^

Dormire nei bambini

, Editor medico
Ultima recensione: 01.06.2018
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

Il sonno di un bambino è una componente naturale della sua attività fisiologica, garantendo un ritmo normale dei processi di attività nervosa superiore, processi metabolici, sviluppo fisico, crescita e maturazione.

Essendo un risultato definito del precedente periodo di veglia, il sogno che sostituisce questa veglia diventa un impegno o condizione per assicurare la normale attività vitale del bambino nella successiva veglia. Da ciò ne consegue che l'insonnia o la malattia inadeguatamente organizzate del bambino possono portare a una violazione dell'utilità e dell'efficacia del sonno, ei disturbi del sonno causano l'insufficiente attività del bambino durante la veglia. Entrambi possono essere la ragione di un significativo ritardo nello sviluppo neuropsichico e fisico dei bambini, e con la conservazione prolungata porta alla comparsa di malattie. Pertanto, il monitoraggio dell'organizzazione del sonno di un bambino, le caratteristiche di addormentarsi, dormire la notte e svegliarsi è una parte importante dell'osservazione pediatrica complessiva. I disturbi del sonno possono essere la base per un esame approfondito dei bambini.

In un neonato, il sonno ha un cosiddetto carattere polifasico, cioè si verifica molte volte durante il giorno e la notte. Così, durante il giorno il neonato si addormenta da 4 a 11 volte e le reali differenze del giorno e della notte nella durata del sonno non sono state ancora stabilite. Nel corso degli anni, c'è stato un cambiamento nel sonno polifasico a monofasico, con solo elementi polifasici nascosti conservati nei bambini più grandi e negli adulti.

Una netta predominanza del sonno notturno si verifica alla fine del primo mese e dopo si stabilizza. In generale, il bisogno naturale di dormire diminuisce con l'età.

Hai bisogno di dormire nei bambini piccoli, h

Età

Totale al giorno

Di notte

Nel pomeriggio

1 settimana

16,5

8.5

8

1 mese

15.5

8.5

7

3 mesi

15

9.5

5.5

6 mesi

14.25

11

3.25

9 mesi

14

11.25

2,75

12 mesi

13.75

11.25

2.5

18 mesi

13.5

11.25

2.25

2 anni

13.25

11

2.25

3 anni

12

10.5

1.5

4 anni

11.5

11.5

-

5 anni

11

11

-

6 anni

10,75

10,75

-

7 anni

10.5

10.5

-

8 anni

10.25

10.25

-

9 anni

10

10

-

10 anni

9.75

9.75

-

11 anni

9.5

9.5

-

12 anni

9.25

9.25

-

13 anni

9.25

9.25

-

14 anni

9

9

-

15 anni

8.75

8.75

-

16 anni

8.5

8.5

-

17 anni

8.25

8.25

-

18 anni

8.25

8.25

-

Con una certa diminuzione della durata giornaliera totale del sonno nei bambini, questa diminuzione si verifica principalmente a causa delle ore di sonno durante il giorno. Già alla fine del primo anno di vita il bambino si addormenta di giorno non più spesso 1 -2 volte. Da 1 1 / 2-2 anni, la durata di un giorno di sonno è di circa 2 ore e mezza e circa un'ora continua ad addormentarsi. Dopo 4 anni, non tutti i bambini possono salvare il sonno durante il giorno. Qui le differenze individuali nella necessità di dormire influiscono in modo significativo. Tuttavia, è auspicabile che il sonno diurno sia fornito a tutti i bambini fino ai 5-6 anni di età.

Un sonno calmo di durata normale, brevi periodi di transizione dalla veglia al sonno e viceversa (non più di 30 minuti) sono la prova della salute del bambino, della normale modalità di vita e di un buon clima psicologico in famiglia.

trusted-source[1], [2], [3], [4], [5], [6], [7]

Offensiva elettrofisiologica del sonno nei bambini

  • la scomparsa di a-attività sull'EEG e la sua sostituzione con l'attività a bassa latenza della frequenza mista;
  • l'apparizione di movimenti lenti di bulbi oculari sull'elettrooculogramma;
  • riduzione del tono muscolare sull'elettromiogramma;
  • contrazioni muscolari involontarie generalizzate o locali (elettromiogramma) - mioclono ipnotico.

