^
A
A
A

Qual è il pericolo di assumere antibiotici all'inizio della gravidanza?

 
, Editor medico
Ultima recensione: 17.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

09 May 2017, 09:00

Scienziati canadesi hanno esaminato circa 200.000 donne incinte che, a causa delle circostanze, dovevano essere trattate con antibiotici: macrolidi, tetracicline, fluorochinoloni, preparati sulfanilamide e metronidazolo.

Ad oggi, i medici di tutto il mondo soffrono di una mancanza di informazioni sull'uso di antibiotici nelle diverse fasi della gravidanza : ci sono pochi dati sull'uso di farmaci antibatterici e gli studi clinici su questo sono rari. Il fatto è che la maggior parte dei medici evita di fare esperimenti sulle donne durante la gravidanza - e questo è assolutamente logico. Dopo tutto, nessuno può essere sicuro che l'assunzione di antibiotici non influenzi il corso di un processo fisiologico così importante.

Scienziati canadesi dell'Università di Montreal hanno confermato: gli antibiotici possono effettivamente rappresentare un pericolo considerevole, specialmente nel primo trimestre di gestazione.

L'esperimento si è basato sulle informazioni fornite dall'organizzazione di Pregnant Quebec (QPC), raccolte dal 1998 al 2009. Pertanto, il gruppo di studio era composto da quasi 9.000 donne che avevano subito un aborto spontaneo. Inoltre c'erano donne che hanno avuto una gravidanza senza eccessi (quasi 90 mila). In generale, gli scienziati hanno analizzato quasi duecentomila gravidanze.

Alla fine dello studio, gli scienziati sono stati in grado di scoprire che l' aborto spontaneo si verifica soprattutto nelle donne che sono nel primo trimestre sono stati costretti a ricevere un trattamento con antibiotici - i farmaci particolarmente macrolidi, tetracicline e chinoloni, farmaci sulfanilamide e metronidalozom. È da notare che dopo il trattamento con azitromicina e metronidazolo aumentato rischio di aborto spontaneo di circa 70%, e dopo il trattamento norfloxacina aborti spontanei avvenuti circa cinque volte più frequentemente.

"Tali indicatori dovrebbero indurre i medici a pensare che gli antibiotici non dovrebbero essere prescritti senza prima analizzare le possibili conseguenze dalla loro somministrazione", ha affermato il professor Jason Newland dell'American Society of Infectious Diseases (IDSA).

Tuttavia, come dimostrato dallo studio, non tutti i farmaci antibatterici sono così pericolosi per le donne in gravidanza. Fortunatamente, gli scienziati non hanno trovato la relazione tra aborto spontaneo in una fase precoce del trattamento dell'eritromicina e della nitrofurantoina. Inoltre, gli esperti hanno confermato il fatto che gli antibiotici cefalosporinici e i preparati a base di penicillina possiedono una relativa sicurezza.

"Le conclusioni fatte sulla base dei nostri esperimenti si riveleranno utili nella pratica clinica. È molto importante che le raccomandazioni sulle prescrizioni terapeutiche per le malattie infettive nelle pazienti gravide siano riviste ", dicono i ricercatori. Inoltre, va notato che un gran numero di partecipanti all'esperimento, così come dati verificati sulla terapia antibiotica e fatti di interruzione spontanea del processo di gestazione non consentono di mettere in discussione i risultati dello studio.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.