^

Prendere il sole: buono, cattivo

, Editor medico
Ultima recensione: 12.04.2020
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'estate è in pieno svolgimento, quindi la domanda di ottenere l'abbronzatura perfetta è molto importante. Considera le principali raccomandazioni e controindicazioni per prendere il sole.

Dopo lunghi mesi di freddo, il corpo ha bisogno di luce solare e, naturalmente, di vitamina D. Ma prima di immergersi nei bagni solari con la testa, è necessario prepararsi adeguatamente. Di per sé, la solarizzazione è una reazione protettiva del corpo alle radiazioni ultraviolette. Di fronte a questo, la pelle getta tutte le sue forze per creare una barriera efficace. L'epidermide contiene cellule di melanociti speciali che producono un pigmento scuro - la melanina, che protegge i tessuti dalla combustione. Cioè, un'abbronzatura in bronzo è la reazione della melanina al danno della pelle da parte dei raggi del sole.

Per comprendere il processo di ignizione, consideriamo i principali tipi di radiazione solare:

  • La luce solare è lo spettro visibile.
  • Ultravioletto (UV) - responsabile dell'effetto fotochimico, dà un bel colore della pelle.
  • Infrarossi - provoca un effetto termico.

Le radiazioni UV rappresentano circa il 5% di tutte le radiazioni, che ha una marcata attività biologica. È diviso in tre spettri, ognuno dei quali ha una certa lunghezza di raggi e i suoi effetti specifici sul corpo umano:

  1. Lo spettro C è una radiazione a onda corta dura con una lunghezza d'onda di 100-280 nm. I raggi rimangono nello strato di ozono, cioè praticamente non raggiungono la superficie della Terra. Avere un effetto distruttivo su tutti gli esseri viventi
  2. Lo spettro B è l'onda media 280-320 nm. È circa il 20% degli UV che colpisce la superficie della Terra. Ha proprietà mutagene, influenza il DNA cellulare, provoca disturbi nella sua struttura. Penetra non solo nell'epidermide, ma viene anche assorbito dalla cornea. Provoca gravi ustioni alla pelle e agli occhi.
  3. Lo spettro A è una radiazione morbida a onda lunga di 315-400 nm. È l'80% del totale dei raggi UV. Ha mille volte meno energia dello spettro B. Penetra nella pelle, raggiunge il tessuto sottocutaneo, colpisce i vasi e le fibre del tessuto connettivo. Promuove lo sviluppo di sostanze biologicamente attive nel corpo.

Il sole è una potente fonte di vitamina D3. Per ottenere la sua dose giornaliera, ci vogliono 10-15 minuti per prendere il sole. La vitamina è coinvolta nel metabolismo del calcio, aiuta a rafforzare i denti, le ossa, i capelli e le unghie. Il riposo estivo accelera la formazione del sangue e aumenta le proprietà protettive del sistema immunitario.

La pelle è una barriera affidabile, proteggendo da molti fattori ambientali dannosi. Ma le possibilità dei suoi meccanismi protettivi non sono illimitate. Se l'azione del fattore dannoso è intensa o troppo lunga, può causare danni all'epidermide e al corpo nel suo insieme.

È utile o dannoso prendere il sole al sole?

Con l'inizio dell'estate, molte persone si chiedono se sia benefico o dannoso prendere il sole al sole. Prima di tutto, si dovrebbe sapere che il corpo celeste è un medico naturale, quindi non è solo utile, ma anche necessario per il corpo umano.

Consideriamo le proprietà di base dei bagni solari:

  • L'azione dell'ultravioletto attiva la sintesi della vitamina D, necessaria per l'assorbimento di calcio e fosforo. Rafforza i muscoli e le ossa, promuove la guarigione delle ferite, sostiene la prevenzione del rachitismo nei bambini e l'osteoporosi negli adulti.
  • Attiva e stimola i processi metabolici, la circolazione e la respirazione. Migliora il sistema endocrino e accelera il metabolismo.
  • Aiuta a liberarsi di vari problemi dermatologici: psoriasi, acne, eczema, funghi. A causa dell'effetto nocivo sui microrganismi patogeni, l'UV viene utilizzato nel trattamento della tubercolosi della pelle.
  • Promuovono l'indurimento del corpo, rafforzano le sue difese e aumentano la resistenza a varie infezioni.
  • Attiva la produzione dell'ormone serotonina, che aiuta a far fronte allo stress cronico, alla depressione e alla ridotta capacità lavorativa.

Ma, nonostante le proprietà utili sopra menzionate, il prendere il sole naturale ha certe controindicazioni e regole. La loro osservanza ti consente di rendere le tue vacanze estive più utili e sicure possibili.

A che ora non puoi prendere il sole al sole?

Un aspetto importante delle vacanze estive sicure è il momento giusto per prendere il sole. Considera quando non puoi prendere il sole al sole e altri aspetti di questa procedura.

  • Il sole è una fonte di energia radioattiva. Il picco della sua attività è dalle 11:00 alle 16:00. Cioè, è strettamente raccomandato di non uscire durante il giorno. Durante questo periodo c'è un alto rischio di ustioni, specialmente per quelli con la pelle sensibile alla luce.
  • Prendere il sole è meglio dalle 8:00 alle 11:00. Dopo le 16:00 puoi tranquillamente riposare sulla spiaggia, perché è in questo intervallo di tempo che puoi ottenere una pelle uniforme.
  • Ottenere scottature dovrebbe essere graduale, cioè, trovarsi sotto i raggi cocenti tutto il giorno è controindicato. Puoi iniziare da 10 minuti e aumentare gradualmente il tempo.
  • Il tempo massimo per le continue procedure solari non deve superare le 2 ore al giorno.

