^

Salute

A
A
A

Tumori del cervello

 
, Editor medico
Ultima recensione: 01.06.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

I tumori del cervello sono, secondo vari dati, il 2-8,6% del numero totale di tutti i tumori umani. Tra le malattie organiche del SNC, il 4,2-4,4% si verifica sul tumore. Il numero di tumori CNS di nuova diagnosi aumenta annualmente dell'1-2%. Allo stesso tempo negli adulti il tasso di mortalità dovuto a tumore al cervello è di 3-5 tra tutte le cause di morte. Nei bambini, la mortalità dovuta allo sviluppo del processo oncologico del sistema nervoso centrale è seconda dopo le malattie dei sistemi ematopoietici e linfatici.

Epidemiologia

In Ucraina, la frequenza dei tumori cerebrali negli uomini è 10,2 per 100 mila della popolazione. Tra le donne, questa cifra è di 7,6 per 100000. Negli Stati Uniti, la frequenza dei tumori cerebrali tra gli uomini è di 12,2 per 100.000, e tra le donne, 11 per 100.000. Il numero di tumori cerebrali nelle donne di età compresa tra 40 e 50 anni è 1,5 - 1,8 volte superiore rispetto agli uomini. Negli uomini si riscontrano principalmente tumori gliali, mentre meninomi e neurinomi predominano nelle donne.

La distribuzione delle neoplasie secondo la struttura istologica dipende in larga misura dall'età media dei pazienti del campione studiato. Così, negli adulti 40-45% dei tumori primari gliomi rappresentano il 18-20% - meningioma, 8% - VIII nervo neuroma, 6-8% - nel adenoma ipofisario, glioma nei bambini rappresentano il 75% di tutti i tumori; meningiomi - 4%, mentre i neurinomi e gli adenomi sono estremamente rari. Nei pazienti di età superiore ai 70 anni, il 40% dei tumori cerebrali sono meningiomi.

Recentemente, c'è stata una tendenza verso un aumento dell'incidenza di tumori cerebrali metastatici di questo tipo.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7], [8], [9], [10], [11], [12]

Le cause tumori cerebrali

Al centro dello sviluppo di tumori cerebrali, così come altri siti, si tratta di una persistente violazione dell'integrità dell'apparato genetico delle cellule, soprattutto quelle parti che sono responsabili del controllo l'inizio e la progressione del ciclo cellulare. Tipicamente, questi sono geni che codificano fattori proteici che costituiscono la base della progressione della divisione cellulare (Hb, E2F, cicline e ciclina-dipendente proteina chinasi), segnale proteina trasduzione (ad esempio, Ras-stadio), fattori di crescita (ad esempio, PDGF) e loro recettori così come i fattori che inibiscono la progressione del ciclo cellulare e attivano eliminazione delle cellule cascate dell'apoptosi, i difetti loci associati al sistema di regolazione della progressione del ciclo cellulare, portando a promotori sovraespressione attività mitotica o l'emergere di nuove forme patologiche persistenti di fattori promitotici con aumento dell'attività funzionale. Mentre il danno ai geni del sistema apoptotico nel contesto dell'oncogenesi è una ricaduta.

Al momento attuale sono apparsi dati che suggeriscono che il danno genetico primario si verifica nelle cellule con espressione attiva dell'apparato di regolazione del ciclo cellulare, cioè nelle cellule mitoticamente attive. Aumento dell'attività dell'apparato mitotico della cellula che porta alla sua divisione e informazione genetica è immagazzinato nel tessuto, mentre l'aumento dell'attività apoptotica porta all'eliminazione delle cellule e la distruzione di tutte le deviazioni del genoma della cellula. Ma allo stesso progenitori tessuto specializzate, le cellule staminali tessuto può essere un lungo tempo in uno stato tra apoptosi e mitosi, e che apre la possibilità di una progressiva degenerazione dei loci genetici come mitotico e sistemi apoptotici trasmettere i difetti generati nella prossima generazione di cellule.

Una condizione importante per il passaggio di una cellula proliferante da una scarica con aumento dell'attività mistica a una scarica con attività mitotica incontrollata è l'accumulo graduale di un certo numero di cambiamenti mutazionali nel genoma della linea cellulare. Pertanto, lo sviluppo del glioma astrocitico e della sua degenerazione in una forma maligna - il glioblastoma - è accompagnato dall'accumulo di mutazioni nel genoma delle cellule tumorali. È ora accertato che le mutazioni nei cromosomi 1, 6, Er, lGq, labbro, 13q, 14, 17p, 18, 19q, 22q sono il momento chiave dell'inizio e della progressione dei principali tipi di tumori cerebrali.

