^
A
A
A

OMS: i medici dovrebbero essere preparati alle complicazioni dopo le operazioni danneggiando i genitali femminili

 
, Editor medico
Ultima recensione: 20.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

26 May 2016, 10:15

L'OMS ha sviluppato una serie di raccomandazioni per gli operatori sanitari che contribuiranno a migliorare la qualità dell'assistenza medica per milioni di donne, ragazze e ragazze che hanno subito operazioni non mediche difficili sui genitali. Secondo l'OMS, tali operazioni di ferimento delle donne sono ancora in corso in diversi paesi africani e asiatici, il Medio Oriente. La pratica della rimozione parziale o completa dei genitali femminili è dannosa non solo per le donne, ma anche per la sua progenie. Tra una varietà di complicanze, il sanguinamento, i problemi urinari, il rischio di formazione di cisti, l'infezione e la morte possono essere identificati, e aumenta anche la probabilità di complicazioni durante il parto e la natimortalità.

L'OMS osserva che la pratica delle operazioni di inghiottimento delle donne è diventata un problema globale, e una delle ragioni di ciò è la migrazione internazionale.

Ad oggi, i medici di tutto il mondo dovrebbero essere pronti ad aiutare donne, ragazze e ragazze che hanno subito tali operazioni. Sfortunatamente, non tutti i medici conoscono le gravi conseguenze per la salute delle donne dopo tali operazioni e non sono in grado di fornire assistenza medica completa a tali donne. Tutto ciò porta al fatto che le ragazze e le donne soffrono non solo delle conseguenze fisiche, ma psicologiche dopo le operazioni, mutilando i genitali e gli operatori sanitari possono e dovrebbero aiutare tali pazienti. I medici dovrebbero imparare a riconoscere e trattare le complicanze nelle donne dopo tali interventi chirurgici. Secondo il direttore generale Assistente dell'OMS Flavia Busteru, i medici dovrebbero essere adeguatamente preparati a tali situazioni, che prevengono i nuovi episodi di operazioni di mutilazione e aiutano milioni di donne che sono già diventate vittime di crudeli costumi.

Per quasi 20 anni, il lavoro è stato intensificato per eliminare la pratica della mutilazione genitale femminile, in particolare, la ricerca, l'informazione delle comunità locali, la revisione dei meccanismi legali e l'aumento del supporto politico per l'eliminazione delle pratiche brutali. Inoltre, sono state create risoluzioni che condannano fermamente interventi non medici su genitali femminili e circoncisione femminile.

Le ultime raccomandazioni dell'OMS hanno rilevato l'importanza di fornire cure di qualità alle donne sottoposte a interventi di chirurgia genitale, in particolare alla prevenzione e al trattamento delle complicanze della nascita, a disturbi depressivi e ansiosi e alla consulenza sulla salute sessuale delle donne. L'OMS sottolinea inoltre che è ugualmente importante condurre una sensibilizzazione tra i professionisti medici per impedire la pratica di condurre tali operazioni da parte dei medici, ad esempio, su richiesta dei genitori o dei parenti della ragazza.

Sei anni fa, l'OMS, l'UNICEF e l'UNFPA hanno sviluppato una strategia per sradicare queste pratiche, compresa una strategia per eliminare la pratica della mutilazione genitale femminile da parte del personale medico. Secondo gli esperti, è necessario sviluppare le opportune modalità di condotta per gli operatori sanitari, in cui ci sono istruzioni specifiche su come agire su richiesta dei genitori di ragazze / donne, parenti o la donna a tenere una chirurgia mutilante (in Sudan diffusa pratica della cucitura delle labbra dopo il parto o da vedove, spesso su richiesta della donna stessa).

Inoltre, l'OMS ha sottolineato la necessità di ulteriori ricerche in questo settore per migliorare la qualità dell'assistenza medica per le donne, dopo aver mutilato i genitali delle operazioni. Inoltre, nuovi fatti su tali operazioni possono aiutare la comunità sanitaria a condurre un lavoro di informazione migliore sui rischi per la salute delle donne e ad aiutare a eliminare questa pratica.

!
Trovato un errore? Selezionalo e premi Ctrl + Invio.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.