La solarizzazione fa bene al corpo, ma solo se è correttamente acquistato. Le procedure solari hanno bisogno della giusta organizzazione. Poiché con eccessivo entusiasmo, sono possibili gravi conseguenze. Il più pericoloso è lo sviluppo del cancro della pelle.

trusted-source[1], [2], [3]

Perché e chi non può prendere il sole al sole?

La reazione della pelle all'effetto dannoso delle radiazioni UV è una scottatura solare. Sotto la sua influenza, il pigmento melanina inizia a essere prodotto nelle cellule, che dà ai tessuti una bella tonalità di cioccolato. Ma come ogni procedura, prendere il sole ha alcune controindicazioni. Considerare perché e chi non può prendere il sole al sole.

Controindicazioni assolute:

  • Allergia al sole (fotodermatite).
  • L'uso di farmaci con proprietà fotosensibilizzanti (sulfonamidi, tetracicline, derivati della fetotiazina).
  • L'albinismo è una malattia genetica caratterizzata dalla totale assenza di melanina nelle cellule della pelle.
  • Patologie oncologiche di qualsiasi localizzazione.
  • Mastopatia o condizione dopo la terapia del cancro al seno.
  • Ipertermia.
  • Malattie endocrine.
  • Patologie della tiroide.
  • Processi infettivi acuti.
  • Periodo protesico dopo procedure anti-invecchiamento, peeling, iniezioni di bellezza, epilazione laser.

Controindicazioni relative:

  • Bambini piccoli fino a 2-3 anni. I bambini hanno la pelle sottile e vulnerabile, che è molto sensibile alla luce solare.
  • Persone di età superiore a 60-65 anni. In genere, a questa età, molti hanno problemi di pressione sanguigna, patologie cardiovascolari e altre malattie.
  • Presenza di neoplasie benigne.
  • Gravidanza.
  • La presenza di nevi displastici di grandi dimensioni.

L'eccessiva esposizione al sole accelera il fotoinvecchiamento della pelle, provoca la distruzione delle fibre di collagene. È possibile l'iperpigmentazione dell'epidermide, cioè la formazione di aree giallo-brune e patologie benigne (lentiggini, lentigo, nevi melanocitici).

Inoltre aumenta significativamente il rischio di sviluppare melanoma, cioè danni alla pelle maligni. Secondo le statistiche mediche, il melanoma occupa il secondo posto nella prevalenza dell'oncopatologia nelle giovani donne. Per mortalità, occupa il secondo posto dopo il cancro ai polmoni. La malattia può provocare una fonte naturale di studio degli ultravioletti e un solarium. Il sole sopprime la reazione del sistema immunitario, causa l'attivazione del virus dell'herpes. Disidrata la pelle, la rende rugosa, opaca, ruvida e ruvida.

Quali malattie non possono prendere il sole al sole?

Nonostante le molte proprietà utili delle procedure solari, i benefici per prendere il sole non sono tutti. Pensa a quali malattie non puoi prendere il sole al sole:

  • Malattie maligne e condizioni precancerose.
  • Malattie oftalmiche.
  • Tubercolosi.
  • Vene varicose
  • Un gran numero di nevi, pigmenti e voglie.
  • Malattie ginecologiche (mastopatia, policistosi e altre).
  • Patologie autoimmuni.
  • Malattie infettive
  • Malattie del sistema cardiovascolare.
  • Malattie endocrine.
  • Malattie psiconevrologiche

Oltre alle patologie elencate, il riposo sulla spiaggia è controindicato dopo alcune procedure cosmetiche:

  • Peeling e pulizia della pelle dell'hardware.
  • Depilazione laser.
  • Trucco permanente
  • Rimozione di un tumore sulla pelle.
  • Impacco corpo con olii essenziali.
  • Iniezioni di Botox.

Ci sono anche controindicazioni temporanee all'abbronzatura associata alla terapia farmacologica:

  • Fotosensibilizzatori: aumentano i rischi di scottature. Puoi riposare dopo 1-6 mesi dalla fine della loro applicazione.
  • Medicinali con retinolo, tretinoina o acido retinoico. Sono usati per trattare l'acne e la rimozione delle rughe.
  • Farmaci antimicrobici e antifungini (Triclosan, clorexidina, Griseofulvin).
  • Droghe diuretiche (basate su Chlortalidone e Furosemide).
  • Cosmetici antipsoriatiche
  • Antidepressivi, tranquillanti e anticonvulsivanti.
  • Antistaminici, antiemetici e antibiotici.
  • Farmaci antidiabetici che riducono lo zucchero nel sangue.
  • Contraccettivo e altri farmaci a base di estrogeni e progesterone.

Se ci sono controindicazioni per prendere il sole, sono possibili gravi complicazioni:

