^
A
A
A

La cottura industriale può essere pericolosa

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

14 August 2019, 09:00

La cottura nei negozi può aumentare il rischio di sviluppare il diabete - e questo non è dovuto allo zucchero, ma a un altro componente poco noto nella composizione. Stiamo parlando di propionato - una sostanza che impedisce la comparsa di muffe negli alimenti. Gli studi hanno dimostrato che il propionato "interviene" durante i processi metabolici e riduce la sensibilità cellulare all'insulina.

Lo studio è stato condotto da Harvard e Haim Sheba Medical Center.

Che cos'è il propionato? Questo è un sale o estere di acido propionico, che viene inserito nell'impasto o nel formaggio, e in qualsiasi prodotto, per prevenire la formazione di muffe.

In generale, il propionato è considerato una sostanza non pericolosa. Normalmente è anche secreto dai batteri intestinali umani, poiché aiuta a elaborare la fibra vegetale. Ma quanto sono utili i propionato se sono stati consegnati artificialmente al corpo?

Gli scienziati hanno iniziato le loro ricerche offrendo questa sostanza ai roditori. Dopo l'uso del propionato in normali quantità dietetiche negli animali, la sostanza ormonale glucagone è aumentata nel sangue, stimolando il rilascio di glucosio nel flusso sanguigno nel fegato, così come l'ormone noradrenalina, che controlla la pressione sanguigna, aumenta i livelli di zucchero e regola le proteine, un partecipante diretto al metabolismo degli acidi grassi. Di conseguenza, il livello di zucchero nel sangue dei roditori è aumentato rapidamente e, dopo 5 mesi, gli animali sono diventati molto robusti e hanno persino avuto la tendenza a sviluppare il diabete di tipo II .

Quindi gli scienziati hanno continuato il loro esperimento sull'uomo, invitando volontari - 14 persone senza deviazioni di salute, con peso normale e glicemia normale. I volontari sono stati suddivisi condizionatamente in due gruppi: il primo gruppo ha dovuto mangiare circa 1 g di propionato con cibo (questo è approssimativamente la quantità che una persona media mangia con cibo industriale), e l'altro gruppo è stato offerto cibo "pulito". 4 ore dopo aver mangiato, sono stati prelevati campioni di sangue dai soggetti.

Dopo una settimana di esperimento, i gruppi sono stati invertiti e hanno nuovamente osservato i cambiamenti negli esami del sangue.

In generale, i risultati dello studio erano quasi gli stessi di quando si testavano i roditori. I livelli di glucosio nel sangue sono aumentati sotto l'influenza del propionato, ma si sono stabilizzati molto più lentamente. Inoltre, l'additivo ha influenzato l'aumento del contenuto di insulina, che ha indicato un deterioramento dell'assorbimento dello zucchero da parte dei tessuti.

Oltre all'esperimento, gli esperti hanno esaminato le cartelle cliniche di oltre 150 pazienti che hanno preso parte a un altro progetto sulla perdita di peso. Si è riscontrato che in coloro che avevano una ridotta sensibilità all'insulina, il contenuto di propionato nel sangue era più elevato.

È possibile che la sostanza in esame aumenti effettivamente il rischio di sviluppare il diabete di tipo II ed è meglio rifiutare i prodotti con il suo contenuto. Ma va notato che finora stiamo parlando di risultati preliminari e altri esperimenti su questo tema sono in corso. Pertanto, è troppo presto per trarre conclusioni definitive.

Fonte: stm.sciencemag.org/content/11/489/eaav0120

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.