Esistono due fasi qualitative differenti del sonno:

  1. sonno ortodosso, la fase del sonno lento (FMS);
  2. sonno paradossale, fase di sonno veloce (FBS) o REM.

Si ritiene che 3 gruppi di neuroni partecipino alla regolazione delle fasi cicliche del sonno.

Il sistema aminergico (serotoninergico + noradrenergico), o cellule REM-off.

Sistema reticolico colinergico o cellule REM-on.

Le fasi e le fasi distinte si distinguono meglio per le loro caratteristiche encefalografiche:

  • I stage - un pisolino con la graduale scomparsa di un ritmo;
  • II stadio - l'aspetto di uno specifico per questa fase dell'attività encefalografica - i fusi del sonno, con un rallentamento dell'impulso, diminuzione della respirazione, rilassamento dei muscoli;
  • Fasi III e IV - fasi di sonno più profondo, caratterizzate dall'aspetto di un'attività ad alta ampiezza di 8, un aumento della frequenza cardiaca.

trusted-source[8], [9], [10]

Fase di sonno veloce nei bambini

La fase del sonno veloce è caratterizzata da un EEG desincronizzato veloce, che è caratteristico della veglia intensa, sebbene il bambino sia in uno stato di sonno profondo. In questa fase, non v'è stata movimenti rapidi degli occhi, il tono basso del muscolo scheletrico e il più grande instabilità delle funzioni autonome - l'attività cardiaca aritmia, fino ad un respiro asistolia aritmia a breve termine, abbassamento della pressione sanguigna. Nella fase di sonno veloce, anche l'attività mentale attiva è segnata - sogni luminosi vissuti.

A tutte le fasi dell'età, il sonno è organizzato ciclicamente, vale a dire, le fasi successive del sonno lento terminano in una fase di sonno veloce. Durante la notte si osservano alcuni cicli completi.

Il cambiamento nella struttura e nella durata del sonno profondo può essere accertato da una caratteristica come il numero di movimenti in un sogno. Il bambino dei primi anni di vita ha più dei bambini più grandi (80-60), ma l'abbondanza di movimenti in un sogno non impedisce al più giovane di dormire, e spesso porta al risveglio del bambino più grande.

La fase del sonno rapido è caratterizzata da mioclono fisiologico: piccoli movimenti rapidi dei singoli fasci muscolari e gruppi con movimenti minori nelle piccole articolazioni, come contrazioni delle dita e muscoli facciali. Nelle fasi di sonno lento, mioclono è significativamente inferiore.

Il primo periodo di FBS è annotato in 70-100 minuti dall'inizio del sonno. L'immagine EEG in questa fase assomiglia a quella osservata nel primo stadio di FMS, ma spesso appare come le onde dei denti della sega.

Le fasi di sonno lento e rapido si alternano per tutto il tempo di sonno ad intervalli di 90-120 minuti. All'età di 2-3 anni, la durata di un ciclo di sonno è di circa 60 minuti e il primo episodio di FBS viene osservato 1 ora dopo che il bambino si addormenta. Entro 4-5 anni, il ciclo può durare fino a 90 minuti e durante l'intero periodo di sonno, vengono registrati circa 7 cicli, che è quasi identico a quello di un adulto.

La fase del sonno lento nel bambino

La fase del sonno lento acquista importanza nella struttura complessiva del sonno dopo 36 settimane di gestazione, ma ha una durata molto limitata. In un neonato con gestazione normale, vengono identificati FBS, FMS e sonno indifferenziato. La FBS può essere riconosciuta da movimenti di suzione, movimenti quasi continui del corpo, tremori, smorfie e persino elementi di deambulazione, respirazione irregolare, in concomitanza con lampi di attività muscolare. La FMS è caratterizzata da un'attività motoria minima e un tono muscolare più alto.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.