  1. Scottature solari: si verificano più spesso. Sembra dovuto al fatto che le radiazioni UV bruciano lo strato superiore dell'epidermide. Si manifesta con una sensazione di tensione della pelle, arrossamento e vesciche. Nei casi particolarmente gravi, la temperatura aumenta, la pressione sanguigna diminuisce, appaiono debolezza generale e disorientamento.
  2. Sunstroke - appare a causa di una lunga permanenza nel caldo senza un copricapo. I vasi sanguigni si espandono e il sangue scorre alla testa. C'è una forte debolezza, mal di testa, pupille dilatate. Possibile sanguinamento nasale e perdita di coscienza. La temperatura aumenta, ci sono attacchi di nausea e vomito.
  3. Fotodermatosi - un'allergia al sole, che si verifica con maggiore sensibilità ai raggi UV. La condizione dolorosa si manifesta con arrossamento, infiammazione e desquamazione della pelle. C'è forte prurito e bruciore, varie eruzioni cutanee e gonfiore delle mucose.
  4. Cancro della pelle: frequenti e prolungati bagni di sole possono causare ustioni e provocare lesioni maligne. Secondo le statistiche mediche, circa il 50-80% dei tumori si verifica a causa degli effetti nocivi della radiazione ultravioletta naturale.
  5. Malattie oftalmiche: una permanenza nel caldo può causare sindrome dell'occhio secco, diminuzione della vista, annebbiamento della lente (cataratta) e infiammazione della congiuntiva.
  6. Invecchiamento fotografico: una prolungata esposizione al sole porta a danneggiare lo strato superiore della pelle. Le reazioni simili sono simili ai cambiamenti che si verificano nella vecchiaia. Appare pelle secca, alterazioni vascolari, arrossamenti, varie macchie di pigmentazione, lentiggini, rughe.

Posso prendere il sole nella psoriasi al sole?

Una malattia infiammatoria cronica che colpisce la pelle e forma placche sulla sua superficie (macchie asciutte e chiaramente definite) è la psoriasi. Questa patologia provoca non solo sensazioni dolorose, ma anche disagio cosmetico. Le eruzioni psoriasiche sono localizzate in tutto il corpo. Le placche possono verificarsi sulla testa, sulla schiena, sullo stomaco, il più delle volte colpite da superfici ulnari e pieghe del ginocchio, glutei.

Nella stagione fredda, le eruzioni cutanee possono essere coperte con vestiti, ma in estate molti pazienti hanno la domanda: è possibile prendere il sole nella psoriasi al sole? Prima di tutto, va notato che questa malattia e le radiazioni ultraviolette sono compatibili. L'estate è il periodo più favorevole per il trattamento. Le proprietà terapeutiche espresse sono le procedure solari in combinazione con l'acqua di mare, cioè il riposo sulla costa del mare.

La solarizzazione al sole fornisce una remissione duratura e duratura a causa della densificazione della pelle e dell'aumento del flusso di ossigeno nel fluido linfatico.

Proprietà utili del sole:

  • Distruzione delle placche psoriasiche e rinnovo dell'epidermide.
  • Accelerazione della rigenerazione dei tessuti danneggiati.
  • Eliminazione del prurito e desquamazione.
  • Rallentare la formazione di nuove placche e papule.

I raggi ultravioletti di tipo A e B sopprimono i processi patologici che si verificano sulla superficie dell'epidermide. Pertanto, con il loro aiuto è possibile liberarsi rapidamente non solo delle varie eruzioni cutanee, ma anche accelerare la guarigione di ferite e piaghe.

Gli scienziati hanno determinato che l'esacerbazione della malattia nella stagione fredda è associata a una carenza di vitamina D nel sangue. La sua carenza può essere ripristinata con l'aiuto di cibo o prendendo bagni di sole. L'efficacia di tale terapia è individuale per ogni caso specifico e dipende dal tipo e dal tipo di malattia.

Le regole delle procedure solari per la psoriasi:

  • La durata della prima esposizione al sole non deve superare i 10 minuti. Dopo questo, la lunghezza del riposo può essere aumentata gradualmente, portando fino a 30 minuti.
  • Prendere il sole è meglio la mattina dalle 8:00 alle 11:00 o la sera dalle 16:00 alle 20:00. L'intervallo del pranzo è il più pericoloso, dal momento che il luminare è più attivo e può portare a complicazioni della malattia.
  • Per evitare che la pelle si secchi, devono essere utilizzati speciali agenti fotoprotettivi con un fattore protettivo maggiore.
  • Dopo la combustione, le placche psoriasiche dovrebbero essere trattate con unguenti e aerosol, che contengono il componente attivo dello zinco piritione.

Nonostante l'intero beneficio e l'efficacia del trattamento della psoriasi dal sole, questa procedura ha alcune controindicazioni. Tale terapia è vietata per i pazienti la cui malattia peggiora durante l'estate, che è circa il 5% di tutti i pazienti.

Buone condizioni per il trattamento della psoriasi vengono create nelle località di Bulgaria, Slovenia e, naturalmente, Israele. Riposo e trattamento in sanatoria sul Mar Morto consente di trasferire la malattia allo stadio di remissione a lungo termine.

trusted-source[4], [5], [6], [7], [8]

Posso prendere il sole con l'epatite virale al sole?

Malattia virale che colpisce il fegato è l'epatite. La malattia può manifestarsi come asintomatica e può manifestare attacchi dolorosi acuti. In ogni caso, il paziente è in attesa di un lungo trattamento e riabilitazione, terapia dietetica e una serie di altre controindicazioni. Per questo motivo, molti pazienti pongono la domanda: è possibile prendere il sole con l'epatite virale al sole?

Se la malattia è in uno stato di remissione persistente, il riposo è possibile se si osservano le seguenti regole:

  • Puoi stare sotto la spiaggia fino alle 10:00 del mattino e dalle 17 alle 18 di sera, quando la pelle non diventa ultravioletta, ma la radiazione infrarossa, che non influisce sulla rapida moltiplicazione del virus nel corpo.
  • Per escludere la possibilità di varie complicazioni, è necessario utilizzare filtri solari con un fattore protettivo aumentato. Riducono al minimo gli effetti nocivi sulla pelle.
  • Se durante il riposo lo stato di salute è peggiorato, è necessario passare in un luogo fresco, ad esempio sotto un tetto o un ombrello. Inoltre, non dimenticare il copricapo.

