^
A
A
A

Per normalizzare la pressione, è possibile utilizzare la retroilluminazione blu.

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

11 February 2020, 17:18

Come hanno scoperto gli scienziati, la luce blu è in grado di stabilizzare la pressione alta: non è necessario assumere alcun farmaco. Il rischio di effetti collaterali con questo tipo di trattamento è praticamente zero.

Gli specialisti della Gran Bretagna e della Germania hanno condotto un lavoro congiunto, durante il quale hanno scoperto un nuovo metodo di trattamento dell'ipertensione: sicuro e conveniente. Questo metodo può essere un'ottima alternativa a molti farmaci.

L'ipertensione, o ipertensione , è uno dei problemi medici più urgenti, specialmente nei paesi economicamente sviluppati. Secondo le statistiche fornite dall'American Center for Disease Control and Prevention, gli effetti negativi della pressione alta ogni giorno portano alla morte di circa 1000 residenti nel paese. L'ipertensione diventa spesso il "colpevole" di infarti, ictus, insufficienza renale, demenza senile, ecc.

Oggi, i principali medicinali prescritti per l'ipertensione sono diuretici, bloccanti dei canali del calcio e farmaci che inibiscono l'enzima di conversione dell'angiotensina. L'uso di vari farmaci può prevenire molte complicazioni, prevenire la morte del paziente, ma c'è un inconveniente: assolutamente tutti questi farmaci hanno molti effetti collaterali. Inoltre, si deve tener conto del fatto che la maggior parte dei pazienti è costretta a prendere tali medicinali quasi fino alla fine della propria vita.

C'è una soluzione a questo problema? Gli scienziati che rappresentano l'Università tedesca di Heine e l'Università britannica del Surrey hanno introdotto un nuovo metodo non convenzionale per stabilizzare la pressione. Attraverso la ricerca, è stato scoperto che la radiazione solare ha un effetto pronunciato sulle persone che soffrono di ipertensione. Pertanto, gli indicatori della pressione arteriosa estiva sono generalmente più stabili e l'abbondanza di giorni di sole influisce sulla riduzione della mortalità per ipertensione.

Molte persone sanno che gli effetti dannosi dell'ultravioletto sulla pelle, portando ad un invecchiamento cellulare accelerato. È stato a lungo dimostrato che la luce solare diretta può provocare lo sviluppo di tumori, in particolare il melanoma .

Tuttavia, non bisogna dimenticare che la luce solare dà uno slancio al lancio di processi chimici vitali, in particolare la sintesi biologica della vitamina D. Inoltre, i raggi influenzano la regolazione del tono vascolare. Naturalmente, gli scienziati non avrebbero usato radiazioni potenzialmente cancerogene per il trattamento. Tuttavia, hanno seriamente pensato all'alternativa.

La soluzione ideale è stata presto trovata: l'effetto terapeutico è stato esercitato dai raggi blu visibili con una lunghezza d'onda compresa tra 420 e 453 nm. Tale radiazione è in grado di attivare la sintesi biologica dell'ossido nitrico, senza disturbare le strutture cellulari, senza mostrare proprietà mutagene o cancerogene.

Gli studi hanno dimostrato che in appena mezz'ora l'esposizione alla retroilluminazione blu può abbassare la pressione sistolica di circa 8 mm RT. Art. Inoltre, questa riduzione è morbida e sicura.

Naturalmente, non vale ancora la pena rifiutare le pillole, perché ci sono stati presentati solo i risultati preliminari dei test. Ma c'è ancora speranza che presto il problema dell'ipertensione sarà risolto. [1]

I dettagli sono descritti nell'European Journal of Preventive Cardiology .

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.