^
A
A
A

I maniaci del lavoro hanno un rischio maggiore di sviluppare ipertensione

 
, Editor medico
Ultima recensione: 25.02.2021
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

07 October 2020, 09:38

Scienziati americani hanno condiviso un'importante conclusione: giorni di lavoro troppo lunghi o impegnativi in ufficio possono innescare lo sviluppo di ipertensione, una sindrome comune di ipertensione . Inoltre, questa forma iniziale di ipertensione viene spesso trascurata durante gli esami medici preventivi. La ricerca su questo argomento è stata effettuata da cardiologi - membri dell'American Heart Association.

Quasi una persona su due negli Stati Uniti di età superiore ai diciotto anni viene diagnosticata la pressione alta. A proposito, è l'ipertensione che causa più di 80mila morti all'anno. Circa il 15-30% degli americani più anziani soffre di una sorta di forma "camuffata" di ipertensione. La malattia è caratterizzata dal fatto che durante le normali misurazioni della pressione sanguigna - ad esempio, a un appuntamento dal medico - i suoi indicatori corrispondono alla norma, ma in altre condizioni - in particolare sul posto di lavoro - la pressione sanguigna aumenta patologicamente. Nel loro nuovo progetto, gli specialisti hanno stabilito il compito di determinare quali circostanze influenzano l'aumento della pressione nella forma "mascherata" di ipertensione.

Per lo studio sono stati coinvolti 3,5mila lavoratori del servizio civile di tre grandi istituzioni situate in Quebec. Tali istituzioni praticano principalmente la fornitura di servizi assicurativi per la popolazione. Gli esperti hanno analizzato la routine quotidiana dei partecipanti, misurato la loro pressione sanguigna e alla fine dell'esperimento hanno concluso che una settimana lavorativa di oltre 49 ore aumenta significativamente la probabilità di problemi di pressione sanguigna. Così, nel 70% dei casi, si sviluppa l'ipertensione "mascherata", che nel 66% dei casi si trasforma in una patologia conservata con ulteriore predominanza di ipertensione, sia in ambito professionale che domestico e clinico. Il numero di ore lavorative da 41 a 48 a settimana ha ridotto significativamente il grado di pericolo di sviluppare una sindrome ipertensiva latente e l'emergere di forme resistenti della malattia è stata rilevata solo nel 20% dei casi.

Lo studio è stato corretto da valori come il grado di carico di lavoro, le categorie di età, il sesso, il livello di istruzione, l'occupazione, la presenza di cattive abitudini e l'eccesso di peso, nonché altri fattori significativi. I rappresentanti delle professioni associate ad attività fisica intensa, i lavoratori con routine di lavoro a turni non hanno preso parte al progetto. I ricercatori hanno sottolineato che i risultati dell'esperimento riguardano principalmente gli impiegati. Tuttavia, sono state fatte raccomandazioni ai datori di lavoro per ridurre il carico di lavoro a 35 ore settimanali.

Pubblicato dalla American Heart Association

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.