Durante una esacerbazione della malattia, le procedure solari sono controindicate. Ciò è dovuto al fatto che l'ultravioletto stimola la moltiplicazione del virus.

trusted-source[9], [10], [11], [12], [13]

Posso prendere il sole sotto il sole sotto il mioma dell'utero?

La formazione benigna nei tessuti uterini (può essere localizzata nell'endometrio, sotto la membrana sierosa, nella cervice o all'interno dello strato muscolare) è mioma. Secondo le statistiche mediche, la malattia si verifica nel 30% delle donne, il più delle volte all'età di 25-35 anni. La peculiarità della patologia è rappresentata da complicanze asintomatiche e gravi. Il trattamento viene eseguito chirurgicamente, il tipo di operazione dipende dalle caratteristiche individuali del corpo del paziente.

Dopo la terapia, molti pazienti sono interessati alla domanda: è possibile prendere il sole al sole con il mioma uterino? Le procedure solari non sono controindicate, ma prima che vengano eseguite, è necessario attendere fino alla fine del periodo di riabilitazione. Tali precauzioni sono legate al fatto che il myoma ha le proprietà di ricorrenza e il surriscaldamento dell'organismo è una condizione favorevole per questo.

Nella pratica medica, ci sono spesso casi in cui la malattia si ripresenta a causa del riposo a breve termine nei paesi caldi. Per evitare tali conseguenze, riposare al sole dovrebbe essere molto attento, aderendo a tutte le regole della scottatura sicura.

trusted-source[14], [15], [16]

Posso prendere il sole per prendere un raffreddore al sole?

Ogni organismo è individuale, quindi spetta al medico responsabile decidere se è possibile prendere il sole con il freddo al sole. Rinite e solletico in gola sono sintomi del processo infiammatorio e un segno di proprietà protettive ridotte del sistema immunitario. L'effetto della luce solare nei primi giorni riduce l'immunità, il che aumenta il rischio di sviluppare varie malattie e complicanze disponibili. Pertanto, anche una cosa così fredda come il freddo a prima vista, può trasformarsi in una grave patologia.

Allo stesso tempo, molti medici ritengono che il riposo sulla costa del mare abbia un effetto curativo nei confronti del raffreddore, in particolare delle patologie respiratorie croniche. L'aria marina è satura di sostanze utili che purificano i polmoni e i bronchi dalle tossine accumulate e promuovono l'immunità locale.

Se decidi le procedure solari durante un raffreddore, allora dovresti seguire questi consigli:

  • Non permettere l'ipotermia (non entrare in acqua dopo una lunga permanenza al caldo).
  • Non bere bevande fredde, incluso acqua di mare / fiume.
  • Prendere il sole dovrebbe essere preso da 6 a 10 e dopo le quattro di sera.

Per accelerare la ripresa dovrebbe aderire ad una dieta ricca di vitamine e minerali. Utili saranno varie fisioterapie, compresa la fangoterapia.

Posso prendere il sole con la mastopatia al sole?

Una malattia benigna con proliferazione patologica del tessuto connettivo nella ghiandola mammaria è la mastopatia. Di regola, questo disturbo si verifica a causa di insufficienza ormonale. Senza un trattamento tempestivo e adeguato può causare il cancro. Il comportamento corretto al sole ha un ruolo importante, poiché i suoi raggi influenzano intensamente il tessuto mammario. Se è possibile abbronzarsi a mastite sul sole, il medico generico essente presente deve solo definire.

La luce solare ha un impatto globale sul corpo: è necessaria per l'epidermide e il metabolismo, il normale funzionamento della ghiandola tiroidea, delle ghiandole surrenali e delle ovaie. Grazie ad esso, il corpo produce vitamina D, che è necessaria per la normale crescita di ossa e legamenti. Ma, nonostante tutte le proprietà utili, in particolare l'azione pericolosa, i raggi del sole esercitano sul tessuto delicato e vulnerabile delle ghiandole mammarie.

Controindicazioni per prendere il sole con la mastopatia:

  • Malattia nella fase acuta.
  • Forma cistica di mastopatia.
  • C'è una sindrome del dolore pronunciata.
  • Nel torace ci sono noduli, densità o inclusioni tumorali.
  • Le ghiandole sono gonfie, ci sono secrezioni dai capezzoli.

Le radiazioni ultraviolette possono provocare la degenerazione di una neoplasia benigna in una cancerosa. Inoltre, con cura, dovresti passare il tempo al sole con un eccesso di peso, dopo un recente intervento al petto e durante l'assunzione di farmaci ormonali.

  • La solarizzazione non causa mastopatia, ma può causare un peggioramento. Per evitare ciò, si dovrebbero rispettare tali regole:
  • 1. Il riposo in topless è controindicato. È necessario essere in un costume da bagno, che fornisce una protezione sufficiente per le ghiandole mammarie.
  • 2. Puoi stare al caldo fino alle 11:00 del mattino e dopo le 16:00 di sera. L'abbronzatura serale è la più sicura.
  • 3. Prima di uscire, è necessario rifornire abbastanza liquidi per prevenire la disidratazione e altre spiacevoli conseguenze di un'esposizione prolungata al calore.

Una decisione finale sui benefici del sole per la mastopatia può essere data solo da un mammologo, individualmente per ciascun caso.

Posso prendere il sole con un'allergia al sole?

Varie reazioni dermatologiche e malattie della pelle causano disagio significativo, soprattutto in estate. Se è possibile prendere il sole con un'allergia al sole, determina il medico curante, individualmente per ciascun paziente. Una distribuzione speciale negli ultimi anni è stata l'allergia provocata dalle radiazioni ultraviolette. I suoi sintomi si verificano rapidamente, in alcuni secondi, e in altri pazienti dopo 1-2 ore o il secondo giorno dopo l'esposizione al sole.

