^
A
A
A

Prevenzione delle infezioni postoperatorie

 
, Editor medico
Ultima recensione: 30.05.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

23 November 2016, 09:00

L'OMS ha sviluppato una nuova serie di raccomandazioni che aiuteranno a salvare vite umane dopo l'intervento chirurgico, oltre a ridurre i costi ospedalieri e ridurre la diffusione minacciosa della resistenza antibatterica nel mondo. Le nuove raccomandazioni contengono 29 articoli, sui quali hanno lavorato 2 dozzine di esperti mondiali, le cui conclusioni si basavano sulle ultime ricerche scientifiche.

Gli esperti hanno detto che durante la preparazione per l'operazione il paziente dovrebbe fare la doccia (bagno), non usare accessori per la rasatura, i medici, a turno, è necessario prescrivere farmaci antibatterici solo prima e durante l'operazione, ma non dopo. La necessità di pubblicare una nuova guida è causata dal grave problema delle infezioni ospedaliere, che colpisce non solo i pazienti e i loro cari, ma anche i sistemi di assistenza sanitaria.

L'Assistente Direttore Generale dell'OMS nel suo intervento ha osservato che è impossibile ammettere che, dopo aver consultato un medico, il paziente abbia ricevuto una malattia più grave. La prevenzione delle infezioni dopo interventi chirurgici è estremamente importante, ma questo processo richiede un approccio integrato.

L'infezione nel corpo del paziente inizia a svilupparsi dopo l'ingresso di batteri nel corpo attraverso le incisioni praticate. Ogni anno tali infezioni portano a una minaccia per la vita di milioni di pazienti, e questo contribuisce anche allo sviluppo della resistenza antibatterica. Secondo le statistiche, l'11% dei pazienti che hanno eseguito queste o quelle operazioni sono infetti da varie malattie infettive (principalmente in paesi con un tenore di vita medio o basso). Nei paesi africani, il 20% delle donne che hanno avuto un taglio cesareo ha sviluppato un'infezione alle ferite. Ma le infezioni dopo gli interventi chirurgici sono un problema non solo per i paesi poveri, negli Stati Uniti, per questo, 400.000 persone sono costrette a trascorrere altri giorni in ospedale, il che aumenta il costo della loro manutenzione in ospedale.

Nelle nuove raccomandazioni, gli specialisti hanno descritto azioni preoperatorie e misure preventive durante e dopo l'intervento chirurgico. La guida fornisce una sufficientemente ampia elenco di azioni: dai metodi più precauzione di base (bagno prima chirurgia, chirurghi igiene e assistenti, ecc) alle raccomandazioni a che punto usare antibiotici per prevenire l'infezione, che utilizzano antibiotici, antisettici, materiali di sutura e altri

Nessuno di noi è assicurato contro l'operazione e l'infezione sul tavolo operatorio minaccia chiunque, indipendentemente dallo stato sociale, dal livello di reddito, dal sesso, ecc. Le nuove raccomandazioni aiuteranno i medici a ridurre il rischio di infezioni, migliorare la qualità dell'assistenza ai pazienti e ridurre la diffusione della resistenza antibatterica. Gli specialisti dell'OMS hanno notato che ogni paziente prima dell'intervento dovrebbe chiedere al proprio chirurgo se deve seguire le nuove raccomandazioni.

Vale la pena notare che i nuovi consigli sono i primi, che si basano su dati fattuali, e negli orientamenti esistenti vi sono alcune incongruenze tra i dati effettivi e le azioni raccomandate.  

La nuova versione è stata compilata tenendo conto dei dati scientifici disponibili, dei costi stimati monetari e di altro tipo per l'attuazione delle raccomandazioni nelle istituzioni mediche e tenendo conto anche degli interessi dei pazienti.

L'OMS ha osservato che oggi il compito principale è fermare la diffusione della resistenza antibatterica e in nuove raccomandazioni il momento chiave è l'uso di antibiotici solo prima e durante l'operazione. Spesso questi farmaci vengono prescritti dopo l'intervento chirurgico, il che, secondo gli esperti, non è assolutamente necessario. Secondo studi selettivi condotti in Africa, le nuove raccomandazioni ridurranno il numero di casi di infezioni post-operatorie di quasi il 40%. L'OMS sta ora preparando le istruzioni per introdurre nuove raccomandazioni nella pratica.

