^

Gestione della consegna normale

, Editor medico
Ultima recensione: 25.06.2018
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

In molti ospedali ostetrici, le nascite, il parto e il ricovero dopo la nascita sono condotti nella stessa stanza insieme al marito o ai parenti. I mariti rimangono con il coniuge e il neonato prima di dimettersi.

In alcune case di maternità ci sono reparti prenatali separati e una sala maternità, in cui una donna viene trasferita per la consegna. Il padre del bambino o un parente può essere offerto per accompagnare la donna nella sala parto. Trattano la regione perineale e isolano il canale del parto con pannolini sterili. Dopo il parto, una donna può rimanere in una stanza del genere, oppure viene trasferita in un reparto postnatale separato.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7]

Anestesia della consegna normale

L'anestesia comprende i seguenti tipi di anestesia: anestesia regionale, blocco pudendo, infiltrazione perineale e anestesia generale. In genere, vengono utilizzati oppioidi e anestetici locali. Questi farmaci penetrano nella placenta, quindi devono essere somministrati in piccole dosi per un'ora prima del parto per evitare effetti tossici sul neonato (ad es. Depressione del SNC e bradicardia). Quando si utilizzano solo oppioidi, non viene fornita un'adeguata analgesia, quindi vengono utilizzati in combinazione con anestetici. Anestesia regionale - viene eseguita una iniezione epidurale lombare di un anestetico locale. L'anestesia epidurale viene sempre più utilizzata per il parto, compreso il parto cesareo. Questo tipo di anestesia sostituiva essenzialmente i blocchi pudendi e paracervicali. Per l'iniezione epidurale vengono utilizzati anestetici locali (ad es. Bupivacaina) che hanno una durata d'azione più lunga e un inizio d'azione più lento rispetto ai farmaci usati per l'anestesia pudendo (ad es. Lidocaina). Altre forme di anestesia regionale sono l'iniezione caudale (nel canale sacrale), che viene usata raramente, e l'iniezione spinale (nello spazio subaracnoideo paraspinale). L'anestesia spinale può essere eseguita con taglio cesareo, ma meno frequentemente viene utilizzata per il parto vaginale, perché ha un'azione breve (è indesiderabile durante il travaglio); c'è un piccolo rischio di mal di testa nel periodo postoperatorio.

Quando si utilizza l'anestesia spinale, i pazienti devono essere sotto costante supervisione, i segni vitali devono essere monitorati ogni 5 minuti per identificare e trattare la possibile ipotensione.

L'anestesia pudendale è usata raramente a causa dell'analgesia epidurale diffusa. L'anestesia pudendo è la somministrazione locale di un anestetico attraverso la parete vaginale in modo tale che l'anestetico avvolge il nervo pudendo. Con questo anestetico, le aree basse della vagina, del perineo e del terzo inferiore della vulva vengono anestetizzate; le parti superiori della vulva non sono anestetizzate. L'anestesia pudendale è un metodo semplice e sicuro per nascite vaginali spontanee non complicate se una donna vuole spingere se stessa o se il lavoro progredisce e non c'è tempo per l'anestesia epidurale.

L'infiltrazione del perineo viene solitamente eseguita da un anestetico. Questo metodo non è efficace e viene usato meno spesso come anestesia pudendo. L'anestesia paracervicale viene sempre più utilizzata durante il parto, poiché causa la bradicardia nel feto in oltre il 15% dei casi. Tale anestesia è più spesso utilizzata negli aborti nel 1 ° o all'inizio del 2 ° trimestre di gravidanza. La tecnica consiste nell'introdurre 5-10 ml di una soluzione all'1% di lidocaina nelle posizioni 3 e 9 ore paracervicali; effetto analgesico, a corto raggio.

L'anestesia generale viene eseguita utilizzando anestetici inalatori (ad esempio isoflurano) e può causare depressione nella madre e nel feto; quindi questi farmaci non sono raccomandati per la consegna normale.