La degenerazione mutazionale dei loci genetici può verificarsi per vari motivi. Va notato che alcuni di essi possono avere un effetto dannoso diretto sul genoma delle cellule cerebrali. Un altro gruppo è costituito da fattori che aumentano indirettamente il carico trascrizionale su questi geni o riducono l'attività del sistema di riparazione genetica.

In sintesi, la sua una combinazione di diversi fattori negativi sullo sfondo di una predisposizione innata, che può acquisire espressione in differenti deviazione genetica, porta alla rottura dell'integrità delle informazioni genetiche della attività mitotica delle cellule, che è l'evento principale nel modo di rinascita oncogenico. Lo squilibrio del sistema di trascrizione genetica, riparazione e replicazione, che inevitabilmente si pone, aumenta la vulnerabilità del genoma del clone cellulare, che aumenta la probabilità di eventi mutazionali successivi.

Tra i fattori sfavorevoli a questo riguardo, è necessario isolare le radiazioni ionizzanti, il campo elettromagnetico, i pesticidi e altri fattori di contaminazione chimica dell'ambiente.

Importante è il trasporto di virus oncogeni, che può provocare o promuovere la progressione dei processi descritti. Questi dovrebbero includere virus Epstein-Barr, papilloma umano (tipo 16 e 18), HIV, ecc.

Le abitudini nocive, come il fattore "dietetico", per molto tempo si riferiscono a un gruppo di fattori classici che aumentano il rischio di malattie oncologiche. A questo proposito, i tumori cerebrali non fanno eccezione.

Allo stato attuale, l'impatto del trapianto del CTBT sul possibile sviluppo del tumore cerebrale dovrebbe essere considerato più ipotetico, poiché la corrispondente combinazione temporanea di entrambe le patologie del cervello è estremamente rara e appartiene alla categoria dei reperti casuali.

Considerando maggiore predisposizione da diversi piani, per l'aspetto di alcune forme di tumori cerebrali (ad esempio, meningioma più comuni nelle donne) appropriati per considerare l'influenza degli ormoni sessuali nella progressione e, eventualmente, per aumentare la probabilità di comparsa di sintomi o anche le lesioni tumorali primari.

Infine, la presenza in parenti stretti di tumori del sistema nervoso o di malattie come, per esempio, la malattia di Recklinghausen, aumenta il rischio di sviluppare un tumore al cervello.

trusted-source[13], [14], [15], [16], [17], [18], [19], [20]

Sintomi tumori cerebrali

Dal punto di vista patogenetico, l'importanza primaria e lo sviluppo dei sintomi clinici è un aumento del volume del tumore, che porta allo sviluppo diretto e indiretto della sindrome di aumento della pressione intracranica e dell'intera gamma di sintomi focali.

La formazione della sindrome ipertensiva si verifica per una ragione. In primo luogo, la crescita del tumore si concentra su un aumento del volume della componente tissutale nella cavità cranica. In secondo luogo, con una certa posizione del tumore, è possibile un disturbo del deflusso del liquido cerebrospinale, che porta ad un aumento del suo volume nelle cavità del sistema ventricolare.

E, infine, in terzo luogo, la crescita espansiva del tumore in alcuni casi può causare la compressione del tessuto cerebrale circostante, comprese le navi di vario calibro, che ne determinano l'ischemia, una produzione diminuzione ATP, interruzione degli scambiatori di ioni ATP-dipendenti che mantengono il normale equilibrio ioni tra i compartimenti tissutali (mezzo intracellulare, spazio intercellulare, letto vascolare). Quest'ultimo è accompagnato da un aumento osmolalità del mezzo e l'accumulo di acqua extravascolare di foci tessuto cerebrale ischemico. La rapidità di sviluppo di edema, gonfiore del tessuto cerebrale avviato lungo la periferia del nodulo tumorale può essere il fattore principale per la successiva diffusione di questo processo e coinvolgere sempre più ampie aree del cervello.

