^
A
A
A

Anedonia musicale o indifferenza alla musica

 
, Editor medico
Ultima recensione: 30.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

20 March 2014, 09:00

Studi recenti di neuroscienziati hanno dimostrato che ci sono persone che non amano ascoltare la musica. Lo studio è stato condotto da scienziati spagnoli e i suoi risultati sono stati pubblicati sulla rivista Current Biology.

Uno dei ricercatori dell'Università di Barcellona, Joseph Marco-Pollares, osserva che la divulgazione di queste persone aiuterà significativamente a comprendere la natura neurale della musica, in altre parole, a capire come un insieme di note possa causare uno sfogo emotivo.

La condizione delle persone, quando non c'è reazione, a qualsiasi tipo di musica, gli esperti chiamano "anedonia musicale" (anedonia - una diminuzione o una perdita della capacità di ricevere piacere). Allo stesso tempo, queste persone avevano la capacità di godere di altri stimoli piacevoli.

I ricercatori hanno diviso i volontari in tre gruppi di 10 persone ciascuno. In ogni gruppo c'erano persone con sensibilità musicale di basso, medio e alto livello. Gli scienziati hanno condotto due esperimenti, che hanno studiato la suscettibilità delle persone in ciascuno dei gruppi. Nel primo esperimento ha valutato il livello di esperienza del piacere della vostra musica preferita, nella seconda - i partecipanti dovevano decidere rapidamente alla meta desiderata, per poi guadagnare premi sotto forma di denaro o non perdere l'importo già esistente.

Come risultato, gli scienziati hanno determinato che sia il primo che il secondo caso nel cervello sono stati attivati servizi nervose che sono responsabili per il piacere, mentre il corpo è stato osservato rilascio dell'ormone della dopamina, che è anche chiamata "l'ormone del piacere". Il team di ricerca ha osservato che c'era anche una violazione della frequenza cardiaca e il livello di resistenza elettrica della pelle, che erano indicatori di reazioni emotive.

Di conseguenza, gli scienziati hanno determinato che alcune persone (con un livello normale di suscettibilità sonora) non avevano una risposta autoimmune ai suoni musicali, mentre erano piuttosto allegre e felici, ma non provavano alcun piacere con la musica. Ma la ricompensa in denaro per queste persone è stata una reazione abbastanza naturale, il che indica che la scarsa sensibilità musicale non è correlata a gravi deviazioni nel lavoro di certe parti del cervello.

Come notano i ricercatori, le loro conclusioni possono aiutare nel trattamento di certe dipendenze. L'ipotesi che le persone siano in grado di rispondere ad un tipo di ricompensa, mentre ad essere indifferente verso l'altro, ci permette di supporre che la stima della funzione del cervello può essere diversa, in quanto fornisce un'indicazione del fatto che l'efficacia di alcuni modi per una particolare categoria di persone può essere più alto che per gli altri. Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che la suscettibilità alla musica può ridurre il rischio di depressione e problemi di udito.

In altri studi di scienziati britannici, è stato riscontrato che le persone con un'istruzione superiore hanno meno probabilità di diventare obese perché prestano maggiore attenzione alla corretta alimentazione.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.