^
A
A
A

I suoni forti compromettono l'udito: come evitarlo?

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

26 February 2020, 09:12

Secondo le statistiche mondiali, centinaia di milioni di pazienti soffrono attualmente di vari disturbi uditivi . Alcune persone hanno problemi di udito congeniti, mentre altri l'hanno persa a causa di un'esposizione frequente o prolungata ai suoni riprodotti ad alto volume. Ciò include l'ascolto ad alta voce della musica in cuffia. I biologi americani si sono posti il compito di aiutare tali pazienti. Di conseguenza, hanno sviluppato un tipo di medicina che crea protezione per gli organi dell'udito.

Come spiegano gli scienziati, specifiche strutture dell'orecchio peloso situate all'interno dell'organo dell'udito catturano vibrazioni sonore e in questo momento producono glutammato, una sostanza chimica che aiuta a trasmettere impulsi sonori al cervello.

Cosa porta all'udito? Sotto l'influenza del rumore in eccesso, la produzione di glutammato è notevolmente aumentata nelle persone. Di conseguenza, la funzione delle strutture dei capelli viene bruscamente interrotta, il che diventa il punto di partenza nella riduzione della funzione uditiva.

Inoltre, è stato scoperto sperimentalmente: alcune cellule coinvolte nel trasporto di impulsi sonori nel cervello sono prive della sostanza proteica GluA2. Si scopre che queste cellule aiutano gli ioni calcio a penetrare nella regione dell'orecchio interno e provocare disturbi in esso. Dopo aver seguito questo processo, gli esperti hanno lavorato alla creazione di una sostanza in grado di bloccare i recettori che non hanno la proteina GluA2. Presumibilmente, questa sostanza avrebbe dovuto aiutare a mantenere l'udito.

Il passo successivo è stato condurre test di laboratorio sui roditori. Il risultato del test è stato il seguente: il nuovo strumento ha davvero protetto l'orecchio interno dagli effetti dannosi degli ioni calcio. Allo stesso tempo, le cellule contenenti la proteina GluA2 hanno continuato a trasmettere con successo vibrazioni sonore al cervello. Si scopre che la sostanza creata è in grado di proteggere l'udito delle persone anche sotto l'influenza di suoni forti, senza il rischio del suo deterioramento.

È vero, prima della produzione in serie di un tale medicinale e della sua introduzione in vendita, dovrebbero essere eseguite molte altre fasi di lavoro. Il primo passo dovrebbe essere un test pratico che coinvolga persone reali, poiché i primi esperimenti sono stati condotti su roditori. Il secondo stadio è il miglioramento di un nuovo farmaco. Nel corso della ricerca, è stato introdotto chirurgicamente nell'orecchio interno, il che è completamente scomodo e non adatto alla pratica clinica. Pertanto, gli scienziati devono pensare alla creazione di un farmaco sotto forma di gocce auricolari. Quanto tempo passerà dal momento in cui il farmaco viene creato alla possibilità del suo uso pratico è sconosciuto. Molto probabilmente, gli scienziati avranno bisogno di diversi anni. Nel frattempo, dovresti proteggere le tue orecchie con mezzi più convenienti - ad esempio, evitare un rumore eccessivo e, se necessario, utilizzare speciali "tappi per le orecchie".

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.