^
A
A
A

La centrale solare produrrà petrolio

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

08 July 2016, 09:00

Nello stato arabo dell'Oman è iniziata la costruzione di una centrale solare (SES), che non verrà utilizzata nel solito modo. La centrale solare Oman non genererà elettricità, ma contribuirà a produrre vapore per la produzione di petrolio.

La centrale è stata sviluppata appositamente per una delle più grandi compagnie petrolifere dell'Oman e il progetto è stato nominato Miraah. Secondo gli sviluppatori, la capacità della centrale sarà di 1 GW e diventerà un efficace sostituto del metodo, in cui l'estrazione di petrolio richiede il gas naturale per generare vapore, che è comune oggi.

Secondo il progetto, gli specchi curvi saranno collocati nella centrale elettrica sul tubo della caldaia con acqua. Nel calore standard SES viene utilizzato per produrre vapore, facendo ruotare una turbina per generare elettricità. SES Mirraah e il vapore che genera aiuteranno a facilitare la produzione di petrolio nei campi petroliferi adiacenti e renderlo meno costoso.  

Le riserve di petrolio leggero (con una densità specifica bassa) in Oman e le aziende sono alla ricerca di nuovi metodi economici ed efficaci. Ora, i metodi di recupero dell'olio secondario sono considerati, migliorati, più complessi, ma anche più costosi, il che significa facilitare l'estrazione di olio pesante, che non può essere deflazionato con il metodo usuale. Il metodo secondario consiste nel cambiare la densità dell'olio e mantenere l'energia della formazione, facilitando così il processo di pompaggio di un olio pesante più pesante.

L'olio negli strati più profondi ha una struttura più viscosa e il flusso di vapore del giacimento petrolifero, oggi, è il principale metodo di estrazione del fossile naturale. Sotto l'influenza di alte temperature, il petrolio diventa più liquido e il processo di pompaggio in superficie non richiede uno sforzo supplementare. Ma uno degli svantaggi di questo metodo è il consumo eccessivo di gas naturale necessario per produrre la giusta quantità di vapore: per produrre 5 barili di petrolio è necessario consumare energia, il cui costo è pari a 1 barile di petrolio.

SES Miraah sostituirà i metodi che sono dannosi per l'ambiente e utilizzano enormi riserve di gas naturale. Secondo i calcoli preliminari, la centrale risparmierà molto gas, che sarebbe sufficiente a soddisfare le esigenze di oltre 200 mila persone che vivono in Oman. La centrale solare sarà in grado di produrre circa 6.000 tonnellate di vapore ogni giorno, quindi prenderà il posto del più grande impianto solare al mondo per il recupero del petrolio in modo secondario. Una volta che la centrale è in funzione, il consumo di gas naturale sarà ridotto in modo significativo, ma le cifre esatte non saranno annunciate.

Inoltre, i progettisti della centrale elettrica hanno fornito moduli autopulenti, che contribuiranno a mantenere puliti gli specchi. La data esatta di completamento del progetto non è al momento nota, ma entro la fine del prossimo anno è prevista la prima quantità di vapore. Il costo della centrale di Miraah sarà di 600 milioni di dollari e richiederà più di 3 km 2.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.