^
A
A
A

La microflora intestinale migliora la funzione cerebrale

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.10.2021
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

01 October 2021, 08:55

È noto da tempo che la microflora intestinale influenza non solo i processi digestivi e metabolici, ma anche molte altre funzioni del corpo, compresa l'attività cerebrale. Gli scienziati hanno già dimostrato che i batteri intestinali influenzano direttamente la qualità del sonno, aiutano lo sviluppo di nuove cellule nervose e persino migliorano il decorso dell'autismo nei bambini . Nel loro nuovo studio, gli esperti hanno studiato la possibilità di ringiovanire le strutture cerebrali utilizzando la flora batterica.

I roditori hanno preso parte agli esperimenti. Per due mesi, gli scienziati hanno utilizzato un tubo per alimenti per trasportare le feci di giovani roditori nell'intestino di individui anziani. Pertanto, la microflora "giovane", in proporzioni appropriate, è entrata nell'intestino dei "vecchi" topi, a seguito della quale il comportamento di quest'ultimo è cambiato radicalmente. Ad esempio, hanno iniziato a navigare meglio nel labirinto, la loro memoria e i processi di pensiero sono migliorati. Quando i ricercatori hanno iniziato a studiare l'ippocampo - uno dei principali centri di memoria del cervello - si è scoperto che è chiaramente ringiovanito, ea livello dei componenti cellulari e molecolari. Per tua informazione, l'ippocampo è responsabile dei meccanismi di formazione delle emozioni, dei processi di transizione dalla memoria a breve termine alla memoria a lungo termine, nonché della memoria spaziale necessaria per l'orientamento nello spazio.

Tuttavia, va tenuto presente che la microflora "giovane" è stata lanciata sui batteri abituali dei roditori. Questo fatto probabilmente ha influenzato il fatto che alcune delle caratteristiche dei "vecchi" sono rimaste invariate, ad esempio il grado di socievolezza dei topi durante e dopo l'esperimento non è cambiato.

La microflora del tratto digestivo produce molti tipi di sostanze che influenzano direttamente o indirettamente il lavoro di quasi tutti gli organi e sistemi del corpo. Tuttavia, i microbi stessi cambiano la loro composizione e proprietà sotto l'influenza di vari impulsi molecolari. Con l'invecchiamento del corpo, la qualità della microflora cambia, il rapporto batterico viene ridistribuito. È del tutto possibile che un cambiamento radicale nel microbioma con l'infusione di microrganismi "giovani" contribuirà al ringiovanimento non solo delle strutture cerebrali, ma anche di altri organi. Allo stesso tempo, gli scienziati ammettono che alcuni batteri specifici, e non la microflora in generale, possono avere un effetto ringiovanente, quindi in futuro dovrebbero essere condotte ricerche più dettagliate. Se questa ipotesi è confermata, per migliorare il funzionamento del cervello sarà sufficiente ingerire solo la necessaria preparazione batterica pura. È anche possibile che gli specialisti siano in grado di identificare direttamente la molecola che influenza i processi di ringiovanimento, la stessa prodotta dall'uno o dall'altro rappresentante della flora batterica.

Lo studio è stato condotto da personale universitario presso l'Università di Cork. Hanno parlato dei loro successi nelle pagine della rivista Nature Aging. Potete leggere l'articolo al link

Translation Disclaimer: The original language of this article is Russian. For the convenience of users of the iLive portal who do not speak Russian, this article has been translated into the current language, but has not yet been verified by a native speaker who has the necessary qualifications for this. In this regard, we warn you that the translation of this article may be incorrect, may contain lexical, syntactic and grammatical errors.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.