Prevenzione delle infezioni postoperatorie

L'OMS ha sviluppato una nuova serie di raccomandazioni che aiuteranno a salvare vite umane dopo l'intervento chirurgico, oltre a ridurre i costi ospedalieri e ridurre la diffusione minacciosa della resistenza antibatterica nel mondo. Le nuove raccomandazioni contengono 29 articoli, sui quali hanno lavorato 2 dozzine di esperti mondiali, le cui conclusioni si basavano sulle ultime ricerche scientifiche.

Gli esperti hanno detto che durante la preparazione per l'operazione il paziente dovrebbe fare la doccia (bagno), non usare accessori per la rasatura, i medici, a turno, è necessario prescrivere farmaci antibatterici solo prima e durante l'operazione, ma non dopo. La necessità di pubblicare una nuova guida è causata dal grave problema delle infezioni ospedaliere, che colpisce non solo i pazienti e i loro cari, ma anche i sistemi di assistenza sanitaria.

L'Assistente Direttore Generale dell'OMS nel suo intervento ha osservato che è impossibile ammettere che, dopo aver consultato un medico, il paziente abbia ricevuto una malattia più grave. La prevenzione delle infezioni dopo interventi chirurgici è estremamente importante, ma questo processo richiede un approccio integrato.

L'infezione nel corpo del paziente inizia a svilupparsi dopo l'ingresso di batteri nel corpo attraverso le incisioni praticate. Ogni anno tali infezioni portano a una minaccia per la vita di milioni di pazienti, e questo contribuisce anche allo sviluppo della resistenza antibatterica. Secondo le statistiche, l'11% dei pazienti che hanno eseguito queste o quelle operazioni sono infetti da varie malattie infettive (principalmente in paesi con un tenore di vita medio o basso). Nei paesi africani, il 20% delle donne che hanno avuto un taglio cesareo ha sviluppato un'infezione alle ferite. Ma le infezioni dopo gli interventi chirurgici sono un problema non solo per i paesi poveri, negli Stati Uniti, per questo, 400.000 persone sono costrette a trascorrere altri giorni in ospedale, il che aumenta il costo della loro manutenzione in ospedale.

Nelle nuove raccomandazioni, gli specialisti hanno descritto azioni preoperatorie e misure preventive durante e dopo l'intervento chirurgico. La guida fornisce una sufficientemente ampia elenco di azioni: dai metodi più precauzione di base (bagno prima chirurgia, chirurghi igiene e assistenti, ecc) alle raccomandazioni a che punto usare antibiotici per prevenire l'infezione, che utilizzano antibiotici, antisettici, materiali di sutura e altri

Nessuno di noi è assicurato contro l'operazione e l'infezione sul tavolo operatorio minaccia chiunque, indipendentemente dallo stato sociale, dal livello di reddito, dal sesso, ecc. Le nuove raccomandazioni aiuteranno i medici a ridurre il rischio di infezioni, migliorare la qualità dell'assistenza ai pazienti e ridurre la diffusione della resistenza antibatterica. Gli specialisti dell'OMS hanno notato che ogni paziente prima dell'intervento dovrebbe chiedere al proprio chirurgo se deve seguire le nuove raccomandazioni.

Vale la pena notare che i nuovi consigli sono i primi, che si basano su dati fattuali, e negli orientamenti esistenti vi sono alcune incongruenze tra i dati effettivi e le azioni raccomandate.  

La nuova versione è stata compilata tenendo conto dei dati scientifici disponibili, dei costi stimati monetari e di altro tipo per l'attuazione delle raccomandazioni nelle istituzioni mediche e tenendo conto anche degli interessi dei pazienti.

L'OMS ha osservato che oggi il compito principale è fermare la diffusione della resistenza antibatterica e in nuove raccomandazioni il momento chiave è l'uso di antibiotici solo prima e durante l'operazione. Spesso questi farmaci vengono prescritti dopo l'intervento chirurgico, il che, secondo gli esperti, non è assolutamente necessario. Secondo studi selettivi condotti in Africa, le nuove raccomandazioni ridurranno il numero di casi di infezioni post-operatorie di quasi il 40%. L'OMS sta ora preparando le istruzioni per introdurre nuove raccomandazioni nella pratica.

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.