^
A
A
A

I bambini stanno davvero cercando di copiare gli adulti?

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

29 July 2019, 09:00

Contrariamente all'opinione di molti adulti, i bambini copiano e imitano le altre persone per una ragione: hanno molto senso in questo processo.

Probabilmente, non ci sono bambini che non vorrebbero imitare i loro coetanei e nemmeno gli adulti, mentre ripetono queste o altre azioni, apparentemente prive di fondamento. È generalmente accettato che questo è il modo in cui i bambini si adattano alle diverse situazioni. Ad esempio, se chiedi a un bambino di fare qualcosa, per cominciare osserverà come lo fa un'altra persona, e solo dopo questo copierà le sue azioni. A proposito, la maggior parte degli psicologi infantili la pensa così. Ma i ricercatori hanno notato: se un adulto decide improvvisamente di fare una testa senza senso, e solo allora procede al compito, allora il bambino farà lo stesso, cercando di stare in piedi. E questo, nonostante l'evidenza della mancanza di fondamento di tale impresa. Perché sta succedendo questo?

Gli specialisti che rappresentano le università di St. Andrews e Durham, ritengono che la brama dei bambini di un'imitazione insensata sia notevolmente esagerata. Lo staff universitario ha condotto un esperimento guidato da Cara Evans. Più di 250 bambini di sessi diversi hanno preso parte al lavoro di ricerca, nella fascia di età di 4-6 anni. Ai bambini è stato mostrato un video in cui gli adulti hanno rimosso il contenitore indicato da una scatola di plastica trasparente. C'erano due celle nella scatola e il contenitore era in una di esse. Per prenderlo, è stato necessario premere un piede speciale, quindi aprire la cella. Poiché la scatola era trasparente, era chiaramente visibile dove si trovava il contenitore. Ma gli adulti per qualche motivo in precedenza avevano aperto una cella vuota. In altre parole, ai bambini veniva mostrata proprio quell'azione infondata, che presumibilmente dovevano copiare.

Il problema era che non in tutti i casi, gli adulti facevano un'apertura insignificante di una sezione vuota - in alcuni casi, veniva aperta solo la cella desiderata. Si è scoperto che i bambini hanno copiato gli adulti secondo lo stesso principio: si sono ripetute sia l'apertura insignificante della scatola sia l'apertura significativa della cellula desiderata. Dopo diverse ripetizioni, i piccoli partecipanti hanno iniziato a capire l'assurdità delle azioni e c'erano sempre più bambini che aprivano intenzionalmente la sezione desiderata. C'era la sensazione che i partecipanti iniziassero a capire quale degli adulti stesse facendo la cosa giusta.

Pertanto, gli scienziati hanno concluso: i bambini sono davvero inclini a ripetere tutto, ma lo fanno pensieroso. Se vengono offerte varie varianti di qualsiasi azione, è probabile che scelgano una più significativa di esse. È importante non dimenticare che i bambini devono essere protetti dalla memorizzazione di qualsiasi informazione insignificante e vuota - solo questa è la preoccupazione della generazione adulta.

I dettagli dello studio sono disponibili nella pagina www.sciencenews.org/blog/growth-curve/kids-are-selective-imitators-not-extreme-copycats

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.