Caratteristiche della reazione fototossica:

  • La fotodermatosi è evidente anche nelle persone sane dopo una prolungata esposizione alle scottature. Per impedirlo, dovresti evitare il sole dalle 11:00 alle 16:00 e proteggere la pelle con creme e lozioni speciali.
  • L'allergia al sole può essere associata all'assunzione di determinati alimenti, medicinali, erbe e altre sostanze con fotosensibilizzanti.
  • Il processo patologico è più associato ai disturbi immunitari. Nel gruppo a rischio per il suo sviluppo ci sono persone con malattie del sistema endocrino, fegato e reni.
  • Le allergie ai raggi UV sono suscettibili alle persone con un tipo di pelle leggera (primo, celtico). Praticamente non prendono il sole, ma le reazioni patologiche all'ultravioletto si verificano molto spesso.

Nella maggior parte dei casi, l'allergia si manifesta sotto forma di alveari, eczema o vescicole. Le eruzioni si verificano su mani, viso, gambe e petto. Molto spesso hanno la pelle ruvida e irregolare, che fa male e prurito. In rari casi, l'eruzione si fonde, formando croste, sanguinamento e squame.

Una vacanza estiva a tutti gli effetti è possibile solo dopo aver determinato la causa della reazione allergica e aver superato il ciclo di trattamento. Ma anche dopo la terapia, dovresti stare attento a prendere il sole e rispettare tutte le raccomandazioni mediche.

trusted-source[17], [18]

Posso prendere il sole dopo un infarto?

La sconfitta del muscolo cardiaco a causa di una violazione del suo flusso di sangue e il blocco di una delle arterie dell'organo con una placca aterosclerotica è un attacco di cuore. Il pericolo di questa malattia è che la parte interessata del muscolo muoia e sviluppi necrosi. I processi patologici iniziano 20-40 minuti dopo l'arresto del flusso sanguigno. Ci sono molti fattori che possono causare un infarto.

Secondo le statistiche mediche, è la prolungata esposizione al calore, al sole o al colpo di calore che più spesso causa danni al cuore e alla circolazione cerebrale.

Consideriamo più in dettaglio come si sviluppa l'attacco di cuore, causato da una violazione della termoregolazione, cioè un lungo riposo al caldo:

  • A poco a poco la temperatura corporea aumenta.
  • Il corpo cerca di creare un equilibrio confrontando la temperatura corporea e l'ambiente.
  • I meccanismi di adattamento sono esauriti e inizia la fase di scompenso.
  • Intossicazione generale dell'organismo, sindrome DIC, insufficienza renale e insufficienza cardiaca.
  • L'alimentazione del cervello si arresta.
  • C'è un'emorragia e gonfiore.

Molto spesso, le persone che hanno sofferto di questa malattia si stanno chiedendo se dopo un attacco di cuore può prendere il sole al sole. La possibilità di riposo estivo e di lunga permanenza in UV dipende dal livello di recupero dopo la patologia trasferita e le condizioni generali del corpo. Nella maggior parte dei casi, i medici raccomandano di ridurre al minimo le scottature, spendendo al mattino o alla sera. Inoltre, non dimenticare di proteggere la pelle e la testa dal sole, mantenendo il bilancio idrico.

trusted-source[19], [20], [21], [22]

Posso prendere il sole per la dermatite al sole?

C'è un'opinione secondo cui il sole è utile per assolutamente tutte le malattie dermatologiche. In realtà, tutto è diverso. Ad esempio, se sia possibile prendere il sole con dermatite al sole, dipende completamente dal decorso della malattia, dall'età del paziente e, naturalmente, dalle indicazioni mediche. Queste precauzioni sono associate al fatto che dopo aver preso il sole le eruzioni cutanee possono intensificarsi, formando zone umide, croste, causando forte prurito e disagio.

La dermatite, e in particolare la sua forma atopica, è caratterizzata da frequenti esacerbazioni nel periodo autunnale. Entro la stagione estiva, il processo patologico nella maggior parte dei casi si attenua e i pazienti si sentono meglio. Il miglioramento è dovuto principalmente all'azione delle radiazioni ultraviolette, che a dosaggio moderato sopprimono le eruzioni cutanee e l'infiammazione, riducono il prurito.

Non è consigliabile prendere il sole prolungato al sole con dermatiti, soprattutto per il momento di maggiore attività solare. Prendere il sole la mattina prima delle 11:00 e la sera. In questo caso, devono essere applicati sulla pelle i prodotti di protezione ipoallergenici.

trusted-source[23]

Posso prendere il sole al sole con l'HIV?

È spesso possibile sentire che una diagnosi come il virus dell'immunodeficienza umana è una controindicazione assoluta al riposo estivo. La domanda è se con l'HIV prendere il sole al sole sia individuale per ogni paziente. L'eccessiva solarizzazione è pericolosa per molte ragioni, comprese quelle non associate all'HIV. Per molte persone, prendere il sole non farà male, ma al contrario aiuterà a rilassarsi e rilassarsi. Inoltre, l'UV ha un effetto benefico sul lavoro di tutto il corpo, ha benefici per la salute.

Le regole di prendere il sole per i pazienti con HIV non sono diverse dalle raccomandazioni per le persone sane:

  • Le procedure solari vengono eseguite al meglio la mattina presto o la sera tardi. Dalle 10:00 alle 16:00 è meglio evitare un aumento dell'attività solare.
  • Sul corpo è necessario applicare una crema protettiva con un filtro ultravioletta aumentato. La procedura è meglio trascorrere 20-30 minuti prima di uscire e ripetere ogni 2-3 ore, soprattutto dopo il bagno.
  • Fornire anche protezione per gli occhi e la testa. A riposo, si raccomanda di conservare acqua potabile per prevenire la disidratazione del corpo.