La compressione immediatamente adiacente alle aree di messa a fuoco del cervello porta allo sviluppo di sintomi focali. La compressione delle aree del tessuto cerebrale situate ad una certa distanza dal fuoco del tumore, sotto l'influenza del processo di diffusione del gonfiore, dell'ischemia o della crescita del tumore porta alla comparsa di sintomi a distanza. Nel caso più avanzato, si creano le condizioni per la dislocazione del tessuto cerebrale e la formazione di sindromi incuneate.

Compressione locale del tessuto cerebrale o maggiori intracranici recettori di pressione e irritazione meningi diventa possibile grazie alla costanza del volume della cavità cranica, secondo la dottrina di Monroe-Kelly, la variazione di volume di una delle tre componenti della cavità contenuti cranio (tessuto, sangue, fluido cerebrospinale) è dovuta a ridurre il volume degli altri due . La crescita tumorale in primo luogo determina una riduzione locale del flusso ed è accompagnata da una diminuzione del volume liquor nella cavità cranica. Riducendo il volume di sangue nella cavità cranica ha un impatto significativo, di regola, aggravando la situazione nella perfusione del tessuto cerebrale. Dato il meccanismo di sviluppo di edema cerebrale e il gonfiore si può aspettare che lo stato compensare prima o poi essere rotto e che porterà ad un circolo vizioso: ischemia - gonfiamento - aumento della pressione del tessuto - ischemia.

Descritto caratteristiche patogenetici dello sviluppo del processo tumorale spiegato, da un lato, la possibilità di crescita tumorale prolungata in regioni funzionalmente inerti del cervello in assenza di sintomi gravi, e dall'altro - la presenza di tumori cerebrali, che anche in piccole dimensioni e limitata durante la crescita danno i sintomi clinici pronunciati.

In termini clinici, i sintomi generali del tumore cerebrale cerebrale e focale che si presentano in relazione allo sviluppo del tumore cerebrale sono isolati.

Il principale e uno dei primi sintomi dello sviluppo dell'ipertensione endocranica a causa della crescita del tumore è il mal di testa. Questo sintomo è osservato nel 92% dei pazienti con subtentorial e nel 77% - con tumori sopratentoriali e si verifica a causa di tensione e compressione della dura madre. All'inizio della malattia, il mal di testa è spesso di natura diffusa, opaca, instabile, esplosiva.

All'aumentare della pressione intracranica, il dolore si intensifica, acquisisce un carattere permanente. Una caratteristica caratteristica, ma non costante, del mal di testa derivante dallo sviluppo di ipertensione endocranica è la sua comparsa o miglioramento nella seconda metà della notte, al mattino, che è associato ad un aumento della pressione cerebrospinale durante questo periodo della giornata. A volte, in uno stato di costante mal di testa, c'è un guadagno di tipo convulsivo, che è accompagnato da vomito, vertigini, abbassamento del livello di coscienza.

Tipico per i tumori cerebrali dovrebbe essere considerato l'emergere o l'intensificazione del mal di testa durante l'eccitazione, lo stress fisico. Alla categoria di rapporto attribuito classica tra l'intensità del dolore con la posizione della testa del paziente in caso di tumori del ventricolo IV: il dolore diminuisce quando la posizione del paziente sul lato del sito tumorale (Vrunsa sintomo), che può essere spiegato dallo spostamento gravitazionale del nodulo tumorale. Allo stesso tempo, negli anziani, anche se c'è un grande tumore, i sintomi del dolore possono essere assenti per molto tempo. In tumori benigni delle meningi è dolore locale, a volte si irradia al settore specifico e la posizione superficie del sito del tumore può essere accompagnata da dolore locale alle percussioni. Tuttavia, tali varianti della sintomatologia del dolore sono meno significative nel contesto di una diagnosi preliminare.

Il vomito si verifica nel 68% dei pazienti con tumori cerebrali. Nella maggior parte dei casi, il sintomo del tumore cerebrale è associato con lo sviluppo di ipertensione intracranica, ma può essere dovuto alla presenza del tumore nel ventricolo IV o del cervelletto, che ha un effetto diretto pas meccanici centro di vomito. Una caratteristica classica del cosiddetto vomito tumorale è la sua comparsa nelle ore del mattino, senza precedente nausea, a stomaco vuoto e all'altezza del mal di testa. Dopo il vomito, l'intensità del mal di testa diminuisce con il tempo, che è associato ad un imminente effetto disidratante e ad una diminuzione della pressione intracranica. La frequenza del vomito è variabile.

