sue nuove condizioni e si sente calmo e a suo agio.

Ma il terzo trimestre (da 25 a 40 settimane) - un periodo inappropriato di gravidanza per una vacanza in mare. I due maggiori problemi di questo periodo sono la possibilità di sviluppare tossicosi tardive e il rischio di parto prematuro. Se ti senti bene e ti rifiuti di riposare in mare per qualche motivo, non puoi, quindi ricorda che devi tornare a casa fino alla 38a settimana, perché è da questo momento che può iniziare la nascita prematura.

Posso nuotare in mare durante la gravidanza?

Nel caso in cui la donna incinta sia assolutamente sana e si riposi in mare a lei anche se viene mostrata, c'è ancora una domanda: se è possibile fare il bagno?

Gli elementi utili contenuti nell'acqua di mare (iodio, potassio, magnesio, alghe) hanno un effetto benefico sul corpo della futura madre, lo rafforzano e lo tonificano. Onde e spruzzi nel mare servono come idromassaggio leggero.

Nonostante tutti questi momenti piacevoli, è necessario ricordare la salute del nascituro e rispettare alcune regole:

  • Prima di entrare in acqua per valutare la sua purezza e sicurezza del fondo.
  • Non nuotare in acqua troppo fredda.
  • Non sovraccaricare te stesso, non nuotare molto.
  • Anche il bagno in mare è il sole, che dovrebbe essere limitato alle donne incinte. Quindi non stare in acqua troppo a lungo.

Posso prendere il sole durante la gravidanza?

Se la gravidanza e il mare continuano a coincidere, allora evitare il sole aperto non funzionerà. Considerando che a causa di un cambiamento dello sfondo ormonale dell'abbronzatura sulla pelle di una donna in una posizione sdraiata migliore e più veloce, la tentazione di acquisire un colore di cioccolato prima della nascita genera diverse volte.

I medici avvertono: essere al sole aperto in qualsiasi momento della gravidanza è molto pericoloso. Questo è irto di perdita di coscienza, vene varicose, sanguinamento uterino e pigmentazione indesiderata. Pertanto, al fine di non danneggiare te stesso e il futuro bambino, è necessario considerare i seguenti punti:

  • Prendete il sole solo all'ombra: sotto un ombrellone o una tenda da sole.
  • Non stare sulla spiaggia da 11 a 16 ore.
  • Non mentire su sabbia riscaldata o ciottoli (solo su una sedia a sdraio).
  • Essere sulla spiaggia ad una temperatura non superiore a 30 gradi.
  • Non prendere il sole con uno stomaco vuoto o troppo pieno.

La gravidanza e il Mar Morto

Molte donne che stanno andando a trascorrere un congedo di maternità nella città del resort, si stanno chiedendo se la gravidanza e il Mar Morto siano compatibili?

Per cominciare, tutto dipende dallo stato di salute della futura madre. Se il ginecologo osservante le permette di superare lunghe distanze, non riesce a trovare un resto in spiaggia migliore del Mar Morto.

L'aria intorno a lui è talmente satura di sale che il sole rappresenta un pericolo minore rispetto, ad esempio, in Turchia o in Crimea. Con il suono sulla spiaggia, è quasi impossibile bruciare. Ma va ricordato che è pericoloso riposarsi sul Mar Morto a giugno / luglio, perché in questo periodo il sole è molto aggressivo lì.

Se la futura mamma ama nuotare, allora il resto del Mar Morto non funzionerà per lei, perché è controindicato tuffarsi completamente e giacciono sulla superficie dell'acqua curativa. Qui è permesso solo immergere la pelle con acqua di mare e spruzzarci dentro con le gambe.

Effetto del mare sulla gravidanza

La gravidanza e il mare, nonostante la lista delle conseguenze spaventose e controindicazioni, è una combinazione molto utile.

La futura mamma, trascorrendo una vacanza in mare, si libera dallo stress, ripristina il sistema nervoso, rafforza il corpo e lo satura con utili oligoelementi.

Per riposare in riva al mare era comodo e senza conseguenze negative, ricorda:

  • Una donna incinta non può andare in vacanza da solo.
  • Pensa ai più piccoli dettagli prima di andare in mare: dal trasporto che arriverai ai documenti richiesti.
  • Il primo giorno di vacanza, lascia che il corpo si acclimatizzi: non correre subito verso la spiaggia.
  • Monitorare rimanere in acqua e al sole.
  • Alle prime indisposizioni e segni sospetti rivolgersi al medico-ginecologo o tornare a casa.

E ricorda che la tua condizione non è una malattia, quindi la gravidanza e il mare sono compatibili e, inoltre, utili per la tua salute e la salute del futuro bambino.

È importante sapere!

Comincia ad ingrassare e la sua pelle è levigata. Anche i suoi capelli crescono e puoi già determinarne il colore e la consistenza. Leggi di più...


Il portale iLive non fornisce consulenza medica, diagnosi o trattamento.
Le informazioni pubblicate sul portale sono solo di riferimento e non dovrebbero essere utilizzate senza consultare uno specialista.
Leggi attentamente le regole e norme del sito.

Copyright © 2011 - 2019 iLive. Tutti i diritti riservati.