In ogni caso, prima di pianificare una vacanza estiva, dovresti consultare il medico. Questo è necessario al fine di prevenire reazioni avverse o complicazioni dai farmaci che possono verificarsi durante l'esposizione al sole.

Posso prendere il sole dopo la solarizzazione?

I danni termici, chimici o alle radiazioni della pelle offrono molti inconvenienti, sia fisici che estetici. Molte persone che hanno subito tali lesioni sono interessate alla domanda: è possibile prendere il sole dopo un'ustione al sole? Sono consentite procedure solari nel caso in cui i segni di infiammazione dei tessuti siano completamente assenti. In caso contrario, le scottature (sia naturali che artificiali), la sauna, la sauna e altre procedure termiche sono controindicate.

Se il processo di guarigione ha avuto successo, i raggi del sole brevi saranno benefici per il corpo. In questo caso, non dimenticare che la pelle giovane e tenera è facilmente irritabile, quindi necessita di protezione. Prima di andare in spiaggia, dovresti trattare l'epidermide con una crema solare ad alto SPF.

Se, dopo la solarizzazione, le vecchie ustioni sono gonfie o arrossate, l'ulteriore esposizione al calore è controindicata. Il proibizionismo agisce finché il tessuto non è completamente guarito. Non sarà superfluo usare mezzi come Bepanten o Panthenol. Riducono al minimo le sensazioni dolorose e accelerano la rigenerazione dell'epidermide danneggiata.

trusted-source[24], [25], [26], [27]

Posso prendere il sole nello shchitovidke al sole?

È generalmente accettato che le malattie del sistema endocrino e il sole sono incompatibili. Ma è davvero così, è possibile prendere il sole nella ghiandola tiroidea al sole? Le persone che hanno un eccesso di ormoni tiroidei - tireotossicosi, non tollerano il caldo. Pertanto, in questo caso, prima che le procedure solari normalizzino l'equilibrio ormonale. Il trattamento è necessario e con ipotiroidismo, cioè una carenza di ormoni tiroidei. Altrimenti, le vacanze estive possono non avere successo.

La tiroide regola i processi metabolici nel corpo e mantiene la normale temperatura corporea. Se le funzioni dell'organo sono disturbate, il cambiamento climatico influirà negativamente sulla salute. Il luminare celeste non influisce direttamente sulla ghiandola, ma sotto la sua influenza, le sue cellule immunitarie possono iniziare ad attaccare il tessuto tiroideo.

Se nella ghiandola tiroide sono presenti nodi, prima del riposo estivo eseguire un'ecografia di controllo e condurre un esame del sangue per gli ormoni. Se i nodi sono grandi, allora hanno bisogno di una biopsia. Se gli ormoni sono normali e la biopsia non ha rivelato cambiamenti maligni, è consentita la solarizzazione. Tali esami dovrebbero essere eseguiti con una tiroide ingrossata e in presenza di lesioni cistiche in esso.

Controindicazioni alle procedure solari:

  • Cancro alla tiroide
  • Aumento dello sfondo ormonale.
  • Nodi con crescita rapida.

In altri casi, il riposo è possibile solo con il permesso dell'endocrinologo. È molto importante aderire a tali regole:

  1. Lunga permanenza sotto radiazioni UV dirette non ne vale la pena, è meglio riposare all'ombra, prendere il sole al mattino o alla sera.
  2. Applicare la protezione solare per aprire le aree del corpo, aggiornandolo ogni 2-3 ore. Indossare panama e occhiali da sole.
  3. Non disidratare il corpo. Bere acqua minerale con bicarbonato.

Il sole ha un effetto benefico su tutto il corpo, incluso il sistema endocrino. È utile stare sulla sabbia calda. Brevi procedure termiche influenzano bene i punti riflessi sui piedi, che sono collegati dalla zona della gola e dalla ghiandola tiroidea.

Posso prendere il sole dopo la solarizzazione?

La varicella è una malattia infettiva con un sintomo estremamente sgradevole - eruzioni cutanee acquose su tutto il corpo. Le vesciche scoppiano rapidamente, formando croste, sotto le quali cresce la pelle giovane. Sulla base di questo, la risposta alla domanda se dopo il vento rilassarsi al sole, dipende completamente da quanto tempo trascorso dopo il recupero.

  • Immediatamente dopo la malattia l'esposizione ai raggi UV è controindicata, in quanto ciò può aggravare la condizione patologica e provocare una complicazione sotto forma di pigmentazione alterata nel sito dell'eruzione.
  • Nella maggior parte dei casi, la malattia dura non più di due settimane, mentre gli adulti lo portano in forma grave, ei bambini in forma lieve.
  • Molti medici consigliano ai pazienti di non comparire per strada entro un mese dal completo restauro della pelle. Ma ci sono un certo numero di specialisti che credono che prendere il sole sia controindicato per un anno.

La pelle dopo la varicella è notevolmente indebolita e non può fornire una protezione completa dai raggi UV. Inoltre, nei luoghi dove c'era un'eruzione cutanea, il derma è assottigliato, il che aumenta il rischio di ustioni. Per questo, invece di una bella abbronzatura al cioccolato, puoi ottenere macchie di pigmento scuro su tutto il corpo che devi prendere per molto tempo.

trusted-source[28], [29], [30], [31], [32], [33], [34], [35], [36]

Posso prendere il sole con un tatuaggio al sole?

