^
A
A
A

Le rane sono in grado di curare l'influenza

 
, Editor medico
Ultima recensione: 30.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

27 April 2017, 09:00

Esperti scientifici indiani hanno scoperto che una certa specie di rane - cioè Hydrophylax bahuvistara - è in grado di secernere sostanze che sono distruttive per un enorme numero di tutti i tipi di ceppi influenzali. Questa informazione è stata rilasciata dall'agenzia di stampa BBC.

Gli scienziati hanno analizzato attentamente varie molecole proteiche che sono state isolate dalle secrezioni mucose di anfibi che vivono nelle regioni meridionali dell'India. Secrezioni mucose sono state prodotte da rane dopo che a loro è stato applicato uno shock elettrico di impatto moderato. I ricercatori sono rimasti sorpresi quando hanno appreso che tra più di tre dozzine di composti peptidici, quattro di loro avevano chiaramente le capacità antivirali espresse. Tuttavia, solo uno di loro era assolutamente innocuo: è l'urumin. L'urumin ha dimostrato completa sicurezza per il corpo umano: non ha danneggiato i globuli rossi e contemporaneamente ha avuto un effetto disastroso sui virus dell'influenza.

Secondo l'esperto Josh Jacob - e questo è uno dei leader dello studio - al fine di rilevare un possibile farmaco, è necessario testare da centinaia di migliaia a milioni di tutti i tipi di composti. Pertanto, lo scienziato fu molto sorpreso quando un animale rivelò simultaneamente quattro potenziali sostanze terapeutiche.

L'azione di ubimina è il blocco dell'emoagglutinina (H 1 ), localizzata nello strato superficiale delle cellule virali. L'emmaglutinina aiuta le particelle a connettersi con le cellule ospiti e anche a farle entrare.

Il farmaco ricevuto dagli scienziati è già stato testato su roditori sperimentali. Dopo l'introduzione del farmaco sulla base dell'urina nei topi, il tasso di sopravvivenza dei roditori si è dimostrato del 100% con l'iniezione della dose letale del virus dell'influenza H 1. Questo virus è stato la fonte di incidenza di influenza influenzale nel 2009.

Attualmente, gli esperti stanno esplorando la possibilità di fabbricare medicinali basati sulla sostanza che hanno trovato. Devono anche scoprire se i composti peptidici, ottenuti da secrezioni mucose di rane, sono in grado di inibire lo sviluppo di altri virus, ad esempio l' agente eziologico della febbre Zik.

Al momento ci sono molti virus influenzali. Tali virus possono infettare sia le persone che gli artiodattili, il pollame, le foche, i delfini, ecc. Molto spesso, virus per ogni specie. Tuttavia, tendono a cambiare, evolvere, incrociarsi tra loro. Pertanto, possono esserci casi di comparsa di un virus in grado di influenzare contemporaneamente diverse specie di animali. Questi virus includono gli agenti noti recentemente di influenza "aviaria" e "suina".

Poiché i virus cambiano continuamente, è molto importante che una persona abbia un farmaco antivirale universale che potrebbe aiutare a risolvere il problema con epidemie ricorrenti e pandemie influenzali. Ma ora la gente comune può solo aspettare nuove scoperte dagli scienziati, e anche sperare in una riduzione del potenziale dannoso dei virus.

trusted-source[1], [2]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.