^
A
A
A

Il danno di plastica è presente anche nell'aria

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

02 August 2019, 09:00

Gli scienziati ambientali hanno espresso la spiacevole notizia: le microparticelle di plastica possono diffondersi nell'aria per centinaia di chilometri.

È noto da tempo che la plastica ostruisce enormemente l'oceano. Gli ambientalisti hanno cercato di affrontare questo problema per molti anni, ma finora senza molto successo, perché le particelle di plastica sono presenti anche in profondità. Secondo le previsioni, presto ci sarà più plastica nell'acqua rispetto agli abitanti marini. La superficie terrestre non è meno ostruita - per esserne sicuri, guardati intorno. Ma si è scoperto che nell'aria che respiriamo sono presenti anche particelle di plastica.

Gli specialisti che rappresentano il Centro nazionale francese per la ricerca scientifica, l'Università di Orleans e diversi altri centri scientifici francesi e britannici, hanno usato attrezzature speciali per raccogliere tutto ciò che è stato portato dai venti in una stazione meteorologica tra le montagne dei Pirenei. I test sono stati condotti ogni mese, da novembre 2017 a marzo 2018 incluso. Secondo dati medi, sono state trovate circa 365 microparticelle di plastica al giorno su un metro quadrato - una quantità simile può essere determinata per le strade di Parigi o di altre grandi città. Tuttavia, c'era una differenza, e consisteva nella dimensione e composizione delle microparticelle.

Precedenti studi hanno già dimostrato che nell'aria di grandi insediamenti, una particella di plastica assomiglia al più piccolo polietilene tereftalato o fibra di polipropilene con una lunghezza di oltre 100 micrometri: l'origine di tali fibre può essere spiegata dalla presenza di un gran numero di prodotti e componenti tessili nelle strade. Quanto a quelle microparticelle che si trovavano nelle montagne dei Pirenei, avevano una lunghezza non superiore a 25 micrometri e la loro struttura era in polistirene o polietilene: quindi, venivano “strappate” da qualsiasi contenitore o confezione di plastica. Finora, gli scienziati non sono stati in grado di determinare la fonte esatta di particelle di plastica. Ma gli esperti hanno ricevuto tutte le informazioni necessarie sulla direzione e l'intensità del flusso del vento, che sono state registrate durante lo studio. Ciò ha permesso agli ecologisti di trarre le conclusioni appropriate: risulta che le microparticelle hanno percorso una distanza di almeno 95 chilometri prima di colpire la stazione meteorologica. Gli scienziati sono rimasti sorpresi, perché non c'erano insediamenti e città a questa distanza dalla stazione meteorologica. Pertanto, si è concluso che la plastica molto probabilmente copriva una distanza molto maggiore di quanto si pensasse inizialmente.

Pertanto, l'inquinamento del nostro pianeta passa al prossimo livello pericoloso, perché la plastica è già presente anche dove non può e non deve apparire. Ora, gli scienziati devono valutare il danno di tali microparticelle agli animali e agli esseri umani, nonché l'effetto della loro presenza nell'aria sui processi di riscaldamento globale.

Un articolo su questo materiale è stato pubblicato su Nature Geoscience. Link alle notizie:www.sciencenews.org/article/tiny-microplastics-travel-far-wind

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.