Ad oggi, un tatuaggio non è qualcosa di speciale. È una sorta di procedura cosmetica, durante la quale un modello o un motivo viene eliminato sul corpo. Ma dopo aver bisogno di tempo per guarire i tessuti. La domanda è se prendere il sole con un tatuaggio al sole, è importante per tutti gli amanti del tatuaggio.

Nonostante il fatto che in estate voglio davvero che tutti dimostrino nuovi tatuaggi, non dimenticare che i raggi del sole sono distruttivi per loro, specialmente su quelli freschi. Sotto il divieto arriva una visita al solarium, nuoto in acqua di mare, una sauna e una sauna. L'ultravioletto distrugge le cellule del pigmento, quindi le pitture del tatuaggio svaniscono rapidamente.

Prendere il sole al sole con un tatuaggio è possibile nel caso in cui la pelle guarisca, cioè 3-4 mesi dopo la procedura. Consideriamo le raccomandazioni di base che permetteranno di mantenere il tatuaggio e di ottenere una bella tonalità estiva:

  • Vai al sole con una crema solare applicata. Allo stesso tempo, più alto è il livello di protezione SPF, meglio è. La crema deve essere rinnovata dopo ogni bagno.
  • Le procedure solari possono essere eseguite solo in un momento sicuro, ovvero fino alle 11:00 del mattino e dopo le 16:00 della sera.
  • Dopo il riposo, lavarsi accuratamente sotto l'acqua fresca e trattare il corpo con creme idratanti.

Oltre alle raccomandazioni di cui sopra, non dimenticare la conformità con il bilancio idrico. A causa del calore, si verifica la sudorazione attiva e la pelle si secca, quindi è necessario fornire un livello sufficiente di umidità.

trusted-source[37], [38]

Posso prendere il sole con le voglie al sole?

Molti proprietari di nevi che si preoccupano seriamente della loro salute, sono preoccupati per la questione se sia possibile prendere il sole con le voglie al sole. Dare una risposta univoca è quasi impossibile, poiché i nevi sono diversi. Ma in ogni caso, una sovrabbondanza di UV non è buona.

  • Le voglie sono anomalie della pelle. Contengono una grande quantità di melanina, che conferisce loro una tinta marrone.
  • Possono essere di diverse forme e dimensioni. I più sicuri sono i piccoli punti piatti del pigmento. Ma il protuberante e la forma cambiata sono motivo di preoccupazione.
  • Di regola, non sono danneggiati in uno stato di calma. Ma il loro minimo danno può portare a gravi complicazioni, incluso lo sviluppo del melanoma.

I raggi del sole colpiscono l'epidermide e provocano una produzione attiva di melanina, a causa della quale c'è una scottatura solare. Lo sviluppo aggiuntivo di questo pigmento nelle moli può portare alla loro crescita accelerata e alla loro deformazione. Per garantire che le vacanze estive siano sicure, devi seguire queste regole:

  • Non esporre alla luce diretta del sole senza una crema protettiva, che deve essere applicata con particolare attenzione ai nevi.
  • Tan al mattino e alla sera. Se sei al caldo all'ora di pranzo, indossi abiti chiusi ma leggeri. Se ci sono educazioni sul viso, allora dovrebbero essere coperte con un berretto con visiera o cappello largo.
  • Vizi grandi e convessi possono essere coperti con un cerotto.

Durante il prendere il sole per le voglie dovrebbero essere attentamente osservati. Se c'è stata una deformazione (cambiamento di forma o dimensioni), consultare immediatamente un medico-oncologo.

trusted-source[39], [40], [41]

Posso prendere il sole al sole con un lipoma?

Il lipoma è una malattia della pelle benigna che si sviluppa dal tessuto adiposo. Il suo aspetto indica un disturbo sistemico nel corpo. È un difetto estetico, può svilupparsi in qualsiasi persona e non influisce sulle condizioni generali del corpo. Cioè, la risposta alla domanda è se prendere il sole al sole con un lipoma non è ambiguo - sì, l'effetto moderato della radiazione solare non è solo permesso, ma anche benefico per il corpo.

Nonostante il fatto che il lipoma non degeneri in tumori maligni, la sua struttura predispone a complicanze necrotiche e infettive. A tali formazioni dovrebbe essere applicato con attenzione l'equipaggiamento protettivo ed evitare il trauma. Se il lipoma è grande, è necessario contattare il chirurgo e rimuoverlo. In questo caso, il riposo estivo è possibile solo dopo la completa guarigione della ferita.

trusted-source[42]

Posso prendere il sole con alveari sotto il sole?

La malattia allergica nella forma di piccole eruzioni della pelle è un orticaria. Può svilupparsi per una serie di motivi, uno dei quali è l'intolleranza alla luce solare.

La fotodermatite provoca forti pruriti e bruciore, sul corpo compaiono aree iperemiche, vesciche e punti rossi. Molto spesso, questo problema è affrontato da persone con il tipo di pelle celtica. Il loro derma non prende scottature, invece ci sono ustioni e arrossamenti.

Come la malattia peggiora in estate, la domanda è se prendere il sole durante gli alveari al sole è molto rilevante.

  • La lunga permanenza in spiaggia in questo caso è controindicata.
  • Per proteggere dalla luce ultravioletta nociva, la protezione solare dovrebbe essere regolarmente spalmata.
  • Prendere il sole è meglio la sera, quando l'attività solare si abbassa.
  • Durante il giorno, è meglio indossare abiti leggeri che coprano il corpo, ed è fatto di tessuti naturali.

Per eliminare gli alveari causati dal sole, dovresti consultare un medico e sottoporti a un trattamento completo.

trusted-source[43], [44], [45], [46], [47], [48]

Perché le cicatrici non prendono il sole sotto il sole?