Un frequente sintomo neuro-oftalmologico, che riflette la presenza di ipertensione endocranica, è un disco congestizio dei nervi ottici. Nella maggior parte dei casi, questo sintomo viene rilevato contemporaneamente da entrambi i lati, ma a volte il suo aspetto può variare nel tempo. Il tasso di sviluppo di questo sintomo dipende dal tasso di aumento dell'ipertensione cranica. Il ristagno dei dischi ottici è il più spesso determinato in combinazione con altri sintomi ipertensivi. E solo in alcuni casi (ad esempio nei bambini) il sintomo può essere il carattere del debutto.

L'aumento della pressione intracranica porta a disturbi nell'attività delle parti periferiche dell'analizzatore visivo, che è principalmente dovuto al rigonfiamento del tessuto del nervo ottico e della retina dell'occhio. Soggettivamente, il paziente nota la presenza periodica del velo davanti agli occhi, "vola" nelle prime ore. Un prolungato aumento della pressione intracranica porta allo sviluppo di atrofia secondaria dei nervi ottici.

Allo stesso tempo, la riduzione dell'acuità visiva derivante dallo sviluppo dell'atrofia è irreversibile. Realizzazione di un intervento chirurgico radicale o la normalizzazione a lungo termine della pressione intracranica spesso non portano a fermare la progressione della perdita della vista. Nel caso di processo tumore nella compressione fossa cranica anteriore o centrale del nervo ottico a lato del tumore viene spesso osservato sintomo F. Kennedy: una combinazione di primaria atrofia ottica sul lato della crescita tumorale con atrofia secondaria del nervo ottico dovuta al contrario della sindrome ipertensiva.

Vertigo è osservato come un sintomo cerebrale con ipertensione endocranica nel 40-50% dei pazienti con tumori cerebrali. L'aspetto di questo sintomo è associato allo sviluppo di fenomeni stagnanti nel labirinto vestibolare e all'aumento della pressione endolinfa nei canali semicircolari. In alcuni casi, può manifestarsi come elemento di sintomatologia focale nei tumori del cervelletto, dell'VIII nervo, del ponte e del ventricolo IV.

I pazienti descrivono i sintomi come una sensazione di rotazione degli oggetti circostanti e del proprio corpo, un senso di fallimento. Vertigini, derivanti da ipertensione endocranica, si manifesta in fasi successive dello sviluppo del processo patologico. In ogni caso, questo sintomo si manifesta, di norma, parossistico, spesso dopo un significativo aumento della pressione intracranica. Spesso le vertigini sono accompagnate da nausea, vomito, rumore nelle orecchie, disturbi vegetativi e persino una diminuzione della chiarezza della coscienza.

Disturbi della psiche nel contesto dello sviluppo dei sintomi cerebrali cerebrali si riscontrano nel 63-78% dei pazienti. In dovrebbe essere considerata una violazione del tessuto cerebrale sangue perfusione, in particolare le sezioni di gambo, che è una diretta conseguenza dell'aumento della pressione endocranica, prodotti intossicazione decadimento cerebrali e fattori che sono prodotte nel fuoco tumore, ma anche violazione diffusa, i principali fattori patogenetici nello sviluppo di questo tipo di violazioni funzione e integrità anatomica delle vie associative del cervello. Va anche notato che i disturbi mentali sono elementi di sintomatologia focale nei tumori della regione frontale. In questo caso, lo sviluppo di disturbi mentali del paziente avviene sotto l'influenza di meccanismi patogenetici sia locali che cerebrali.

La natura dei disturbi mentali che si verificano con i tumori cerebrali può essere diversa. Quindi, sullo sfondo di una coscienza chiara, il verificarsi di disturbi della memoria, il pensiero, la percezione, la capacità di concentrazione. In alcuni casi, l'aggressività, la tendenza al comportamento immotivato, le manifestazioni di negativismo, una riduzione della criticità vengono alla ribalta. A volte tali sintomi di un tumore cerebrale possono essere spostati da una fase di apatia, letargia. In alcuni casi, c'è uno sviluppo di stato delirante e allucinazioni.

Nei pazienti anziani, lo sviluppo di disturbi mentali accompagna quasi sempre un aumento della pressione intracranica ed è spesso il primo segno clinico, specialmente in presenza di ipertensione e aterosclerosi.

Il livello di coscienza è il principale equivalente clinico della perfusione del cervello con il sangue e la pressione intracranica. Pertanto, la progressione dell'ipertensione endocranica porta inevitabilmente a una graduale depressione della coscienza, che senza adeguate misure terapeutiche diventa uno stato di soporio e coma.

