^
A
A
A

C'è un virus che ferma lo sviluppo del cancro al cervello aggressivo

 
, Editor medico
Ultima recensione: 05.10.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

20 August 2018, 09:00

I virus nel campo del trattamento di varie malattie non sono la prima volta. Questa tecnologia è testata e spesso aiuta a curare molte gravi patologie. Ad esempio, recentemente gli scienziati hanno scoperto un virus specifico che influenza direttamente la qualità dell'immunità umana: questo virus "stimola" la propria protezione di una persona per distruggere le cellule maligne estranee.
 
La scoperta è stata fatta da specialisti della Gran Bretagna. Come gli esperti hanno rassicurato, il cosiddetto reovirus non rappresenta un pericolo particolare per il corpo umano e può facilmente superare la membrana emato-encefalica - la principale barriera protettiva del sistema nervoso centrale. Reovirus penetra nella neoplasia maligna localizzata nel cervello senza problemi e stimola il sistema immunitario, indirizzandolo a combattere il tumore in modo naturale.
 
Gli specialisti hanno descritto in dettaglio il corso dello studio. Il processo ha coinvolto persone malate, che sono state unite da una terribile diagnosi - una forma aggressiva di cancro al cervello. A tutti questi pazienti è stato già prescritto un intervento chirurgico, quindi hanno facilmente accettato di partecipare all'esperimento. Un paio di giorni prima dell'operazione, i partecipanti sono stati iniettati un reovirus nella vena: dopo un po ', è stato rilevato con successo nei tessuti rimossi durante la resezione, e le neoplasie rimosse sono diventate notevolmente più piccole. Il professor Adel Samson, leader dell'esperimento, spiega: "Per la prima volta gli scienziati sono riusciti a dimostrare la proprietà del virus di penetrare attraverso la difesa ematoencefalica, aprendo l'accesso al trattamento immunologico. Questo supererà la malattia in molte persone che sono malate con un decorso aggressivo di tumori cancerosi. Reovirus è in grado di "stimolare" le forze immunitarie umane, contrassegnando strutture maligne e rendendole "evidenti" per l'immunità ".
 
Ad oggi, gli studi su un nuovo metodo di trattamento continuano: gli studi clinici sono in corso e al momento. Già molti medici specialisti affermano che l'innovazione sarà un'alternativa di successo alla chemioterapia e alle radiazioni e che la frequenza e il numero di procedure che vengono abitualmente utilizzate nelle formazioni maligne possono essere significativamente ridotte.
 
I reovirus sono rappresentanti di virus sferici che hanno un genoma costituito da RNA segmentato a doppio filamento. In precedenza, si riteneva improbabile che i virus potessero penetrare nella difesa del sangue nel cervello, quindi gli scienziati hanno lavorato sulla questione della somministrazione di farmaci direttamente alle strutture cerebrali. Tuttavia, ora, dopo gli studi, la situazione con il trattamento dei tumori cancerosi è diventata più incoraggiante.
 
"La presenza di un tumore canceroso nel corpo indica la debolezza della propria immunità del paziente. L'introduzione del virus contrasta questo processo, attivando le forze protettive e costringendole ad attaccare il tumore ", ha detto uno degli autori dell'esperimento.
 
I dettagli del progetto sono pubblicati nel New Atlas periodico e sono disponibili anche su http://stm.sciencemag.org/content/10/422/eaam7577

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.