^
A
A
A

Come prevenire il ripetersi dell'aritmia?

 
, Editor medico
Ultima recensione: 16.04.2020
 
Fact-checked
х

Tutti i contenuti di iLive sono revisionati o verificati da un punto di vista medico per garantire la massima precisione possibile.

Abbiamo linee guida rigorose in materia di sourcing e colleghiamo solo a siti di media affidabili, istituti di ricerca accademici e, ove possibile, studi rivisti dal punto di vista medico. Nota che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono link cliccabili per questi studi.

Se ritieni che uno qualsiasi dei nostri contenuti sia impreciso, scaduto o comunque discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

19 February 2020, 14:00

Esperti medici di Stati Uniti, Germania, Polonia e Russia sostengono che la tecnica di denervazione renale, un intervento minimamente invasivo, aiuta a ridurre significativamente il tasso di recidiva di aritmia e a correggere l' aumento di fondo della pressione sanguigna .

L'aritmia può essere attribuita alle patologie cardiache più comuni. La malattia è caratterizzata da una violazione della frequenza e del ritmo dei battiti cardiaci, un disturbo dell'eccitazione e della contrazione muscolare. In molti pazienti, il disturbo del ritmo è accompagnato da un aumento della pressione sanguigna, che aggrava ulteriormente il problema. Una delle forme più pericolose di aritmia è la fibrillazione atriale . Stiamo parlando di un tipo speciale di tachiaritmia sopraventricolare che si verifica con l'attività elettrica caotica degli atri a una frequenza di impulsi di 350-700 al minuto. Questa frequenza rende impossibile il coordinamento delle contrazioni. È molto importante non solo trattare la patologia, ma anche prevenirne le ulteriori ricadute, ognuna delle quali comporta un grave pericolo per il paziente.

Uno dei metodi di tale prevenzione può essere chiamato quello che è stato scoperto dagli scienziati che rappresentano il National Medical Research Center e il Federal Center for Cardiovascular Surgery. I medici hanno lanciato un progetto clinico multicentrico randomizzato, durante il quale hanno determinato l'effetto preventivo positivo della denervazione renale. Il metodo di distruzione dei nervi situato nelle pareti delle arterie dei reni viene eseguito contemporaneamente all'intervento interventistico standard, che è un isolamento a radiofrequenza del catetere delle sezioni terminali dei vasi venosi polmonari. Ciò consente di ridurre la probabilità di una ricorrenza di aritmia e favorisce la normalizzazione della pressione sanguigna.

Nel processo di lavoro del progetto, gli scienziati hanno preso conoscenza della case history di oltre 300 pazienti affetti da fibrillazione atriale accompagnata da un aumento della pressione sanguigna. Per metà di essi, è stata utilizzata l'ablazione del catetere e per l'altra metà, oltre alle procedure standard, è stato utilizzato il metodo di denervazione renale. Di conseguenza, i risultati migliori sono stati registrati nel secondo gruppo di pazienti: durante l'anno successivo alla fine del trattamento, la percentuale di assenza di recidiva di aritmia in questi pazienti è stata più elevata rispetto al primo gruppo. Inoltre, la loro pressione sanguigna era completamente normale.

In precedenza, gli scienziati avevano già condotto uno studio simile, sebbene fosse molto meno esteso: ha coinvolto solo 27 pazienti affetti da fibrillazione atriale a causa dell'aumento della pressione sanguigna. I risultati hanno quindi avuto molto in comune con i risultati attuali. Si scopre che durante il secondo studio, gli esperti hanno confermato solo le informazioni che esistevano prima. Forse il prossimo passo sarà l'introduzione di un nuovo metodo nella pratica clinica.

Materiale pubblicato sul Journal of American Medical Association

You are reporting a typo in the following text:
Simply click the "Send typo report" button to complete the report. You can also include a comment.