^
A
A
A

Le nuove batterie funzioneranno con le vitamine

 
, Editor medico
Ultima recensione: 30.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

16 September 2016, 09:00

All'università di Toronto, un gruppo di chimici ha sviluppato un tipo di batteria completamente nuovo che può funzionare con le vitamine. Con l'aiuto di funghi geneticamente modificati, gli scienziati hanno prodotto filati di vitamina B2, dai quali hanno sviluppato una batteria ad alta capacità.

Le caratteristiche della nuova batteria possono essere confrontati con le batterie al litio, che sono attualmente in uso e hanno una tensione di 2,5 V, ma invece del solito litio, che viene utilizzato in queste batterie da catodo, i ricercatori hanno utilizzato una flavina dei trefoli di vitamina B2.

Secondo gli scienziati, non sono riusciti a trovare molecole adatte a tutti i parametri che potrebbero essere utilizzati nell'elettronica di consumo per un lungo periodo, ma alla fine sono riusciti a farlo. I materiali naturali hanno interessato gli scienziati non a caso, e uno dei ricercatori Dwight Seferos ha notato che se si prendono materiali inizialmente complessi, ci vorrà molto meno tempo per produrre nuovo materiale.

A Harvard, gli scienziati hanno condotto un esperimento simile e incluso la vitamina B2 nella batteria, ma a Toronto hanno detto che il modello che hanno sviluppato è il primo del suo genere e utilizza molecole polimeriche (catena lunga) in uno degli elettrodi. Di conseguenza, una tale batteria accumula efficientemente energia non in metallo, ma in plastica, meno tossica e più facile da elaborare.

Durante un lungo studio su vari polimeri a catena lunga, i chimici sono riusciti a creare un nuovo materiale. Secondo Seferosa chimica organica può essere confrontato con il costruttore di Lego - i dettagli aggiungere fino a un certo ordine, ma a volte capita che sulla carta tutto deve convergere, ma in realtà, i dettagli non corrispondono, lo stesso processo può essere visto nella chimica delle molecole. I polimeri a catena lunga sono molecole che si attaccano alla catena principale di molecole lunghe.

Gli stessi ricercatori hanno notato che erano riusciti a mettere insieme il loro "progettista" fin dalla quinta volta, quando, dopo aver combinato le molecole a catena lunga e due unità della flavina, è stato ottenuto un nuovo materiale catodico, soddisfacendo tutte le esigenze degli scienziati.

La vitamina B2 è necessaria per l'accumulo di energia nel corpo, è anche in grado di reagire, questa è la proprietà degli scienziati interessati, poiché rende la vitamina B2 un'opzione eccellente per l'uso in batterie di tipo a batteria.

Seferos ha spiegato che la vitamina B2 può assumere simultaneamente fino a 2 elettroni, ha un rendimento elevato, rispetto ad altri polimeri le cui proprietà sono state studiate, e può trasportare diverse cariche. Ora gli scienziati stanno cercando di trovare nuove varianti di materiale che potrebbero essere ricaricate più volte.

Ora il primo campione di una nuova batteria ha le dimensioni di una batteria di apparecchi acustici convenzionali, ma gli esperti sperano che le loro batterie sottili, flessibili e ad alta efficienza energetica possano competere con le batterie tradizionali con contenuto metallico. Inoltre, gli scienziati hanno notato che la tecnologia basata su flavina aiuterà in futuro a sviluppare versioni trasparenti delle batterie.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.