Sicuramente molti si sono chiesti perché le cicatrici non prendono il sole al sole. Ciò è dovuto al fatto che il tessuto cicatriziale è completamente composto da un tipo di fibra connettiva in cui non vi sono cellule del pigmento. Dopo essere stati al sole, tali aree rimangono bianche, creando un contrasto con la pelle abbronzata.

Se la cicatrice ha meno di un anno e proviene da un'operazione cavitaria o da un grave danno, la combustione è controindicata. Poiché la cicatrice è costituita da collagene e i raggi ultravioletti provocano la sua maggiore produzione, questo può portare ad un aumento delle dimensioni della cicatrice e della sua ipertrofia. Ci sono casi in cui le cicatrici post-ustione sono iperpigmentate, cioè si scuriscono fortemente dall'esposizione solare. Inoltre, non dimenticare che il sole sta danneggiando gravemente anche danni nuovi.

Se la pelle ha vecchie cicatrici, dovrebbero comunque essere protette dalle radiazioni ultraviolette. Per fare questo, la cicatrice deve essere trattata con creme speciali e non prendere il sole dalle 12:00 alle 16:00, cioè, per evitare un aumento dell'attività solare.

Gli streamer si illuminano al sole?

Danni alle micro-fibre di elastina e collagene causano rotture sottocutanee, cioè smagliature. Molto spesso, le donne affrontano questo problema. Le striae appaiono con una forte perdita di peso o aumento di peso, durante la gravidanza e con disturbi ormonali. Il corpo si trasforma in una specie di tessuto a strisce rosse. Se si lasciano rotture della pelle senza trattamento, inizieranno gradualmente a diventare bianchi, trasformandosi in cicatrici.

Molti proprietari di questo problema sono interessati alla questione se si tratti di prendere il sole. Non sono rigenerati e la melanina è assente in loro, quindi la solarizzazione è impossibile. A causa della prolungata esposizione al calore, possono diventare rossi e causare infiammazioni. Le striature e le cicatrici dovrebbero essere protette dai raggi UV con l'aiuto di cosmetici. Con un trattamento tempestivo (resurfacing laser, mesoterapia, microdermoabrasione), si forma una nuova pelle sul sito delle smagliature e diventa possibile l'abbronzatura uniforme.

Posso prendere il sole al sole con le vene varicose?

Malattia spiacevole che si verifica in uomini e donne e non è solo un difetto estetico, ma anche una seria minaccia per la salute - sono le vene varicose. Molti proprietari di questo problema cercano di mascherarlo con l'aiuto di un fuoco, senza sapere allo stesso tempo se sia possibile prendere il sole al sole con le vene varicose.

Il pericolo per le vene varicose non sono i raggi del sole, ma il surriscaldamento che provocano. L'aumento dell'effetto termico riduce il tono della rete venosa e aumenta la sua permeabilità. Per questo motivo, appare l'edema. Cioè, per le persone con qualsiasi stadio di vene varicose, le scottature e il surriscaldamento (bagni, saune) sono pericolosi.

Stare a lungo nel calore può causare tali complicazioni:

  • Edema degli arti inferiori.
  • Convulsioni.
  • La formazione di ulcere trofiche a causa di un'interruzione della fornitura di tessuti nelle vene.
  • La comparsa di coaguli di sangue.
  • Infiammazione della parete venosa.
  • Congestione venosa e sovraestensione delle vene.
  • La crescita della rete vascolare.

La violazione della circolazione sanguigna nel varicosio può essere diversa. Assegna tali fasi della malattia:

  1. Compensazione - ci sono piccoli asterischi vascolari e oscuramento delle vene. C'è una pesantezza nelle gambe e il loro gonfiore.
  2. Sottocompensazione - c'è una pigmentazione caratteristica e vene sporgenti. In uno stato di riposo, possono verificarsi convulsioni e parestesie e sensazioni dolorose hanno un carattere crescente.
  3. Scompenso: il corpo ha macchie scure pigmentate, le vene sono pronunciate. Spesso ci sono dolore, gonfiore e prurito. Possono essere formate ulcere trofiche.

Nelle prime fasi della malattia è permesso prendere il sole. Ma con i sintomi più gravi delle vene varicose, il riposo estivo è controindicato. Gli effetti termici possono esacerbare una condizione già dolorosa. In ogni caso, prima che i preparativi per la stagione estiva, le persone con vene venose dovrebbero essere sottoposti venotoniki (Venarus, Detraleks, flebodia) per aumentare il tono e l'elasticità della griglia venoso. Ciò consentirà di sopravvivere alla stagione calda senza complicazioni.

Inoltre, non dimenticare che la condizione patologica progredisce con la disidratazione del corpo. Il sangue diventa denso e viscoso, la velocità della sua corrente rallenta, il ristagno venoso e la forma dei trombi. Pertanto, è necessario mantenere il bilancio idrico, soprattutto in estate.

Si deve prestare attenzione dopo la scleroterapia o la chirurgia per rimuovere le vene varicose. Le scottature solari sono possibili solo dopo la completa guarigione delle cicatrici e il riassorbimento degli ematomi. In genere, il periodo di recupero richiede fino a sei mesi. Altrimenti, la malattia può di nuovo farsi sentire. Inoltre, non dimenticare di cosmetici per la protezione solare che proteggono la pelle dagli effetti nocivi dei raggi UV.

trusted-source[49], [50], [51]

È importante sapere!

Ad oggi, una bruciatura dopo un lettino abbronzante è un problema abbastanza comune. Questo perché la radiazione ultravioletta nel solarium è molto più intensa, quindi la pelle può quasi bruciare all'istante.

Leggi di più...

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.