Lo sviluppo della sindrome epilettica dovrebbe anche essere attribuito in una certa misura alla categoria dei sintomi cerebrali cerebrali e dei sintomi sintomatici complessi. Secondo vari dati, l'insorgenza di questa sindrome è osservata nel 22-30,2% dei pazienti con tumori cerebrali, di solito localizzazione sovratentoriale. Più spesso, l'episodio è accompagnato dallo sviluppo di tumori astrocitici e più raramente da meningiomi. Nel 37% dei pazienti, gli epipriplet sono il sintomo di debutto di un tumore al cervello.

Pertanto, il loro verificarsi senza cause evidenti all'età di oltre 20 anni dovrebbe essere considerato principalmente dal punto di vista della vigilanza oncologica. Come nel caso dei disturbi mentali, nello sviluppo dell'episodio non solo i meccanismi patogenetici cerebrali svolgono un ruolo, ma anche gli effetti locali (focali) del tumore sul tessuto cerebrale. Ciò è particolarmente importante quando si analizzano le cause dello sviluppo dei tumori del lobo temporale e delle parti del cervello localizzate da vicino.

In questo caso, la formazione di un focus epilettico di aumentata eccitabilità delle cellule nervose (ad esempio, aree associative lobo temporale) si verifica nel contesto di sintomi focale "zona". La componente locale nella formazione della sindrome epilettica è anche determinata dalla natura dell'aura che precede il sequestro. Ad esempio, la cosiddetta aura motore osservato durante lo sviluppo della sindrome epilettica con tumori del lobo frontale, allucinazione sensoriale - per i tumori del lobo parietale, olfattivo, uditivo, visivo e sofisticate - con tumori del lobo temporale, una visione unica - per i tumori del lobo occipitale.

La natura delle crisi epilettiche che si verificano durante lo sviluppo di un tumore al cervello varia da piccole crisi (piccolo male) a convulsioni convulsive generalizzate (grande mal). Un segno importante che consente di collegare il sequestro epilettico con lo sviluppo del processo tumorale è la perdita post-ablazione della funzione della sfera motoria o vocale.

La sintomatologia focale deriva dall'effetto locale diretto o indiretto del tumore sul tessuto cerebrale e riflette la violazione di alcune parti di esso (o dei singoli nervi craniocerebrali). Distinguere primari sintomi (dirette) focali che mostrano il risultato di un pas tumorali immediatamente aree adiacenti del cervello, così come i sintomi focali secondari, il cui sviluppo il ruolo principale è svolto non tanto un effetto meccanico diretto del tumore come ischemia ed edema, gonfiore del tessuto cerebrale circostante. A seconda del grado di lontananza della sintomatologia secondaria focalizzata dal nodo tumorale, è consuetudine distinguere tra i cosiddetti sintomi "vicini" e "remoti".

I meccanismi di sviluppo della sintomatologia focale sono diversi. Pertanto, i principali sintomi del tumore cerebrale focale derivano da effetti meccanici e chimici diretti del tumore focalizzato sul tessuto cerebrale adiacente e sulla sua ischemia. Il grado di gravità e durata di tale esposizione determinano la natura della sintomatologia focale primaria: compaiono i primi sintomi di irritazione o iperfunzione di questa area del tessuto cerebrale, che vengono successivamente sostituiti da sintomi di prolasso.

I sintomi di irritazione includono convulsioni epilettiche di Jacksonian e kozhevnikovskie, allucinazioni decorate e non formate, equivalenti epilettici, aure. I sintomi di fallout includono paresi, paralisi, difetti della vista, afasia, anestesia.

Comparsa di sintomi "adiacente" è associata ad ischemia rispettive aree cerebrali a causa della compressione primario, nonché a causa di urti meccanici tumore grandi vasi che alimentano il sangue a rispettive parti del cervello (per esempio, gambo sintomi dei tumori del cervelletto, afasia motore in tumori polo del lobo frontale sinistro , sconfitta dei nervi delle coppie III e IV nei tumori del lobo temporale).

I sintomi di un tumore cerebrale "a distanza" sorgono solo nel caso di un processo lontano, e con la progressione dei sintomi cerebrali possono trasformarsi in sindromi di dislocazione. Esempi di sintomi "a distanza" sono un'allucinosi verbale con tumori della fossa cranica posteriore, complessi sintomatici che si verificano quando alcune parti del cervello vengono compresse durante la dislocazione.