Raramente il protossido di azoto al 40% con ossigeno viene utilizzato per l'analgesia durante il parto vaginale a una profondità tale che il contatto con il paziente può essere mantenuto. Il sodio tiopentale viene somministrato per via endovenosa insieme ad altri farmaci (ad esempio, succinilcolina, protossido di azoto con ossigeno) per l'anestesia generale con taglio cesareo; l'uso di un sodio tiopentale non fornisce un'adeguata analgesia. Il sodio tiopentale ha un'azione breve. Quando il farmaco viene usato, si verifica la sua concentrazione nel fegato fetale, impedendo l'accumulo nel sistema nervoso centrale; alte dosi del farmaco possono causare una depressione nel neonato. Il diazepam è talvolta usato; Tuttavia, grandi dosi somministrati per via endovenosa alle donne in gravidanza prima della consegna, può causare ipotensione, ipotermia, bassi punteggi Apgar, peggiorano la risposta metabolica a stress da freddo e portare alla depressione neurologica nel neonato. L'uso di questi farmaci è limitato, ma sono utilizzati nell'imposizione di forcipi ostetrici, con parto podalico, con gemelli e con taglio cesareo.

trusted-source[8], [9]

Benefici durante il parto

Viene eseguito un esame vaginale per determinare la posizione e la posizione della testa fetale. Con la lisciatura e l'apertura della cervice, la donna è chiamata a spingere con ogni contrazione in modo che la testa passi attraverso il canale del parto e appaia attraverso la vulva. Quando circa 3 o 4 cm dalla testa appaiono nullipara taglio genitali (leggermente inferiore a multipare), i metodi usati per facilitare la consegna e ridurre il rischio di lacerazione perineale. Il medico, se necessario, posiziona la mano sinistra sulla testa del bambino, evitando così un'estensione prematura della testa, e questo contribuisce al suo progresso più lento. Allo stesso tempo, il medico posiziona le dita piegate della mano destra sul cavallo, coprendole con la fessura genitale aperta. Per far avanzare la testa, il medico può fare pressione nell'area della fronte, della fronte o del mento (modifica della ricezione di Renon). Il medico dell'ostetrico regola il progresso della testa per produrre una consegna lenta e sicura.

Il forcipe o l'aspiratore a vuoto vengono spesso utilizzati per il parto nella seconda fase del travaglio quando la consegna è prolungata (ad esempio, quando la madre è troppo stanca per esercitare completamente la pressione). Il forcipe può essere utilizzato anche nei casi in cui l'anestesia epidurale allevia i tentativi. L'anestesia locale di solito non influisce sui tentativi, quindi la pinza o l'estrattore del vuoto non vengono solitamente utilizzati se non ci sono complicazioni. Le indicazioni per pinze e aspiratore sono identiche.

L'episiotomia viene eseguita solo in caso di rottura minacciosa del perineo e se il perineo interferisce con il parto normale, di solito viene eseguito in donne primipare. Se l'analgesia epidurale è inadeguata, può essere utilizzata l'anestesia infiltrativa locale. L'episiotomia previene l'eccessivo stiramento e la possibile rottura dei tessuti perineali, comprese le interruzioni precedenti. Il taglio è più facile da riparare rispetto al divario. L'incisione più tipica è nella linea mediana, dal picco posteriore nella direzione del retto. Una rottura di questa incisione è possibile con la cattura dello sfintere o del retto, ma se questo viene diagnosticato rapidamente, allora tale interruzione viene ripristinata con successo e subisce una buona guarigione.

Le discontinuità di una ferita da episiotomia con ingorgo rettale possono essere prevenute mantenendo la testa fetale in una posizione ben piegata, fino a quando il tubercolo occipitale si adatta all'arco osseo. Non è raccomandata un'episiotoprotectomia (dissezione intenzionale del retto), perché esiste un alto rischio di fistola rettovaginale.

Un altro tipo di episiotomia è l'incisione mediale-laterale eseguita dal centro dell'adesione posteriore ad un angolo di 45 ° su entrambi i lati. Questo tipo di episiotomia non si estende allo sfintere o al retto, ma la dissezione causa un grande dolore nel periodo postpartum e richiede più tempo per guarire rispetto all'episiotomia lungo la linea mediana. Pertanto, per un'episiotomia, è preferibile un taglio della linea mediana. Tuttavia, allo stato attuale, l'uso dell'episiotomia è ridotto a causa dell'alto rischio di rottura dello sfintere o del retto.

