^
A
A
A

Gli scienziati hanno scoperto un nuovo "deposito" di infezione da HIV nel corpo umano

 
, Editor medico
Ultima recensione: 30.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

05 May 2017, 09:00

In precedenza era noto che il virus dell'HIV può essere nascosto all'interno delle cellule immunitarie. Tuttavia, recentemente questo virus è stato rilevato nei macrofagi, da cui è difficile "espellerlo".

"I risultati degli studi dimostrano che l' HIV può nascondersi sia nelle cellule T che in altre strutture corporee. Se il virus può sopravvivere nei macrofagi, allora il trattamento deve essere diretto alla sua distruzione in cellule di diverso tipo ", spiega Jenna Hunnicat, membro della American University of North Carolina (Chapel Hill).

Gli scienziati sottolineano che fino ad oggi, i pazienti con infezione da HIV vivono principalmente a causa del trattamento con farmaci antiretrovirali - questi sono farmaci specifici che inibiscono la replicazione virale nelle cellule del corpo. Questo tipo di trattamento ha un sacco di effetti collaterali, quindi è vitale fare pause periodiche lunghe in terapia. Queste interruzioni forzate spesso portano alla ripresa dell'attività del virus e la malattia ritorna allo stadio iniziale entro 14-20 giorni. È per questo che gli scienziati hanno iniziato a cercare nuovi trattamenti per evitare un fenomeno del genere.

Jenna Hunnicat insieme ad altri ricercatori ha determinato che il virus "si deposita" in entrambe le cellule T e nei macrofagi - strutture simili all'ameba che distruggono la flora patogena e altre particelle pericolose per il corpo.

Gli scienziati hanno condotto i loro esperimenti su roditori speciali, in cui il midollo osseo è composto da strutture cellulari umane.

Dopo che gli scienziati hanno scoperto un nuovo "deposito" di infezione da HIV, hanno deciso di verificare se il virus nascosto nei macrofagi potesse sopravvivere al trattamento antiretrovirale. Infatti, più di un quarto dei roditori testati, il virus si è ripreso dopo il trattamento antiretrovirale.

Presumibilmente, i macrofagi svolgono il ruolo del principale luogo di occultamento dell'infezione da HIV. La conferma di queste informazioni è un rinnovo completo dell'infezione dopo gli effetti dannosi di anticorpi, farmaci e pulizia completa dalle cellule T. Il fatto che gli scienziati siano riusciti a trovare il posto di rifugio del virus può diventare un meccanismo di innesco per la creazione di un farmaco adeguato per i pazienti con infezione da HIV.

Il trattamento con farmaci antiretrovirali, che al momento non ha analoghi, non può curare completamente la malattia. Lo scopo di tale trattamento è di sostenere l'immunità del corpo, ridurre la concentrazione di RNA virale, inibire la crescita di immunodeficienza e aumentare l'aspettativa di vita dei pazienti. I farmaci antiretrovirali non distruggono il virus, ma limitano la sua riproduzione. Spesso, il trattamento viene effettuato utilizzando diversi tipi di agenti antiretrovirali contemporaneamente, il che dà risultati relativamente buoni. Tuttavia, è oltre il potere di liberare completamente la persona dalla malattia di tale terapia.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.