Quando si verifica la dislocazione del tessuto cerebrale, viene violato nelle aperture anatomiche all'interno del cranio o all'uscita da esso. Questa situazione è designata con il termine "incuneamento" di una particolare parte del cervello.

trusted-source[21], [22], [23]

Diagnostica tumori cerebrali

La diagnosi preoperatoria di un tumore al cervello comprende i seguenti componenti: diagnosi nosologica, topica e patologia istologica. Se c'è il sospetto che il paziente abbia un tumore al cervello, il più comune è un esame generale e neurologico con la formulazione di una diagnosi topica. L'esame del neurologo e otoneurologo deve essere considerato concomitante, e se vi è il sospetto della natura metastatica del processo oncologico - e di altri specialisti.

La consultazione di un oftalmologo è un prerequisito per il processo diagnostico e dovrebbe includere una valutazione dell'acuità visiva, la determinazione dei campi visivi, l'esame del fondo. Quest'ultimo permette di rivelare segni indiretti di aumentata pressione intracranica sotto forma di dischi ottici congestizi, la loro atrofia secondaria, e anche di determinare la presenza di atrofia ottica primaria, che può indicare la localizzazione del nodo tumorale.

Per stabilire una diagnosi clinica, è obbligatorio coinvolgere ulteriori metodi strumentali di ricerca, tra cui i più informativi attualmente sono MPT e CT.

Questi metodi, con l'accessibilità moderna, consentono di visualizzare il centro del tumore, di stimarne le dimensioni e le caratteristiche anatomo-topografiche, che costituiscono la maggior parte delle informazioni necessarie per la scelta della tattica del trattamento chirurgico. Se le informazioni ottenute con TC o risonanza magnetica non sono sufficienti per selezionare le tattiche di trattamento, per prevedere i suoi risultati e per migliorare la qualità dell'intervento chirurgico, vengono utilizzati metodi angiografici (ora è considerato obbligatorio nel contesto della preparazione preoperatoria).

Per valutare rapidamente il grado di spostamento delle strutture mediane, è possibile utilizzare il metodo dell'ecoencefalografia. Metodi quali la tomografia ad emissione di positroni (PET), singolo fotone emmisionnaya tomografia computerizzata (SPECT), elettroencefalografia (EEG), Doppler, utilizzato per la diagnosi.

I metodi di indagine a raggi X (principalmente craniografia) nella diagnosi dei tumori cerebrali hanno perso un'importanza chiave. Classici segni radiologici di avere la sindrome ipertensiva, e tumori del cervello sono tornati osteoporosi e tubercolo sella, cresta inclinata regolabile e visualizzazione modello espressa rientranze dito sulla superficie interna delle ossa cranica, amplificazione canali venosi diploica diffuse, estendere e approfondire pozzi corpi Pacchioni. In presenza prima infanzia ipertensione endocranica porta ad una discrepanza del suture craniche, riduzione dello spessore delle ossa, così come un aumento delle sue dimensioni parte del cervello.

Oltre ai sintomi a raggi X dell'osteoporosi ipertensiva del tessuto osseo, in rari casi possono verificarsi osteolisi o iperostosi nelle aree di crescita di alcuni tipi di tumori. A volte si osserva calcificazione dei siti tumorali o spostamento della ghiandola pineale calcificata.

Metodi scintigrafia radionuclide e SPECT in grado di determinare sito principale sospettato carattere tumore al cervello metastatico per valutare alcune caratteristiche della biologia del tumore e su questa base per specificare l'assunzione di sua forma istologica possibile.

Attualmente, il metodo della biopsia stereotassica per puntura di un tumore è ampiamente utilizzato, il che consente di effettuare una diagnosi istologica accurata.

Oltre ai metodi strumentali, è anche possibile utilizzare una serie di studi di laboratorio, come la determinazione del profilo ormonale (con sospetto adenoma della ghiandola pituitaria), la ricerca virologica.

Uno studio a tutto volume (la determinazione della pressione cerebrospinale, la sua composizione citologica e biochimica) non è al momento presente. Definire e diagnosticare un tumore al cervello e spesso eseguire una puntura lombare è pericoloso a causa della minaccia di sviluppo del cuneo. I cambiamenti di pressione e composizione del liquido cerebrospinale accompagnano necessariamente lo sviluppo del processo tumorale. La pressione del liquido cerebrospinale e, di conseguenza, la pressione intracranica può essere aumentata di 1,5-2 volte rispetto agli indici normali.