Dopo la nascita della testa, il corpo del bambino viene afferrato in modo che le spalle si trovino in una posizione anteroposteriore; una leggera pressione sulla testa del feto contribuisce alla posizione della spalla anteriore sotto la sinfisi. Se c'è un cordone ombelicale intorno al collo, il cordone ombelicale può essere pizzicato e tagliato. La testa si solleva delicatamente verso l'alto e una spalla posteriore appare dal perineo, il resto del tronco viene estratto senza difficoltà. Il naso, la bocca e la gola sono aspirati con una siringa per rimuovere il muco e il liquido e facilitare la respirazione. Due corde vengono posizionate sul cordone ombelicale, il cordone ombelicale viene sezionato e una clip di plastica viene posizionata sul moncone. Se si sospetta la presenza di violazioni del feto o del neonato, il segmento del cordone ombelicale viene nuovamente ligato in modo da poter prelevare il sangue arterioso per l'esame del gas. Normalmente, il pH del sangue arterioso è 7, 157, 20. Il bambino viene posto in una culla riscaldata o sull'addome della madre per un migliore adattamento.

Dopo la nascita del bambino, il medico appoggia la mano sulla parete addominale nell'area del fondo uterino per rivelarne le contrazioni; la placenta viene separata durante la 1a o 2a sigla, spesso si nota la presenza di macchie a causa della placenta distaccata. Una donna deve spingere per aiutare la nascita della placenta. Se non può esercitare se stesso e se c'è un sanguinamento significativo, la placenta può essere evacuata premendo le mani sulla parete addominale e quando si esegue una pressione verso il basso sull'utero. Questa manipolazione può essere eseguita solo se l'utero è stretto e ben contratto, perché la pressione sull'utero flaccido può favorire la sua eversione. Se questa procedura non è efficace, il medico spinge la parete addominale nella zona degli angoli dell'utero lontano dalla placenta; si allunga il cordone ombelicale, perché può favorire l'eversione dell'utero. Se la placenta non si separa entro 45-60 minuti, viene effettuata la separazione manuale e l'assegnazione della placenta; il medico entra nell'intero braccio nella cavità uterina, separando la placenta e quindi estraendolo. In tali casi è necessario sospettare un attaccamento denso della placenta (placenta accreta).

La placenta deve essere esaminata per identificare i difetti, perché i frammenti lasciati nell'utero possono causare sanguinamento o infezione. Se la placenta non è completamente separata, viene eseguito un esame manuale della cavità uterina. Alcuni ostetrici esaminano l'utero dopo ogni parto. Tuttavia, questo non è raccomandato nella pratica quotidiana. Immediatamente dopo l'assegnazione della placenta, viene assegnato un agente ossitocico (ossitocina 10 ED per via intramuscolare o come infusione di 20 U / 1000 ml di soluzione fisiologica a una velocità di 125 ml / h). Questo può migliorare la contrattilità uterina. L'ossitocina non può essere somministrata per via endovenosa in bolo, poiché si può sviluppare aritmia cardiaca.

È necessario esaminare il canale del parto per identificare rotture della cervice, lacune esistenti, una ferita di episiotomia viene suturata. Se la madre e il bambino sono sani, allora possono stare insieme. Molte madri vogliono che l'allattamento al seno cominci subito dopo il parto e questo dovrebbe essere incoraggiato. Madre, figlio e padre dovrebbero stare insieme in un reparto caldo e separato per un'ora o più. Dopo questo, il bambino può essere messo nella stanza dei bambini o lasciato con la madre, a seconda del suo desiderio. Entro 1 ora dopo la nascita madre deve essere monitorato con attenzione, che comprende il controllo delle contrazioni uterine, dalla quantità di sanguinamento dalla vagina, la misurazione della pressione sanguigna. Il tempo dalla nascita della placenta a 4 ore dopo il parto è chiamato la 4a fase del parto; la maggior parte delle complicanze, in particolare il sanguinamento, si verificano in questo momento e pertanto è necessario un attento monitoraggio del paziente.

trusted-source[10]

È importante sapere!

Le discussioni sul ruolo e sul significato dei preliminari si tengono in letteratura molto tempo fa. Una grande attenzione a questo problema è dovuta alla sua importanza fondamentale per prevenire il verificarsi di anomalie del travaglio. Leggi di più...

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.