^
A
A
A

I più antichi retrovirus si trovano nel DNA umano

 
, Editor medico
Ultima recensione: 20.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

20 April 2016, 09:00

La genetica ha rivelato nei retrovirus del DNA umano, che, presumibilmente, sono arrivati dai nostri antenati più di un milione di anni fa. I retrovirus chiamano una famiglia di virus abbastanza ampia, che colpisce principalmente i vertebrati, il più famoso e studiato rappresentante rappresentativo dei retrovirus è l' HIV

Secondo gli scienziati, questa scoperta aiuterà a sapere che cosa le persone antiche erano ammalate, come sono state trattate, è possibile che questa conoscenza possa aiutare nello sviluppo di metodi di trattamento per l'HIV e altri retrovirus.

Nel genoma umano sono stati identificati più di 10 frammenti di retrovirus, nonché il genoma del virus completamente conservato nella sua forma originale. Gli esperti hanno notato che possono "estrarre" l'antico virus dal DNA umano e renderlo capace di infettare un agente. John Coffin, membro del gruppo di ricerca, ha spiegato che l'esperimento è estremamente interessante per la comunità accademica, poiché permetterà di studiare il "comportamento" dei virus nell'antichità, ancor prima della comparsa dell'uomo moderno.  

I retrovirus endogeni sono in grado di penetrare e alterare il DNA, che causa varie mutazioni genetiche, sia innocue che potenzialmente letali. Nel genoma umano, circa l'8% dei geni dei retrovirus endogeni sono rilevati, tutti entrano nel DNA non codificante, vale a dire in quella parte dove non ci sono "istruzioni" per la produzione di proteine.

Il dott. Coffin ed i suoi colleghi hanno confrontato e analizzato la struttura del DNA di oltre 2.000 persone che vivono in diversi paesi. Vale la pena notare che gli scienziati hanno anche studiato la popolazione africana, i cui antenati non si incrociarono con il popolo di Neanderthal o Denisov. Lo studio ha contribuito a stabilire che nel DNA umano contiene un numero molto maggiore di residui di retrovirus del previsto.

Confrontando i genomi delle persone più diverse, gli scienziati hanno scoperto quei restoravirus che sono disponibili per i singoli rappresentanti dell'umanità. Gli scienziati non si aspettavano tali risultati - il numero di retrovirus risultò essere piuttosto grande, il gruppo di Coffin trovò solo 20 retrovirus endogeni, uno dei quali era un virus completamente conservato, il resto era presente nel DNA solo in frammenti.

Sulle parti frammentarie del virus, che sono gravemente danneggiate e includono molte ripetizioni, gli specialisti non possono spiegare come si sono comportati questi virus, penetrando nel corpo umano e quali sono state le conseguenze.

Il retrovirus pieno identificato ha tutti i componenti necessari per la divisione: i geni necessari per la sintesi delle proteine nell'involucro, l'incorporazione nel DNA della cellula ospite e la produzione di copie multiple.

Secondo il gruppo di ricerca, il retrovirus rilevato oggi è il secondo, che è completamente presente nel nostro DNA (il primo è il provirus K113, che si trova nel DNA di 1/4 della popolazione della terra).

John Coffin in una dichiarazione ha detto che per capire il passato, forse per costruire un futuro, che è il motivo per cui la scoperta è di grande importanza per la scienza e consentirebbe più in profondità i processi di malattia e il trattamento in atto, così come più di un milione di anni fa, contribuirà a migliorare il trattamento delle infezioni retrovirali avanzati (HIV, il cancro neoplasie del ematopoietiche o tessuto linfoide, ecc).

È importante sapere!

L'infezione da HIV è causata da uno dei due retrovirus (HIV-1 e HIV-2), che distruggono i linfociti CD4 + e interrompono la risposta immunitaria cellulare, aumentando così il rischio di alcune infezioni e tumori. Inizialmente, l'infezione può manifestarsi come febbre febbrile non specifica. La probabilità di manifestazioni successive dipende dal grado di immunodeficienza ed è proporzionale al livello di linfociti CD4 +. Le manifestazioni vanno dalla corrente asintomatica alla sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) Leggi di più...

!
Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.
You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.