Di regola, il grado di variazione della pressione intracranica è leggermente inferiore all'intervallo dato di valori superiori estremi. Il cosiddetto sintomo della dissociazione cellula-proteina, che riflette un aumento significativo della concentrazione di proteine nel liquido cerebrospinale ad un indice normale o leggermente elevato del numero cellulare, è considerato classico. Questo modello si osserva solo nel caso di sistema intraventricolare o vicino al sistema ventricolare della posizione del nodo tumorale. Un significativo aumento delle cellule nel liquido cerebrospinale è osservato nelle neoplasie maligne del cervello con i fenomeni di decadimento dei nodi tumorali (glioblastoma). In questo caso, la centrifugazione del liquido cerebrospinale consente di ottenere un residuo cellulare in cui le cellule tumorali possono essere rilevate nel 25% dei pazienti. In rari casi con lo sviluppo di emorragia nel tumore, con ampio decadimento del nodo tumorale e sviluppo intensivo della vascolarizzazione del tumore intraventricolare, il liquido cerebrospinale può diventare xantocromico.

Nel caso della determinazione dei segni clinici indicativi di aumento della pressione endocranica, dislocando regioni cerebrali, nonché la determinazione della stagnazione nel fondo tiene puntura lombare strettamente controindicato a causa del rischio di ernia tonsille cerebellari a imbuto cervico-durale, che porta necessariamente alla morte del paziente.

Caratteristiche di diagnosi di tumori metastatici è l'uso di modalità di contrasto TC e RM possesso stereotassica radiografia tumore biopsia (o CT) del torace, apparato osso, CT dell'addome e cavità pelvica, scintigrafia (colonna vertebrale, del bacino e delle estremità), mammografia donne.

trusted-source[24], [25], [26], [27], [28], [29], [30], [31]

Chi contattare?

Trattamento tumori cerebrali

Il trattamento complesso si basa sul trattamento dei tumori cerebrali. Attualmente, nella maggior parte dei casi, vengono utilizzati metodi chirurgici, chemioterapici e radioterapici per trattare i tumori cerebrali.

Sotto i metodi chirurgici di trattamento dei tumori cerebrali, dovrebbe essere presa in considerazione la rimozione totale o parziale della massa delle cellule tumorali (interventi chirurgici effettivi) o l'inizio della necrosi acuta da radiazioni delle cellule tumorali (interventi radiochirurgici).

Chemioterapia e la radioterapia metodi di influenza sulle lesioni tumorali portare alla morte nel tempo si estendeva un certo numero di cellule tumorali, che è più importante per ridurre le popolazioni di progenitore oncogeno come una parte del normale tessuto cerebrale - alla periferia o ad una distanza dal fuoco del tumore.

Il trattamento chirurgico dei tumori cerebrali include l'esecuzione di operazioni radicali mirate alla completa rimozione del tumore, nonché interventi palliativi per ridurre la pressione intracranica e prolungare la vita del paziente.

Per grado di completezza, la rimozione chirurgica del tumore può essere totale, subtotale e parziale.

Attualmente, l'intervento chirurgico, ma circa la rimozione di un tumore al cervello richiede l'uso dei più recenti sviluppi tecnologici e attrezzature moderne, che comprende un sistema di ingrandimento ottico (microscopi operativi), il sistema di neuroimaging intraoperatoria (MRI intraoperatoria e le impostazioni di CT), il sistema di monitoraggio a raggi X intraoperatoria, l'installazione stereotassica. In un complesso, i metodi di visualizzazione intraoperatoria consentono il monitoraggio della navigazione delle azioni del chirurgo in relazione alle strutture del cervello.

Le termodisurazioni (distruzione termica laser, criodistruzione) e l'aspirazione-distruzione ultrasonica sono spesso utilizzate per rimuovere il fuoco del tumore.

Distruzione radiosurgical di tumori cerebrali si basa sulla realizzazione di un singolo tumore nodulo irradiazione impatto attraverso la pelle intatta utilizzando sistemi radiochirurgia -. Y-coltello, acceleratore lineare (Linac), Cyber-lama n ecc La dose totale di irradiazione del nodulo tumorale 15-20 Gy. L'errore spaziale nella messa a fuoco dei raggi Y per l'installazione con y-Knife non supera 1,5 mm. In questo caso, la dimensione del tumore cerebrale non deve superare 3 - 3,5 cm nel diametro massimo. Il trattamento radiochirurgico è principalmente soggetto a focolai metastatici nel cervello, meningiomi e neurinomi.

