^
A
A
A

L'inverno attuale inizia lo sviluppo di una nuova era glaciale

 
, Editor medico
Ultima recensione: 30.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

09 February 2017, 09:00

Scienziati dal Regno Unito sono fiduciosi che questo inverno inizi la formazione della prossima piccola era glaciale.

Negli ultimi anni, gli inverni sono diventati più caldi, il che ha dato molti motivi di preoccupazione per la minaccia del riscaldamento globale. Tuttavia, gli esperti scientifici della British University of Northumbria sono fiduciosi che l'inverno inaspettatamente freddo del 2017 non sia un fenomeno meteorologico casuale, ma un fatto abbastanza naturale, e le persone devono prepararsi per l'inizio di una nuova piccola era glaciale.

Secondo gli scienziati, il raffreddamento inizierà esattamente dal 2017 e aumenterà gradualmente, di anno in anno, raggiungendo il suo picco meno la temperatura entro il 2030. Gli specialisti associano questa informazione alla lenta diminuzione dell'attività del Sole, che per i prossimi tredici anni diminuirà di circa il 60% dell'attuale attività.

"La colpa" nella diminuzione dei punti di attività solare trovati sul sole. Questi punti, alla loro massima concentrazione, hanno in precedenza portato ad un aumento degli indici di temperatura sul nostro pianeta. Al momento sulla superficie del Sole, gli scienziati osservano un numero insolitamente piccolo di tali punti: questa è la più piccola concentrazione del secolo scorso.

Gli esperti scientifici britannici sono unanimi nel loro parere: l'attività della lanterna del sole gioca il ruolo principale nel plasmare la situazione climatica sulla Terra. Tutti gli altri fattori hanno un'importanza secondaria e non sono in grado di influire in modo significativo sulla barra degli indicatori di temperatura annuali medi sul nostro pianeta.

Gli scienziati del Regno Unito ammettono che la loro ipotesi non è del tutto innovativa: già nel 2015, esperti della Russia hanno sottolineato che l'aumento della temperatura atmosferica sulla Terra può essere temporaneo. Arrivarono a questa conclusione dopo un'indagine approfondita delle masse di terra sul lago Chukchi Elgygytgyn, che si formò almeno 3,5 milioni di anni fa dopo che il meteorite cadde su questo luogo.

Per informazione: l'ultimo piccolo periodo glaciale fu registrato sulla Terra nel periodo dal 1645 al 1715. Tali fenomeni vengono ripetuti ciclicamente ogni 300-400 anni. Non si deve confondere la solita glaciazione con un breve periodo: l'umanità sicuramente sopravviverà, ma è necessario essere pronti per un lento calo di temperatura. Che minaccia?

Durante l'ultimo piccolo periodo glaciale, è stata registrata una bassa resa record, la popolazione letteralmente affamata. Il numero di nevicate è aumentato, anche nei paesi in cui non è stata osservata neve a priori. Acqua gelata nel Bosforo e nel Mare Adriatico - questo fenomeno è considerato un cataclisma climatico.

Tuttavia, insieme a tali previsioni, è anche impossibile dimenticare completamente il riscaldamento globale : l'attività umana negli ultimi secoli ha fatto i suoi cambiamenti nella composizione dell'atmosfera e, in particolare, nella percentuale di gas serra. Pertanto, i processi naturali naturali in congiunzione con il "contributo" di una persona possono portare a conseguenze imprevedibili per il pianeta, che, naturalmente, gli scienziati prenderanno in considerazione nei loro studi successivi.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.