^
A
A
A

Una persona fredda è più difficile da concentrare

 
, Editor medico
Ultima recensione: 20.12.2018
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

20 December 2018, 09:00

L'oppressione dello stato mentale ed emotivo in ARVI e il freddo possono essere causati da segnali chimici inviati dal sistema immunitario ai centri cerebrali.

Tutti conoscono una condizione sgradevole con qualsiasi raffreddore - dopo tutto, molti sono preoccupati non tanto con un colpo di tosse o naso che cola, come un netto calo dell'attività sotto forma di apatia, stanchezza, incapacità di concentrazione. Cerca di spiegare questa situazione con la frase "la malattia toglie tutte le forze" non ha senso. Dopo tutto, non solo le possibilità fisiche scompaiono: l'attività mentale diventa complicata, le emozioni vengono livellate, la psiche diventa oppressa.

Probabilmente, la malattia ha qualche effetto sull'attività cerebrale? O il motivo per l'attività del sistema immunitario?

Il dott. Thomas Blank e il suo team hanno condotto una serie di studi con roditori affetti da un'infezione virale non a lungo termine. Poiché gli scienziati hanno cercato di valutare il comportamento e le caratteristiche mentali dei topi, sono stati avviati test speciali: gli animali malati sono stati messi in un serbatoio d'acqua, dal quale è stato difficile per loro uscire da soli. Cosa hanno visto i ricercatori?

I roditori sani ripetutamente hanno ripetuto i tentativi di uscire dal serbatoio. Un topo malato ha completato rapidamente la lotta e ha speso le sue energie solo per rimanere a galla e non affogare.
 Secondo gli scienziati, con l'inizio del processo infettivo, l'immunità degli animali ha stimolato la produzione di beta-interferone, uno specifico agente antivirale. Questa sostanza è in grado di entrare in contatto con i recettori cellulari che costituiscono la barriera emato-encefalica. Con la disattivazione dei dati del recettore, i topi sono diventati più resistenti allo stato di apatia associato alla malattia.

Se consideriamo la situazione a livello molecolare-cellulare, possiamo descriverla in questo modo: quando l'infezione è stata introdotta, la difesa immunitaria ha stimolato l'interferone beta, che agisce sui recettori dei vasi, e attiva la produzione dell'immunoproteina CXCL10. Questa proteina appartiene al gruppo delle citochine e indebolisce le proprietà delle cellule nervose dell'ippocampo. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare che ci sono altre varianti della risposta immunitaria, in cui l'interferone con le sue proprietà antivirali non è necessario - per esempio, è un processo infiammatorio causato dai microbi. Apparentemente, qui funzionano altri meccanismi che causano apatia, sonnolenza e perdita di efficienza.

Dal punto di vista dell'evoluzione, la situazione è chiara: la letargia psicologica porta al risparmio energetico, perché l'energia è necessaria per il paziente per combattere la malattia. Tuttavia, gli scienziati vorrebbero imparare come gestire i segnali immunitari che provocano lo sviluppo di "raffreddori" - perché oggi le persone non hanno bisogno di coltivare così tanto la loro energia, come lo erano centomila anni fa.

Inoltre, segni simili di depressione si riscontrano anche in pazienti con oncologia e malattie autoimmuni, quindi risolvere questo problema potrebbe aiutare a rispondere ad altre domande simili.

trusted-source[1], [2], [3], [4]

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.