^
A
A
A

I bendaggi "pensanti" controlleranno essi stessi il processo di guarigione della ferita

 
, Editor medico
Ultima recensione: 31.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

25 April 2017, 09:00

Un nuovo tipo di materiale per la medicazione apparirà presto nelle cliniche del Regno Unito, che sarà dotato di una capacità unica di monitorare il modo in cui la superficie della ferita guarisce.

Gli scienziati che rappresentano la Welsh University di Swansea si sono impegnati a sviluppare una medicazione "pensante" che svolgerà non solo una funzione fissativa e antisettica, ma assumerà anche alcune delle funzioni del medico. Questo è segnalato dalla nota agenzia di stampa BBC.

Il bendaggio "pensante" valuterà periodicamente le dinamiche di guarigione dei tessuti danneggiati e informerà il medico su di esso, inviandogli una sorta di "rapporto".

La fonte riferisce che i primi esperimenti che utilizzano tali materiali unici saranno condotti già quest'anno. L'uso di alta tecnologia consentirà alle bende di essere dotate di inserti per sensori microscopici, che monitoreranno il processo di guarigione. I sensori registreranno la qualità della coagulazione del sangue del paziente, possibile infezione e valutare le condizioni generali del paziente. Le informazioni provenienti dai sensori del sensore saranno trasmesse al medico curante tramite la rete 5G (l'ultima generazione del sistema di comunicazione mobile wireless). Si presume che i materiali verranno inizialmente stampati utilizzando una stampante 3D.

L'introduzione in servizio di una medicazione univoco aiutare gli operatori sanitari più strettamente osservare il processo di rigenerazione tissutale, in particolare nei casi con ferite hardhealed complessi e lento processo - ad esempio, il diabete o ustioni estese. Grazie a tali bendaggi, il medico sarà in grado di rispondere prontamente e adeguatamente a qualsiasi alterazione patologica della ferita, nonché di prescrivere meglio il trattamento. Non è un segreto che il ripristino dei tessuti corporei in diversi pazienti possa procedere in modi diversi, pertanto, il trattamento può anche differire fondamentalmente. "Duman" sarà l'occasione per fare bendaggio vestire solo quando è realmente necessario, con un coinvolgimento minimo nel processo del medico curante.

Molti scienziati ritengono che questa innovazione sia eccessivamente ambiziosa, poiché lo sviluppo e l'implementazione di un nuovo metodo tecnologico possono richiedere almeno diversi anni - ma non dodici mesi, dichiarati dagli sviluppatori. È molto difficile pensare e implementare un piano del genere. Innanzitutto, in Galles, è necessario completare il lavoro per testare la copertura del 5G. In secondo luogo, gli esperti che lavorano nel campo delle nanotecnologie dovrebbero eseguire lo sviluppo e il test degli inserti dei sensori che verranno montati nella medicazione. Secondo alcuni scienziati, sarebbe molto più facile sviluppare un materiale con una reazione di colore ai processi della ferita, o bende basate su speciali polimeri che rimuovono l'umidità in eccesso dalla ferita.

Tuttavia, per l'attuazione del progetto, le autorità britanniche hanno già stanziato più di un miliardo di sterline.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.