Trattamento palliativo dei tumori cerebrali (volto a ridurre la gravità delle sindromi ipertensive e di dislocazione):

  1. metodi chirurgici per ridurre la pressione intracranica (tra i più efficaci: decompressione esterna mediante craniotomia, decompressione interna mediante rimozione di gran parte del tumore alla rinfusa o resezione del tessuto cerebrale);
  2. ripristino della normale pressione intracranica e rilascio delle aree del tessuto cerebrale che vengono compresse durante la lussazione (tenotiotomia con iniezione temporo-tentoriale);
  3. ripristino del normale flusso di liquore (operazioni di smistamento di liquami: ventricolostomia, ventricolocastroostomia, ventricoloperitosteasostomia, ventricolocardiostomia).

Considerando i principali momenti patofisiologici dello sviluppo di edema-gonfiore del tessuto cerebrale nei tumori cerebrali, il trattamento patogenetico di queste sindromi implica;

  1. normalizzazione della respirazione esterna;
  2. ottimizzazione della pressione arteriosa sistemica;
  3. facilitando il drenaggio venoso dalla cavità cranica (corpo metà superiore viene sollevato ad un angolo di 15) e altri metodi conservativi di riduzione diretta o indiretta della pressione intracranica (iperventilazione moderata, kraniotserebralnaya ipotermia assegnazione osmodiuretikov).

La radioterapia viene utilizzata per la rimozione subtotale di alcuni tipi di tumori cerebrali o nel complesso trattamento dei tumori maligni. Esistono vari tipi di trattamento: terapia tradizionale, iperfraturale, fotodinamica, brachiterapia, terapia di cattura del neutrone di boro.

La dose totale di radiazione nel corso della radioterapia a 60 Gy. Radioterapia assegnato attraverso calzatura 2 dopo la rimozione del tumore e dura per 6 settimane. Con le sessioni dose giornaliera di irradiazione frazionata di 180 - 200 mGy. I tumori cerebrali più radiosensibili sono glioma maligno, oligodendroglioma (con resezione subtotale o anaplastico), disgerminoma, linfoma primario del sistema nervoso centrale, medulloblastoma, ependimoma, meningioma (realizzazioni maligni, rimozione subtotale o parziale), adenoma pituitario (dopo la rimozione subtotale o caso di fallimento della terapia farmacologica), base cranica cordoma.

La chemioterapia, a seconda del metodo di somministrazione del farmaco può essere sistemica, regionale, intra-arteriosa (selettiva), intratecale e interstiziale. Una condizione obbligatoria per il corso di chemioterapia è il test preliminare del tumore per la sensibilità ai farmaci utilizzati. I più chemiosensibili sono tali tumori cerebrali come i gliomi maligni, linfomi primari del sistema nervoso centrale e infiltrazioni tumorali delle membrane cerebrali.

Come trattamento promettente di tumori cerebrali è attualmente considerata ormone (per ridurre l'edema cerebrale e la terapia ormonale sostitutiva), immunoterapia (specifici e non specifici, combinato, la somministrazione di anticorpi monoclonali, l'uso di vaccini tumorali, etc.), la terapia genica.

Il trattamento dei tumori cerebrali metastatici ha le sue peculiarità, in presenza di una singola focalizzazione metastatica, localizzata lateralmente nella sua rimozione chirurgica e nella prescrizione di un corso di radioterapia. Con la posizione mediana di un singolo focus, sono indicati l'uso di un trattamento radiochirurgico e la nomina di un corso di radioterapia.

In presenza di diversi focolai, tra cui viene assegnato un focus di grandi dimensioni, che fornisce una chiara sintomatologia clinica e si trova lateralmente, viene rimosso e viene prescritto un corso di radioterapia. In presenza di tre o più focolai, sono indicati l'uso di un metodo radiochirurgico di trattamento e l'appuntamento di un corso di radioterapia per l'intera regione della testa. Nella posizione laterale dei fuochi, la rimozione chirurgica è possibile in questo caso. In presenza di un gran numero di focolai, è indicato l'appuntamento di un corso di radioterapia.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.